Non so che decisione prendere!

3 febbraio 2016 in Psicologia 3 Condivisi

“Non so che decisione prendere!” è forse una delle frasi più frequenti pronunciate dalle persone insicure e indecise riguardo la vita in generale.

Prendere una decisione implica l’assumersi la responsabilità delle conseguenze. È un compito che non viene preso alla leggera, soprattutto se riguarda questioni importanti.

Perché non sappiamo prendere una decisione?

In realtà, tutti sappiamo prendere decisioni. Il punto è che abbiamo dei dubbi circa la giusta decisione da prendere e questo ci paralizza.

Prendere una decisione è facile, ma solo se si è sicuri di se stessi.

Ma è proprio la nostra insicurezza ad impedirci di decidere della nostra vita. E oltre all’insicurezza, ci sono anche le nostre paure.

Indecisione

Cosa significa sentirsi insicuri?

Quando siamo insicuri, significa che non siamo concentrati su noi stessi, al contrario, non riusciamo a staccarci dall’opinione altrui circa le nostre decisioni.

Non è facile saper prendere una decisione se ci basiamo su motivi che altri si aspettano o su ciò che pensano.

L’insicurezza crescerà in noi e, quindi, anche l’indecisione e la paura. In questo modo, si creerà un circolo vizioso senza uscita che ci farà sentire sempre più bloccati e paralizzati.

Come recuperare la sicurezza di sé?

Essere sicuri di noi stessi implica avere una buona autostima, ovvero un buon rapporto con noi stessi. Questo significa che sappiamo valorizzarci, che conosciamo le nostre qualità e anche le nostre debolezze.

La sicurezza di sé si accompagna ad una profonda conoscenza di se stessi, dei propri punti di forza e dei desideri nei confronti della vita.

A volte la più piccola decisione può cambiare la tua vita per sempre.
Keri Russell

Come prendere una decisione?

Quando abbiamo davanti varie opzioni, tra le quali dobbiamo per forza decidere, in primo luogo, come abbiamo detto, è importante stabilire una connessione con noi stessi, sapere chi siamo e cosa vogliamo dalla vita.

In questo modo, non ci concentreremo troppo sugli altri, su quello che pensano delle opzioni che abbiamo, ma solo su di noi.

In secondo luogo, è importante prendersi un po’ di tempo per riflettere su ciascuna opzione, valutando i pro e i contro. Dobbiamo fare un confronto tra ciò che ci convince e ciò che invece ci limita.

Il modo migliore per valutare i pro e i contro è dare un punteggio numerico. Ad esempio, per stabilire l’importanza che ha per noi ogni aspetto, possiamo assegnare un punteggio da 0 a 5.

Così, con i numeri, sarà più facile determinare una scala di importanza e capire a cosa teniamo di più.

In questo caso è importante che la valutazione di ciascun aspetto sia sincera e che si basi sui nostri interessi personali e non su quelli delle altre persone, perché non sono gli altri a dover prendere la decisione.

Come trasferire la decisione sul piano pratico?

Una volta valutati gli aspetti ed i pro e i contro, è necessario mostrarsi coerenti con i risultati. In questo modo, la decisione sarà effettivamente presa.

A questo punto basta esprimere la nostra decisione agli altri, esponendone anche i motivi, che per noi sono molto importanti e che ci hanno appunto spinto a prendere la decisione.

Dopo aver esposto la nostra decisione, dobbiamo metterla in pratica, portando la nostra vita verso quella direzione, senza dubbi e senza dimenticare i motivi che ci hanno fatto scegliere quell’opzione rispetto ad un’altra.

La decisione peggiore è quella che non viene presa.
Condividere

E cosa fare con le paure?

Qualsiasi cambiamento nella vita è accompagnato dalla paura, la quale ci farà dubitare delle nostre decisioni.

Chi sa qual è la decisione migliore?

L’unica persona che può stabilire cosa è meglio per me sono io.
Condividere
In-trappola

Possiamo sbagliarci, ma l’errore ci servirà, inevitabilmente, per imparare qualcosa della vita. Seguire il percorso della vita significa anche andare alla cieca, ignorare ciò che ci accadrà.

Di conseguenza, una volta che abbiamo valutato le nostre ragioni, varrà la pena decidere di andare avanti, superando e affrontando le nostre paure.

È probabile che non prendere nessuna decisione sia peggio perché ci bloccherebbe nel nostro percorso di vita, il che avrebbe delle conseguenze ben peggiori rispetto al percorso scelto che corrisponde ai nostri desideri e ai nostri valori più profondi.

L’uomo coraggioso non è colui che non ha paura, ma colui che riesce a superarla.
Condividere
Guarda anche