L'effetto Forer

L'effetto Forer

Ultimo aggiornamento: 26 luglio, 2022

L’effetto Forer può essere definito come la tendenza ad accettare una descrizione della personalità come propria sebbene in realtà potrebbe applicarsi a molte persone.

Questo effetto fu scoperto dallo psicologo Bertram R. Forer quando, durante una delle sue lezioni nel 1948, chiese ai suoi studenti di fare un test della personalità per poi analizzarne i risultati.

Forer ignorò le loro risposte e fornì un’unica descrizione a ciascuno dei partecipanti come analisi individuale dei risultati del test. Come si può vedere qui di seguito, si tratta di una descrizione vaga e imprecisa nel definire una persona.

Esperimento di Bertram R. Forer

“Hai bisogno che le altre persone ti apprezzino e ti ammirino, eppure sei critico con te stesso. Sebbene tu abbia alcuni punti deboli, in genere sei in grado di compensarli. Hai una notevole dote che non hai ancora sfruttato. Tendi a essere disciplinato e controllato all’esterno, ma preoccupato e insicuro all’interno. A volte nutri seri dubbi in merito alle tue scelte.

Preferisci una certa quantità di cambiamento e varietà e ti senti deluso quando devi sottostare a restrizioni e limiti. Ti vanti anche di essere un pensatore indipendente e di non accettare le dichiarazioni di altri senza prove sufficienti. Ma trovi poco saggio rivelarti agli altri. A volte sei estroverso, affabile e socievole, mentre altre volte sei introverso, cauto e riservato. Alcune tue aspirazioni sono piuttosto irrealistiche”.

Forer chiese ai suoi studenti di valutare la sua descrizione da 0 a 5, dove 5 indicava “eccellente” e 4 “buona”. La valutazione media è stata di 4,26.

Ma questa scoperta non è rimasta dentro l’aula di questo psicologo americano della fine degli anni ’40 ed è stata replicata centinaia di volte; la media è sempre stata di circa 4,2 su 5 o una valutazione dell’accuratezza dell’84%.

In breve, Forer ha convinto le persone che poteva leggere con successo la loro personalità. La sua precisione, di fatto, li stupì nonostante la sua analisi della personalità fosse stata presa dalla rubrica di astrologia di una rivista e presentata a diverse persone indipendentemente dal loro segno zodiacale.

Effetto Forer e pseudoscienze.

Effetto Forer e pseudoscienze

L’effetto Forer sembra spiegare, almeno in parte, perché così tante persone credono nelle pseudoscienze come l’astrologia, l’astroterapia, la cartomanzia, la chiromanzia, l’enneagramma, la divinazione, la grafologia, ecc. A loro avviso, di fatto, riescono a descrivere la loro personalità.

Gli studi su queste pseudoscienze dimostrano che non sono validi strumenti di valutazione della personalità, eppure hanno numerosi seguaci. E ciò si deve proprio all’effetto Forer.

Quest’ultimo viene anche chiamato fallacia della convalida personale; errore di convalida soggettiva o effetto Barnum (termine coniato nel 1956 dallo psicologo americano Paul Meehl nella sua analisi di come lo showman e uomo d’affari PT Barnum abbia ingannato diverse persone usando descrizioni infondate della personalità).

Le spiegazioni più comuni fornite per l’effetto Forer sono in termini di speranza, illusione e tendenza intrinsecamente umana a cercare di dare un senso all’esperienza (sebbene Forer parlasse di ingenuità umana).

Le persone tendono a credere e ad accettare descrizioni di se stesse secondo il loro desiderio che le affermazioni siano vere e non secondo l’accuratezza empirica (derivata dall’esperienza) delle affermazioni oggettivamente misurate. Tendiamo ad accettare affermazioni discutibili, anche false, su noi stessi se riusciamo a trovarle positive o lusinghiere.

Coloro i quali chiedono consiglio a sensitivi, medium, indovini, lettori della mente, grafologi, ecc., di ignorano le informazioni fornite che possono essere considerate false o discutibili. In molti casi, anche le loro parole o azioni forniscono la maggior parte delle informazioni che erroneamente attribuiscono a un consulente pseudoscientifico.

A causa di ciò, si convincono del fatto che la persona a cui si sono rivolti abbia fornito loro dettagli e informazioni personali. Tale convalida soggettiva, tuttavia, ha scarso valore scientifico.

Effetto Forer e dubbi.

Dare un senso alle informazioni tramite l’effetto Forer

Cerchiamo costantemente di dare un senso al diluvio di informazioni disconnesse che riceviamo ogni giorno. In seguito a ciò, attribuiamo coerenza al fine di creare uno scenario ragionevole che si adatti a tali informazioni, per questo, a volte diamo un senso all’inganno.

Spesso ci accontentiamo di riempire gli spazi vuoti per fornire un quadro coerente di quello che sentiamo e vediamo; nonostante ciò, un attento esame delle prove rivelerebbe che i dati che utilizziamo sono vaghi, confusi, criptici, incoerenti e persino incomprensibili.

I medium, per esempio, spesso pongono una tale quantità di domande sconnesse e ambigue e così in fretta che sembrano avere accesso a conoscenze personali sui loro clienti. La verità è che saranno proprio i clienti a dare involontariamente e inconsapevolmente tutte le associazioni e le convalide necessarie.

I ricercatori Marks e Kamman sostengono che una volta rintracciata una credenza o un’aspettativa che risolve l’incertezza (per definizione scomoda per gli esseri umani), è più probabile che l’individuo si soffermi su nuove informazioni che confermino la credenza e respinga le prove contrarie (bias di conferma).

Questo meccanismo che si autoperpetua consolida l’errore originale e crea un’eccessiva fiducia in cui le controargomentazioni sono viste come frammentarie o disgiunte per annullare la convinzione adottata.

L’effetto Forer, tuttavia, spiega solo in parte perché così tante persone si affidano alle pseudoscienze. A ciò bisogna aggiungere che sebbene sia vero che nella maggior parte dei casi si ricevano affermazioni vaghe e generali, talvolta sono specifiche.

La verità, però, è che queste ultime sono pur sempre applicabili a un gran numero di persone e un certo numero di spiegazioni specifiche e precise vengono indovinate per caso.

Mente con processi informatici.

Conclusioni

Gli studi sull’effetto Forer sono numerosi. Dickson e Kelly hanno esaminato molti di questi studi e sono giunti alla concluse che, in generale, i risultati confermano la tendenza umana ad accettare descrizioni ambigue di sé.

In aggiunta, sembra che le descrizioni positive o favorevoli siano più favorevolmente accettate di quelle negative o sfavorevoli; tuttavia, le affermazioni sfavorevoli sono ampiamente accettate da persone con bassa autostima.

È stato anche riscontrato che generalmente riusciamo a distinguere tra descrizioni imprecise (o applicabili a un gran numero di persone) e accurate (corrette o non applicabili alla maggioranza).

Sapendo ciò, dovremo abituarci a essere critici nei confronti delle informazioni sul nostro conto che provengono dall’estero.

Potrebbe interessarti ...
Disturbi di personalità e ADHD
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Disturbi di personalità e ADHD

Disturbi della personalità e ADHD sono patologie spesso associate. Vi invitiamo a scoprire in che modo sono correlati.