Una porta socchiusa equivale a mezza felicità

15 dicembre 2015 in Emozioni 89 Condivisi

A chi vive intensamente la propria vita sarà capitato di trovarsi di fronte a situazioni in cui la porta di fronte a loro era socchiusa. La vita, infatti, oscilla eternamente tra l’andare e il venire, tra il lasciar andare o il volere che qualcosa o qualcuno rimanga con noi.

Sappiamo che può essere complicato, ma ci è dato vivere una sola vita, e per questo dobbiamo andare alla ricerca di ciò che ci rende felici nel viverla.

Per questo motivo, parte della nostra felicità risiede nel sapere quali porte chiudere e quali spalancare del tutto. È bene ricordare che una porta socchiusa, quindi, equivale solo a mezza felicità.

porta socchiusa2

Chiudere le porte che non portano a nulla

Per quanto possa sembrare ingiusto, a volte ci sono circostanze, situazioni o persino ricordi che ci bloccano nel presente. Non riusciremo ad avanzare e non sentiremo di procedere finché non lasceremo andare le catene che ci mantengono legati e che, probabilmente, ci fanno del male.

Quanto prima ci renderemo conto di cosa ci sta facendo male, prima potremo chiudere quella porta e andare avanti.

Di sicuro vi sarà capitato, per esempio, che qualcuno a cui volevate bene o in cui avevate riposto piena fiducia abbia deciso di andarsene o semplicemente se n’è andato, senza deciderlo. Tutto è cambiato da un momento all’altro, e per questo motivo il mondo ci sembra un posto crudele. Non c’è un motivo, ma ciò che volevamo con noi ora non c’è più.

Quando accade una cosa del genere, bisogna imparare a lasciare andare e a chiudere la porta al dolore. Arriva un momento in cui il dolore non deve più fare male: le esperienze sono fatte per imparare e i ricordi per sapere chi siamo, non per impedirci di esserlo.

Non permettete che ciò che vuole frenare la vostra vita riesca a farlo. Il nostro oggi non equivale allo ieri, e non possiamo lasciare che diventi il domani se non ci rende felici: nessuno deve restare sulla soglia, senza poter entrare né uscire.

Una persona che non vuole stare con noi, non ci lascia nel dubbio. Prendete delle decisioni, e obbligate gli altri a prenderle: restare o andarsene.

porta socchiusa3

Decidetevi ad aprire le porte che volete aprire

Non è soltanto il nostro presente a rimanere paralizzato, ma anche il nostro futuro. E non sono solo le cose che non lasciamo andare a paralizzarci, ma anche quelle che non permettiamo che ci raggiungano.

A tutti capita di avere paura di una situazione sconosciuta o nuova. Non sappiamo che cosa ne sarà di noi adesso che quella persona non c’è più o cosa succederà se lasciamo entrare qualcosa o qualcuno nella nostra vita, e questi la sconvolgesse.

Ma ricordate che, se provate questo dubbio, è perché qualcosa dentro di voi vi sta chiedendo di dargli un’opportunità. La vita è per chi ha il coraggio di viverla, non dimenticatelo.

Aprite le porte a nuove esperienze, permettete a chi vuole rimanere di rimanere. Può essere il modo migliore per riuscire a essere davvero felici.

Cercate sempre la vostra completa felicità

A volte potremmo arrivare a pensare che le nostre porte verso il futuro sono completamente chiuse e che non c’è niente lì dietro che sia in grado di darci forza.

Eppure, la vostra felicità dipende da voi, e quelle che possono sembrare porte chiuse potrebbero essere, in realtà, aperte. Di fatto, molto spesso abbiamo accanto a noi ciò di cui abbiamo bisogno e non ce ne rendiamo conto perché siamo convinti che ciò che ci sta accadendo non abbia soluzione.

Per il nostro bene, dobbiamo capire che il mondo non smetterà di girare per darci il tempo di lamentarci di qualcosa che è già successo o per negarci qualcosa di cui abbiamo bisogno, ma che non abbiamo il coraggio di affrontare. La via continua, e noi dobbiamo continuare con lei.

Guarda anche