Progettazione universale per l'apprendimento: opportunità per tutti

La progettazione universale per l'apprendimento tiene conto delle diverse abilità, esigenze e interessi degli studenti. Parliamo dei principali benefici di questo approccio.
Progettazione universale per l'apprendimento: opportunità per tutti
Elena Sanz

Scritto e verificato la psicologa Elena Sanz.

Ultimo aggiornamento: 23 febbraio, 2023

Nelle aule di tutte le scuole si possono apprezzare prestazioni e abilità molto diverse. Ciò non è dovuto solo alle diverse skill dei ragazzi; ha anche molto a che fare con l’approccio didattico e il modo in cui gli studenti accedono al materiale e mostrano ciò che sanno. Gli stili accademici tradizionali favoriscono la memorizzazione e quei bambini che hanno una buona memoria, ma svantaggiano anche gli altri studenti. Al contrario, la progettazione universale per l’apprendimento Universal Design for Learning segna una linea di azione per mitigare quest’ultimo effetto.

Sebbene il nome possa essere fuorviante, questo approccio non cerca di ideare uno stile educativo comune e utile per tutti gli studenti. Al contrario, cerca di essere flessibile e di adattarsi alle diverse capacità e necessità di ciascuno. Quindi, ciò che è veramente universale sono le opportunità di avanzamento, che vengono offerte a tutti gli studenti allo stesso modo.

Se volete saperne di più, vi invitiamo a continuare la lettura.

Insegnante con gli studenti in classe
Uno degli obiettivi del DUA è quello di attivare le diverse reti cerebrali negli studenti.

Che cos’è la progettazione universale per l’apprendimento?

Lo Universal Design for Learning (UDL) è un modello pedagogico che, basato sulle neuroscienze, sulla ricerca e sulla pratica educativa e cerca di adottare un approccio inclusivo. L’obiettivo principale è rimuovere le barriere che possono ostacolare l’apprendimento e offrire molteplici modi di procedere in modo che tutti gli studenti possano interagire con le informazioni nel modo più adatto a loro e più efficace.

L’idea è che tutte le persone abbiano l’opportunità di apprendere e sviluppare il proprio potenziale educativo. E questo, ovviamente, non può essere raggiunto senza tener conto delle diverse condizioni personali, sociali, economiche o culturali di ogni studente.

Naturalmente, il modello è particolarmente vantaggioso per alcune minoranze, come gli immigrati, le persone con disabilità o anche gli studenti con elevate capacità. Ma, in realtà, avvantaggia tutti gli studenti, poiché tiene conto dei loro interessi, delle loro preferenze, delle loro capacità e dei loro bisogni per mantenerli motivati e consentire loro di svilupparsi.

Pensiamo a qualcosa di semplice come i sistemi di rappresentazione (ovvero, i diversi modi in cui le persone comprendono ed elaborano il mondo). C’è chi impara meglio attraverso immagini e riferimenti visivi, chi preferisce ascoltare una spiegazione ad alta voce e chi ha bisogno di sperimentare con le proprie mani. Quindi, per esempio, se un approccio educativo è molto uditivo, visivo e cinestesico le persone possono sentirsi molto inutili o poco qualificate.

Bisogni educativi e progettazione universale per l’apprendimento

Oltre a quanto appena datto, ci sono bambini che hanno bisogno di essere in movimento durante l’apprendimento (ad esempio, quelli con ADHD) e altri che richiedono supporto pittorico (come in ASD). Altri, come gli studenti dotati, hanno bisogno di autonomia e opportunità per essere spontanei, curiosi e prendere l’iniziativa. In breve, proprio come gli studenti sono diversi, così devono essere le opportunità.

Principi fondamentali della progettazione universale per l’apprendimento

Questo modello punta a fare in modo che gli insegnanti arricchiscano il curriculum scolastico, rendano il processo di insegnamento-apprendimento più flessibile e focalizzino l’insegnamento, tenendo conto della diversità dall’inizio alla fine. Pertanto, tiene conto di tre principi fondamentali :

Implicazione e partecipazione

Si riferisce al “perché imparare”, cioè alla motivazione degli studenti. Per incoraggiarla e mantenere vivo il suo interesse, è importante creare dinamiche partecipative e attive, assegnare compiti pertinenti e adottare un approccio ludico. È importante che le attività siano varie in modo che possano riflettere gli interessi e le preferenze di ogni studente.

Rappresentazione

Si riferisce al modo in cui gli studenti possono accedere alla conoscenza. Ovvero, il formato in cui vengono presentate le informazioni. A questo proposito è interessante offrire vari supporti, come istruzioni lette ad alta voce, spiegazioni grafiche e opzioni per esercitazioni pratiche.

In generale, devono essere considerate possibili disabilità, scarsa conoscenza della lingua, problemi di apprendimento e preferenze percettive, tra gli altri aspetti.

Azione ed espressione

Quest’ultimo elemento parla di come gli studenti possono interagire con il materiale per costruire l’apprendimento e mostrare ciò che hanno imparato. Pertanto, le valutazioni devono essere progettate seguendo formati diversi, poiché un esame scritto non sarà l’opzione migliore per tutti. Un test verbale, un gioco di ruolo, un video o una presentazione grafica possono essere buone alternative.

insegnante con gli studenti
Il DUA offre a tutti gli studenti le stesse opportunità di progredire.

Progettazione universale per l’apprendimento: un’opportunità per tutti

In breve, il progetto universale per l’apprendimento cerca di adattare il modello educativo agli studenti, e non viceversa. Si basa sulla molteplicità di opzioni, supporti, approcci e strategie per soddisfare interessi, capacità e bisogni individuali.

Con ciò si elimina l’ingiustizia di utilizzare modelli unitari e si riduce lo stigma della segregazione o della diversificazione degli studenti. Se vengono offerte più opzioni fin dall’inizio, tutti potranno scegliere quella che funziona meglio per loro e avere così le stesse opportunità di progresso educativo.

Potrebbe interessarti ...
Apprendimento significativo: imparare facendo
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Apprendimento significativo: imparare facendo

La teoria dell'apprendimento significativo riunisce tutti gli elementi necessari per l'acquisizione e la ritenzione di nuovi contenuti.


Tutte le fonti citate sono state esaminate a fondo dal nostro team per garantirne la qualità, l'affidabilità, l'attualità e la validità. La bibliografia di questo articolo è stata considerata affidabile e di precisione accademica o scientifica.


  • Alba Pastor, C. (2019). Diseño Universal para el Aprendizaje: un modelo teórico-práctico para una educación inclusiva de calidad. Participación educativa.
  • Navarrete-Torres, A. (2019). Situaciones de aprendizaje desde la inclusión, para Altas Capacidades (Master’s thesis). Universidad Internacional de La Rioja.

I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.