Nuova teoria del pensiero inconscio

Perché scegliamo un'opzione rispetto a un'altra? Quale modo di pensare è migliore quando abbiamo più informazioni? E quando ne abbiamo di meno? In questo articolo rispondiamo a queste domande sulla base di una nuova teoria rivoluzionaria del pensiero inconscio.
Nuova teoria del pensiero inconscio

Ultimo aggiornamento: 25 dicembre, 2021

La nuova teoria del pensiero inconscio è una proposta dirompente che mette in discussione molti concetti sulla coscienza. È stata formulata da Ap Dijksterhuis e Loran Nordgren nel 2006 e da allora non ha smesso di suscitare polemiche.

In termini generali, questa teoria afferma che l’inconscio è molto più efficace nel risolvere compiti complessi rispetto al pensiero cosciente. Quest’ultimo lo supera solo in attività che non richiedono di lavorare con molte variabili.

Va detto che la nuova teoria del pensiero inconscio va contro molto di quanto è stato sollevato negli ultimi 40 anni in relazione al conscio e all’inconscio. Mette in discussione il valore della razionalità, uno dei fondamenti di tutto il pensiero occidentale.

“Il pensiero cosciente è un punto focale, emana una luce intensa, ma illumina solo un aspetto particolare e ridotto del problema. Ha una capacità di elaborazione molto limitata. Il pensiero inconscio, invece, è più simile alla luce notturna della cameretta, proietta una luce fioca su tutto lo spazio decisionale senza focalizzarsi su nessun aspetto particolare ”.

-Loran Nordgren-

Iceberg nel mare.

Il conscio e l’inconscio

Fino alla formulazione della nuova teoria del pensiero inconscio, non sembravano esserci dubbi sulla validità e sul valore del pensiero cosciente.

Sebbene Sigmund Freud pensasse che l’attività umana si sviluppa sul piano dell’inconscio, in nessun momento ha sostenuto che questo terreno fosse più adatto ad affrontare questioni complesse.

Al contrario, Ap Dijksterhuis e Loran Nordgren non solo hanno ripreso l’idea di Freud secondo cui gran parte dell’attività psichica avviene nell’inconscio, ma propongono anche che è molto più efficace quando bisogna prendere decisioni complesse.

Naturalmente, la nuova teoria del pensiero inconscio non priva di validità la coscienza. L’apprendimento o l’applicazione della matematica, ad esempio, possono essere solo razionali. Tuttavia, è anche un dato di fatto che la coscienza tenda a concentrarsi su aspetti specifici, motivo per cui genera un pregiudizio, poiché esclude molti altri elementi.

La nuova teoria del pensiero inconscio

La nuova teoria del pensiero inconscio non è stata il prodotto della magia, ma ha preso forma da un famoso esperimento. Dijksterhuis e Nordgren hanno condotto un test su diverse persone. A tutte è stato chiesto di immaginare di comprare un’automobile.

Alla metà dei partecipanti sono state fornite le descrizioni di quattro semplici auto, tutte costituite da sole quattro caratteristiche. Il 75% di queste caratteristiche era positivo e il resto negativo.

All’altra metà dei volontari sono state fornite le descrizioni di quattro automobili complesse; ogni descrizione constava di 12 caratteristiche, anch’esse il 75% positive e il 15% negative.

Questi due gruppi sono stati poi divisi in due sottogruppi: A e B. Al primo sottogruppo, sia di A sia di B, è stato chiesto di concentrarsi sulle caratteristiche delle vetture e di classificarle dalla migliore alla peggiore.

Al secondo sottogruppo, sempre di A e B, è stato chiesto di classificare le auto in seguito. Nel frattempo, è stato chiesto loro di dedicarsi ad alcuni hobby.

Mente con le luci.

I risultati

I risultati di questo esperimento hanno mostrato che le persone del primo sottogruppo A che avevano valutato le auto semplici e poi si erano concentrate nel decidere quale fosse la migliore, avevano effettivamente scelto l’auto migliore di tutte. Chi invece apparteneva al primo sottogruppo di B e aveva valutato vetture complesse, faceva valutazioni peggiori.

Nel frattempo, il secondo sottogruppo di A classificato peggio. Al contrario, il secondo sottogruppo di B ha svolto il compito migliore; ai partecipati era stato chiesto di visualizzare vetture complesse ed erano stati distratti prima delle valutazioni.

I ricercatori hanno ripetuto questo esperimento fuori dal laboratorio, cercando di rendere l’ecosistema più realistico, e il risultato è stato lo stesso.

Il postulato di base della nuova teoria del pensiero inconscio era apparentemente in fase di verifica. Cioè, la struttura inconscia è molto più abile della coscienza nel valutare situazioni complesse e prendere decisioni che coinvolgono molte variabili. Il pensiero cosciente, invece, sembra più efficace per prendere decisioni semplici.

Dijksterhuis e Nordgren hanno chiamato questi processi “deliberazione irragionevole” e ritengono siano più sofisticati dei processi di deliberazione cosciente.

La nuova teoria del pensiero inconscio ha sollevato numerose domande interessanti; Si tratta quindi di una linea che continua a motivare la ricerca con applicazioni in campi molto diversi.

Potrebbe interessarti ...
Test di Szondi per svelare l’inconscio
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Test di Szondi per svelare l’inconscio

Uno dei test proiettivi più interessanti della storia della psicologia è, senza alcun dubbio, il test di Szondi. Scopritelo.



  • Froufe, M., Sierra, B., & Ruiz, M. (2009). El inconsciente cognitivo en la psicología científica del s XXI. Extensión Digital, 1, 101-120.
  • Gallegos, MiguelLa noción de inconsciente en Freud: antecedentes históricos y elaboraciones teóricas. Revista Latinoamericana de Psicopatologia Fundamental [online]. 2012, v. 15, n. 4 [Accedido 1 Deciembre 2021] , pp. 891-907. Disponible en: <https://doi.org/10.1590/S1415-47142012000400011>. Epub 05 Feb 2013. ISSN 1984-0381. https://doi.org/10.1590/S1415-47142012000400011.