Le emozioni sono come un pendolo

Mantenere l'equilibrio emotivo ci consentirà di dirigere la nostra vita e impedire alle emozioni di prendere il controllo.
Le emozioni sono come un pendolo

Ultimo aggiornamento: 24 marzo, 2022

Le emozioni sono come un pendolo, mentre alcuni giorni ci sentiamo al culmine della felicità, altri sperimentiamo la più grande tristezza.

Ciò che è rilevante è che la forza delle nostre emozioni positive troverà la sua controparte in un’intensità altrettanto alta di sentimenti negativi. Potrebbe sembrare che nel primo caso sia opportuno lasciarsi trasportare da una gioia eccessiva, ma la realtà non è tale.

Vivere le nostre emozioni (indipendentemente dalla loro valenza) con un coinvolgimento eccessivo ci porterà alla sofferenza.

Queste devono essere le vele della nostra nave, che ci aiutano a navigare nella vita, ma non dobbiamo mai dare esse il ruolo di timone. Quando le emozioni prendono il controllo, il caos è quasi assicurato.

Intensità emotiva

Naturalmente alcune persone hanno una maggiore tendenza di altre all’intensità emotiva. Questi individui sentono ogni loro emozione in modo più intenso rispetto alla media.

Si eccitano, traboccano di gioia e sprofondano anche nella disperazione e sono paralizzati dalla paura. Tutto il loro mondo è guidato dalle emozioni e queste le influenzano profondamente.

L’esperienza di livelli emotivi così elevati finisce per far perdere il controllo. Qualsiasi piccolo evento nella loro vita è sufficiente per sbilanciarli e spesso possono sentirsi come se stessero annegando nel loro stesso mondo emotivo. L’eccessiva tristezza può portare alla depressione, la paura esagerata può portare all’ansia e l’euforia incontrollata è un sintomo di mania.

Qualsiasi estremo è pericoloso perché priva la persona del controllo su se stessa. Solo chi raggiunge l’equilibrio si sviluppa liberamente nella vita, il resto è prigioniero dei propri stati d’animo. Se desideriamo godere di un buono stato di salute psicologica dobbiamo bilanciare quello che proviamo.

Litigio di coppia.

Il pericolo degli estremi

Capiamo tutti facilmente quanto sia spiacevole provare intensamente le emozioni negative. Tuttavia, potremmo pensare che eccitarci, essere felici e divertirci in eccesso non possa essere un male. Mettiamoci per un momento nei panni di qualcuno che prova qualsiasi emozione intensamente.

All’improvviso, questa persona ha un’occasione d’oro: trova il lavoro dei suoi sogni e la sua situazione finanziaria va alle stelle. È logico e naturale sentirsi felici e grati per aver raggiunto un obiettivo, ma questa persona probabilmente andrà oltre.

L’entusiasmo sarà così grande che potrebbe perdere la bussola e iniziare a spendere in modo incontrollabile, o trascurare gli altri ambiti della propria vita perché tutte le sue energie sono concentrate su questo risultato.

Le sue finanze e le sue relazioni personali si deterioreranno e quando il pendolo oscillerà e la situazione cambierà, si ritroverà faccia a faccia con una realtà in frantumi. La caduta sarà tremenda perché così è stata l’ascesa. La persona si sentirà discendere negli abissi perché non riusciva a tenere i piedi per terra quando tutto andava bene.

Lo stesso potrebbe accadere se inizia una nuova relazione. Crederà di aver trovato l’amore della sua vita e il senso della sua esistenza.

La felicità sarà così traboccante che la porterà a dedicarti al 100% alla relazione. Quando finirà, si proverà un immenso vuoto proporzionale all’iniziale euforia. E in quel momento scoprirà di aver dato tanto da ritrovarsi con niente.

Donna afflitta.

Le emozioni sono come un pendolo: dobbiamo cercare l’equilibrio

Come affermava Aristotele, “la virtù sta nel mezzo”. Le emozioni sono una parte intrinseca di tutti gli esseri umani; dobbiamo permetterci di sentirle, dobbiamo ascoltarle, ma non dobbiamo mai dare esse il controllo.

Cerchiamo di stare sempre con i piedi per terra: se ci succede qualcosa di bello, non perdiamo la concentrazione, e quando succede qualcosa di brutto, non perdiamo la speranza.

Mettiamoci nella posizione di spettatori esterni delle nostre stesse emozioni, non identifichiamoci con esse. Le emozioni sono come un pendolo: per tutta la vita proveremo sentimenti di ogni tipo, sviluppiamo la capacità di analizzarli da un punto più alto. Quello che sento in un dato momento non è quello che sono.

Le emozioni sono guide per svilupparsi nel proprio ambiente e agire nel miglior modo possibile. Riceviamo il loro messaggio e applichiamolo, ma senza farci coinvolgere troppo. Facciamo sentire, ma senza mai dimenticare che abbiamo il timone.

Potrebbe interessarti ...
Emozione proiettata, quando le reazioni hanno altre cause
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Emozione proiettata, quando le reazioni hanno altre cause

L'emozione proiettata è un comune di meccanismo di difesa che usiamo più spesso di quanto pensiamo. Lo analizziamo di seguito.



  • Márquez, M., Montorio, I., Izal, M., & Losada, A. (2006). Predicción del nivel de Ansiedad a partir de la intensidad emocional y el afrontamiento cognitivo en situaciones amenazantes en personas jóvenes y mayores. Ansiedad y estrés12.
  • Zúñiga, M., & Farías, X. (2002). Manía en niños y adolescentes. Revista chilena de neuro-psiquiatría40(1), 31-40.