Nagasaki: tutti gli orologi si sono fermati

Stati Uniti e Giappone realizzarono più attacchi l'uno contro l'altro per 4 anni consecutivi. Nel 1945 gli americani vollero porre fine al conflitto, motivo per cui usarono una delle risorse più atroci.
Nagasaki: tutti gli orologi si sono fermati

Ultimo aggiornamento: 26 novembre, 2021

Giappone e Stati Uniti si scontrarono in uno dei conflitti più letali tra il 1937 e il 1945. Non è un caso se alla fine si verificarono le più grandi catastrofi che la terra del Sol Levante ha vissuto nella sua storia: le bombe atomiche a Hiroshima e Nagasaki.

Tutto ebbe inizio perché il Giappone diede impulso alla sua attività industrial; nel tentativo di crescere ancora, cercò di controllare con la forza altri territori. Indebolì così Cina, Russia e Germania.

Per questo motivo, gli Stati Uniti desidero di imporre alcune sanzioni per frenare un simile sviluppo. Tuttavia, i leader giapponesi non furono disposti ad accettarli e iniziarono le tensioni.

Così, nel 1941 le forze militari del Giappone procedettero ad attaccare gli americani bombardando Pearl Harbor. Il paese americano decise di vendicarsi; ebbe così inizio la costante e severa disputa.

Bombardamento degli Stati Uniti.

Come risultato di quell’evento, i due paesi realizzarono più attacchi l’uno contro l’altro per 4 anni consecutivi. Tuttavia, nel 1945 gli americani vollero porre fine al conflitto, motivo per cui usarono una delle risorse più atroci.

Gli Stati Uniti avevano creato una bomba nucleare e decisero di usarla per terrorizzare il Giappone. Fu così che il 6 agosto di quell’anno sganciarono l’ordigno su Hiroshima, devastando l’intero territorio e provocando la morte di oltre 70000 persone.

Ciò nonostante, o giapponesi non mostrarono segni di resa, dunque la disputa proseguì per qualche altro giorno ancora.

Esplosione a Hiroshima.

Il secondo attacco era in arrivo

Il Giappone non valutò l’ipotesi che l’avversario avrebbe inviato un altro attacco simile, tuttavia gli Stati Uniti erano disposti a porre fine alla situazione in qualsiasi modo. Per questo motivo, prepararono un nuovo dispositivo nucleare noto come Fat Man.

L’attacco doveva avvenire a Kokura, un’altra città del Giappone che ospitava numerose industrie. Tuttavia, il giorno scelto per l’attacco una fitta nebbia impedì agli americani di pianificare l’azione in modo efficace.

Decisero dunque di cambiare obiettivo e bombardare Nagasaki. La bomba esplose nella città giapponese il 9 agosto alle 11:00, appena tre giorni dopo il primo attacco nucleare.

Esplosione a Nagasaki.

Gli storici affermano che circa 50000 persero la vita all’istante. Indicano, inoltre, che la città non fu devastata al suolo solo perché circondata da molte montagne.

Orologi di Nagasaki

Tutti gli orologi di Nagasaki si fermarono al momento dell’attacco, poiché il rumore spaccò i vetri e compromise gli ingranaggi. Le 11:02 fu l’ora immortalata nella città.

Orologio di Nagasaki.

Ciò ha reso gli orologi di Nagasaki un simbolo storico. Alcuni sopravvissuti li per ricordare i parenti. Oltre a ciò, molti musei li rendono visibili per raccontare il fatidico evento alle giovani generazioni.

Potrebbe interessarti ...
Il Ministero della Solitudine istituito in Giappone
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Il Ministero della Solitudine istituito in Giappone

Non è mai è stato così difficile comunicare con chi si trova al nostro fianco. Oggi parleremo del Giappone e del Ministero della Solitudine.



  • Junod M. El desastre de Hiroshima [Internet]. (S.L): (S.E); (S.F) [citado 26 de agosto de 2021]