È possibile provare amore e odio allo stesso tempo?

· 12 novembre 2015

L’amore e l’odio non sono ciechi,

bensì abbagliati dal fuoco che essi stessi apportano.

Nietzsche

Sappiamo cosa significa provare amore, ma sappiamo anche cosa vuol dire odiare qualcuno. Ma cosa succede quando proviamo questi due sentimenti allo stesso tempo? Perché possiamo amare e odiare qualcuno?

Queste emozioni totalmente opposte trovano posto nella vita di tutti noi.

Di sicuro anche a voi sarà capitato di provare sentimenti contrastanti verso qualcuno. Non è una cosa che si può spiegare, ci lascia completamente confusi perché sono emozioni che stanno in due estremi opposti.

Tuttavia, anche se può risultare strano, proviamo davvero emozioni opposte in più di un’occasione. Vi siete mai sentiti felici e tristi allo stesso tempo? Forse sì…

Ad esempio, quando dovete abbandonare il posto in cui avete sempre vissuto per una nuova opportunità lavorativa oppure quando una persona cara viene a mancare, anche se sapete che starà meglio perché non deve più soffrire. È allora che l’amore e l’odio entrano in gioco nello stesso momento.

Amore-odio2

Io soffro di ambivalenza emotiva

L’ambivalenza emotiva fa parte di noi, non possiamo evitare di provare amore e odio, anche se questo genera in noi un grande malessere.

Quando proviamo sentimenti di amore e odio, possiamo iniziare a considerarci persone ambivalenti dal punto di vista emotivo. Questo non vuol dire che prima proviamo odio e poi amore o viceversa.

L’ambivalenza emotiva si caratterizza per il fatto che le due emozioni, l’amore e l’odio, non si sostituiscono, ma coesistono insieme senza che una superi l’altra.

L’ambivalenza emotiva può essere considerata un disturbo psicologico? In molte occasioni, l’ambivalenza è una caratteristica di chi soffre di qualche disturbo mentale. Ad esempio, chi soffre di depressione, schizofrenia, psicosi o nevrosi può mostrare un comportamento ambivalente.

Tuttavia, la situazione più comune in cui si manifesta un atteggiamento di questo tipo è quando proviamo gelosia. Proprio così, amiamo la persona che abbiamo accanto, ma allo stesso tempo la odiamo per il fatto che si relaziona con altre persone o perché gli altri la trovano attraente.

La gelosia è una delle cause naturali che permettono che amore e odio si fondino in un unico sentimento.

L’ambivalenza emotiva è normale, ma può scatenare problemi di varia natura quando ci rapportiamo con gli altri, tanto che nemmeno noi siamo in grado di definire quello che proviamo.

Per non parlare dei rapporti di coppia. L’ambivalenza può confonderci non poco e fare sì che la relazione non vada come invece avremmo desiderato.

Nei panni delle persone ambivalenti

Se non vi siete mai ritrovati in una situazione del genere, probabilmente non avete idea di come si possa sentire una persona ambivalente che abbia in sé sia amore sia odio come se fossero un’unica emozione.

  • La persona ambivalente prova attrazione e repulsione verso una persona.
  • La persona ambivalente ama qualcuno, ma odia certi suoi atteggiamenti.
  • La persona ambivalente può voler parlare e non parlare allo stesso tempo.
  • La persona ambivalente può voler agire e allo stesso tempo restare passiva.

Tutti questi sentimenti contraddittori della persona ambivalente scatenano sensazioni che per molti sono odiose. Rimane paralizzata senza sapere qual è il cammino che deve scegliere.

Ambivalenza-emotiva

Conseguenze dell’ambivalenza emotiva

Quando la persona ambivalente si trova tra due poli opposti che confluiscono in uno unico, le emozioni la confondono e la paralizzano.

L’ambiguità è una delle caratteristiche delle persone ambivalenti. Vedono la loro autostima ferita a causa della loro incapacità di decidere tra due sentimenti completamente opposti.

La stessa persona ambivalente non riconosce le sue emozioni. Non sa come agire e come smettere di provare due sentimenti che non dovrebbero mai confluire in un unico sentimento.

Questa situazione di incertezza riduce notevolmente l’autostima, quindi è molto difficile mantenere un equilibrio sano dal punto di vista emotivo.

La persona ambivalente inizia a dubitare di se stessa, non sa davvero cosa prova o cosa smette di provare. Questo può portare, a volte, all’ansia e alla solitudine, che a loro volta sfociano in una profonda depressione.

Che triste era amare e odiare allo stesso tempo!
Lev Tolstoj

L’ambivalenza emotiva non è uno stato che dura molto tempo. In certi momenti ci sentiamo confusi per via di questa fusione di emozioni, ma è una cosa passeggera e che non si verificherà per sempre. A meno che, come vi abbiamo anticipato, non ci sia qualche disturbo psicologico.

E voi, siete ambivalenti dal punto di vista emotivo?