Modello tripartito dei disturbi dell'umore

Presentiamo il modello tripartito dei disturbi dell'umore dei ricercatori Clark e Watson, un valido tentativo di unire due categorie diagnostiche che generalmente appaiono piuttosto vicine.
Modello tripartito dei disturbi dell'umore

Ultimo aggiornamento: 15 marzo, 2021

In questo articolo presentiamo il modello tripartito dei disturbi dell’umore dei ricercatori Clark e Watson per descrivere ansia e depressione, due categorie diagnostiche distinte.

L’ansia è caratterizzata da una marcata tendenza all’apprensione, preoccupazione per il futuro e da un’elevata attivazione fisiologica, tra gli altri sintomi. Da parte sua, la depressione è caratterizzata soprattutto da cattivo umore, insieme ad una serie di sintomi che, in genere, ne derivano o concorrono ad esso: scarso appetito, anedonia, apatia, insonnia, ecc.

Questi stati potrebbero apparire indipendenti fra loro, ma la verità è che nella pratica clinica di routine tendono ad andare insieme. Sebbene il DSM-5 non abbia ancora creato una categoria diagnostica in quanto tale che riunisca i sintomi di entrambi, l’ICD-10 include come propria categoria la diagnosi di disturbo ansia-depressivo misto.

È un disturbo in cui il paziente presenta sintomi sia di ansia che di depressione, ma nessuno di essi è chiaramente predominante o di intensità sufficiente per giustificare una diagnosi separata. La categoria diagnostica che abbiamo appena definito è, secondo l’OMS, frequente nella medicina primaria, e ancor di più nella popolazione non clinica, cioè le persone che non richiedono cure terapeutiche.

Nel 1991, Clark e Watson hanno proposto il modello tripartito dei disturbi dell’umore. Il modello è composto da tre elementi denominati: affetto o angoscia negativo, ipereccitazione fisiologica e anedonia o diminuzione dell’affetto positivo. Clark e Watson suggeriscono che la presenza di alti livelli di affetto negativo è un indicatore comune di ansia e disturbi depressivi.

Donna che si copre gli occhi.


Sottotipi di disturbi ansia-depressione secondo il modello tripartito

Secondo Clark e Watson, ci sono due sottotipi di disturbi all’interno della categoria ansia-depressione. I pazienti i cui sintomi predominanti sono specifici (angoscia, irritabilità, perdita di appetito, disturbi del sonno, disturbi somatici, ecc.) e mostrano livelli moderati di entrambi i fattori specifici devono essere diagnosticati come disturbo depressivo misto ansia-moderato. Questa sarebbe una categoria simile a quella proposta dall’ICD-10 di cui abbiamo discusso in precedenza.

D’altra parte, quando i pazienti riferiscono livelli molto alti, non solo nell’affetto negativo, ma anche nell’anedonia e nell’iperattività psicofisiologica, allora dovrebbero essere diagnosticati come disturbo d’ansia-depressione misto grave.

Secondo gli autori, questo dovrebbe essere riservato alle persone che soddisfano i criteri per entrambe le diagnosi: ansia e depressione. Contrariamente alle attuali classificazioni diagnostiche per entrambi i disturbi, Clark e Watson propongono di fare un’unica diagnosi.

Affetto positivo e affetto negativo

Il modello tripartito di ansia-depressione di Clark e Watson si basa sul concetto di affetto positivo e negativo. Attraverso il questionario PANAS, sviluppato dallo stesso gruppo di ricerca, possiamo valutare entrambe le dimensioni. L’affetto positivo sarebbe qualsiasi cosa contraria alla tristezza, all’anedonia o all’apatia, per esempio. Al contrario, l’affetto negativo – comune ad entrambe le dimensioni – andrebbe dall’irritabilità al senso di colpa o ai sentimenti di inferiorità.

Per gli autori, ansia e depressione condividono molti sintomi dello stress emotivo. Ma è anche vero che altri pazienti che soffrono di sintomi depressivi non manifestano sintomi di ansia e viceversa.

Il modello tripartito dei disturbi dell’umore indica che ciò che caratterizza e differenzia i pazienti depressivi dai pazienti ansiosi sono proprio i livelli bassi di affetto positivo.

Il modello tripartito dei disturbi dell’umore

Secondo il modello tripartito, da un lato abbiamo la dimensione della depressione che ha una serie di caratteristiche proprie, tra cui affetto positivo basso e disperazione. Oltre ad essi, possono presentarsi sintomi come tristezza, anedonia, apatia, tendenze suicide, bassa attivazione simpatica, perdita di appetito, inibizione psicomotoria, sentimenti di inutilità e percezione di perdita.

Da parte sua, l’ansia include l’ipereccitazione fisiologica e l’incertezza come elementi principali. Altri sintomi proposti dal modello tripartito sono: paura, panico, nervosismo, instabilità, elevata attivazione simpatica, tensione muscolare, ipervigilanza, percezione di minaccia/pericolo.

Tutti questi sintomi sono specifici per ciascuna categoria e non sono condivisi con l’altra. Pertanto, se un paziente presenta i sintomi di un polo o dell’altro, non possono essere diagnosticati con entrambi i disturbi.

Donna disperata.

Il modello comprende anche una serie di sintomi comuni a entrambe le patologie. L’affetto negativo, come abbiamo sottolineato, è in primo piano in questo caso. Ma anche l’impotenza gioca un ruolo importante nell’unire l’ansia alla depressione. Altri sintomi comuni sono: irritabilità, preoccupazione, bassa concentrazione, insonnia, affaticamento, agitazione psicomotoria, pianto, sentimenti di inferiorità, senso di colpa e bassa autostima.

Man mano che il sintomo si avvicina al concetto generale (affetto positivo basso, affetto negativo elevato o ipereccitazione fisiologica) significa che il sintomo è approssimativamente più vicino al concetto in questione.

Gli autori notano anche che un alto affetto negativo, sebbene comune all’ansia e alla depressione, tende ad essere più caratteristico dell’ansia. L’impotenza, sebbene sia anch’essa una componente comune, è più tipica della depressione.

Conclusioni

Il modello tripartito di ansia-depressione apre le porte ad un tipo di trattamento trans-diagnostico. Questi tipi di trattamenti stanno acquisendo sempre più rilevanza nella pratica clinica poiché si sono dimostrati efficaci nel trattamento di più diagnosi contemporaneamente o di una diagnosi principale con le sue caratteristiche correlate. Oltre ad essere efficaci, sono più efficienti sia in termini di tempo che di risorse finanziarie.

Se esistono modelli esplicativi che possono chiarire i sintomi di varie condizioni, allora ci saranno trattamenti volti a migliorarli tutti. Un esempio si trova nel trattamento trans-diagnostico di Norton per i disturbi d’ansia (2004-2005).

A partire da questi approcci trans-diagnostici, possiamo concentrare l’attenzione sui nuclei comuni che sono alla base di entrambi i disturbi. Seguendo il modello tripartito di ansia-depressione di Clark e Watson, la terapia dovrebbe concentrarsi soprattutto sugli affetti negativi e sull’impotenza.

Potrebbe interessarti ...
Terapia transdiagnostica di Norton
La Mente è MeravigliosaLeggi in La Mente è Meravigliosa
Terapia transdiagnostica di Norton

La psicologia clinica sta iniziando ad applicare la terapia transdiagnostica, allo scopo di trattare contemporaneamente disturbi simili tra loro.



  • Belloch, A., Sandín, B. y Ramos, F (2008). Manual de psicopatología. Volúmenes I y II. McGraw-Hill.Madrid
  • Norton, P. J. (2012). Group cognitive-behavioral therapy of anxiety: A transdiagnostic treatment manual. New York: Guilford.