Martin Seligman e le sue interessanti teorie

Martin Seligman è uno dei più importanti psicologi contemporanei, soprattutto per le sue teorie sul benessere. Ne spieghiamo alcuni.
Martin Seligman e le sue interessanti teorie
Sergio De Dios González

Revisionato e approvato da lo psicologo Sergio De Dios González.

Scritto da Edith Sánchez

Ultimo aggiornamento: 15 dicembre, 2022

Martin Seligman è un rinomato psicologo e scrittore americano, nato il 12 agosto 1924 ad Albany, negli Stati Uniti. È professore all’Università della Pennsylvania e rappresenta uno dei principali riferimenti nel mondo della psicologia positiva. Le sue teorie di “impotenza appresa” e “benessere” oggi sono un caposaldo.

Seligman ha sviluppato una carriera eccezionale per tutta la vita. È stato presidente dell’American Psychiatric Association (APA) ed editore della sua famosa newsletter Prevention and Treatment. Tutto ciò ha portato al suo consolidamento come psicologo e come autore di diversi libri, che lo hanno catapultato come un importante teorico in materia e un grande ricercatore.

Gli studi del Dr. Martin Seligman e della sua psicologia positiva si concentrano soprattutto sull’approccio alla depressione. Postula che siamo capaci di usare strategie più intelligenti quando la speranza aleggia nei nostri occhi.

Martin Seligman e il tema della depressione

Sono molti i contributi che Martin Seligman ci ha lasciato riguardo alla depressione causata da pensieri negativi. Il suo lavoro segue la linea di studi del professor Aron T. Beck, noto anche per i suoi contributi al trattamento della depressione. Allo stesso modo, nella terapia cognitiva relativa a problemi di percezione della realtà e perdita di controllo di fronte a esperienze negative.

A questo punto va ricordato che la psicologia positiva dedica buona parte dei suoi sforzi all’individuazione di quei fattori o variabili che rendono certe persone molto resistenti a livello mentale di fronte alle difficoltà. Uno di questi fattori è proprio la nostra inerzia quando si tratta di pensare, di porsi di fronte ai problemi nel piano immaginario che costruiamo e in cui li collochiamo.

Le abitudini di pensiero non devono persistere per sempre. Una delle scoperte più significative della psicologia degli ultimi vent’anni è che gli individui scelgono il proprio modo di pensare.

-Martin Seligman-

Teoria dell’impotenza appresa

Martin Seligman ha sollevato con le sue teorie la possibilità di aumentare il benessere e ridurre la depressione nei pazienti. I suoi postulati forniscono strumenti meravigliosi per risolvere i problemi e modificare la percezione del mondo in coloro che sono depressi. Allo stesso modo, lo studio sulla felicità ha contribuito a trovare modi per rafforzare virtù e capacità.

Donna con le braccia aperte che si gode la sua felicità

Uno dei concetti centrali nel lavoro di Martin Seligman è quello di “ impotenza appresa. Ciò è correlato all’assenza di attività o alla mancanza di risposta a situazioni che minacciano il soggetto, che diventa fonte di depressione per molte persone.

Si verifica quando qualcuno sperimenta una situazione e semplicemente lascia che i risultati accadano, senza agire in alcun modo. Il tutto avviene in un quadro in cui ci sono pensieri negativi automatici che impediscono l’azione.

Sulla base di queste riflessioni, nel 2002 Martin Seligman ha creato la teoria dell’autentica felicità nelle persone. Successivamente, ha portato avanti studi sperimentali che poi sono diventati la teoria del benessere e il modello PERMA. Questi si concentrano su come le emozioni e le relazioni positive, insieme all’impegno personale, portino al raggiungimento degli obiettivi e all’equilibrio emotivo.

Sperimentalmente è stata sollevata la necessità di contrastare i pensieri negativi degli esseri umani come meccanismo antidepressivo, evidenziando le emozioni di felicità e ottimismo. Vale a dire che per non cadere in depressione, le situazioni che ci capitano devono essere razionalizzate o spiegate, in modo positivo e non negativo. Ciò implica una prospettiva di gioia e di speranza.

Disimparare contro l’impotenza appresa

La gestione che facciamo delle nostre relazioni interpersonali è direttamente associata alla nostra salute mentale, in particolare all’autostima e alle strategie di risoluzione dei problemi che tendiamo a utilizzare. In questo senso, l’impotenza appresa (assenza di speranza) ci impedisce di mobilitare le nostre risorse per cercare di uscire da una situazione complicata.

In altre parole, ci fa arrendere e rinunciare. Una posizione che in molti casi porta direttamente alla depressione. Pertanto, è in grado di influenzare, e molto, il nostro modo di agire, pensare e sentire.

In molti casi, ansia e depressione compaiono quando ci sentiamo incapaci di trovare soluzioni ai problemi. La mancanza di iniziativa di fronte a una difficoltà o la delega di ogni responsabilità sono due dei fattori correlati di questa impotenza appresa. Martin Seligman afferma che questa mancanza di autoefficacia (posso farcela) combinata con un basso locus of control ( il raggiungimento dipende da me) può essere disimparata come atteggiamento vitale.

Situazioni difficili sul lavoro, a scuola o nell’ambiente sociale o familiare possono generare in qualcuno un senso di impotenza, mentre si sente aggredito o violato. Quando ciò accade, non è sufficiente dire a qualcuno che si trova in una situazione del genere cosa fare. Inoltre, è necessario fargli vedere che conserva la capacità di influenzare positivamente ciò che accade.

Un esempio di impotenza appresa

Immaginiamo, ad esempio, un atleta infortunato. Questo atleta potrebbe aver bisogno di andare a correre per un po’ per recuperare. Potrebbe non essere in grado di utilizzare questo metodo comune per migliorare le sue prestazioni, ma potrebbe utilizzarne altri. Ad esempio, andare da un fisioterapista per accelerare il recupero, lavorare sulle catene muscolari che non sono state colpite dall’infortunio o curare la sue dieta per evitare di ingrassare.

Un atleta, in preda all’impotenza appresa, sentirà che l’unica cosa che può fare è lasciare che il tempo scorra finché la ferita non sarà guarita. Questo atteggiamento non solo lo farà sentire frustrato e minerà il suo senso di controllo, ma non gli farà nemmeno ritrovare tutta la forma che aveva perso, una volta rientrato dall’infortunio.

Si possono apprendere sentimenti ed emozioni, come l’amore o il coraggio, la tenacia, lo sviluppo dell’intelligenza sociale. Questo aiuta a ristrutturare i pensieri negativi. Inoltre, porta ad andare avanti in situazioni che mettono alla prova la nostra forza mentale.

Donna preoccupata che simboleggia l'impotenza appresa da Martin Selingman

Teoria del benessere o modello PERMA di Martin Seligman

Un altro dei grandi contributi di Martin Seligman alla psicologia è il modello PERMA,che descrive la libera scelta delle persone di aumentare il proprio benessere. Pertanto, include le basi e gli indicatori per sentirsi bene, essere positivi e mantenere quell’atteggiamento e quel sentimento il più a lungo possibile di giorno in giorno.

Va detto che questo modello è un’evoluzione della sua prima proposta Le tre vie della felicità (1999). Così l’autore cambia oggetto di studio, passando dallo studio della felicità allo studio del benessere (2010).

In questo caso, PERMA è un acronimo che raggruppa i cinque elementi principali su cui ruota questo modello ; che si riassumono in:

  • P (positive emotion) : Significa aumentare la quantità di emozioni positive (gratitudine, speranza, amore, curiosità, ecc.), ma non a costo di scambiarle o trasporre con quelle negative (paura, tristezza, rabbia, ecc. ), ma piuttosto come uno strumento per affrontarli.
  • E  (engagement) : Consiste nel prendere un impegno con noi stessi e le nostre forze, al fine di metterci in uno stato di armonia, affinità, flusso di coscienza. Ovvero l’impegno nella ricerca di quelle attività che ci permettono di entrare in uno stato di attivazione ottimale. Come quando siamo così immersi in un progetto o in un compito e il tempo sembra fermarsi, perché ci concentriamo solo su ciò che stiamo facendo nel momento presente.

Inoltre..

  • R (relationships): significa favorire relazioni sane e positive, in quanto è un fattore essenziale per raggiungere il nostro benessere.
  • M (meaning): questo fattore si riferisce alla ricerca di significato e scopo nella nostra vita e implica l’appartenenza a qualcosa di più grande di noi stessi. In questo modo, ogni obiettivo raggiunto, ogni traguardo raggiunto, ogni scopo raggiunto, sottende un significato rilevante che lo impregna di un significato trascendentale.
  • A (accomplishment): presuppone il successo e un senso di realizzazione. Pertanto, implica la definizione di obiettivi che, una volta raggiunti, serviranno a sentirsi competenti e autonomi.

Riflessioni conclusive sul modello di Martin Seligman

Per Seligman, se riusciamo a coprire tutti questi fattori, possiamo raggiungere un benessere sostenibile e completo. Tuttavia, lo psicologo chiarisce che non dovremmo cercare di promuovere tutti e ciascuno dei fattori del modello PERMA allo stesso modo, nemmeno in modo forzato o imposto; dobbiamo, piuttosto, cercare di promuovere coloro con i quali ci identifichiamo e ci sentiamo più a nostro agio, senza la necessità di mettere a repentaglio il nostro stesso benessere.

Emozioni positive e motivazione ad agire in situazioni difficili

Come possiamo vedere, l’approccio di Martin Seligman mira a lavorare le emozioni in modo positivo. Nutre e mette in risalto le cose buone in ogni essere umano. Questo, di per sé, contribuisce ad aumentare considerevolmente la fiducia e l’autostima di una persona.

L’obiettivo è garantire che gli individui riescano a dispiegare le proprie capacità in situazioni conflittuali. Cerca di favorire la risoluzione positiva delle difficoltà e motivare azioni efficaci in situazioni specifiche. Disimpara quel comportamento di lasciare andare le cose o reprimerle.

Donna felice con abbracci aperti che simboleggiano le teorie di Martin Selingman

Infine, il concetto di benessere di Seligman comprende quello di felicità e ottimismo. Entrambi possono essere raggiunti attraverso le emozioni positive, l’impegno nelle attività, le relazioni positive con l’ambiente, forgiando scopi e risultati personali. Questo è ciò che in fin dei conti impedisce a qualcuno di cadere in depressione e favorisce una vita piacevole.

Potrebbe interessarti ...
Martin Seligman e la psicologia positiva
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Martin Seligman e la psicologia positiva

Martin Seligman, considerato il padre della psicologia positiva, spiega che la felicità è la combinazione di tutti i nostri punti di forza.



  • Maier, S. F., & Seligman, M. E. (1976). Learned helplessness: Theory and evidence. Journal of Experimental Psychology: General, 105(1), 3–46. https://doi.org/10.1037/0096-3445.105.1.3
  • Tayyab, R & Seligman, M. (2018). Positive Psychotherapy: Clinician Manual. Oxford University Press.

I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.