Progetti di ricerca: approccio qualitativo e quantitativo

Conoscete i vari tipi di progetti di ricerca all'interno dell'approccio qualitativo e di quello quantitativo? Se volete saperne di più, continuate a leggere!
Progetti di ricerca: approccio qualitativo e quantitativo
Alejandro Sanfeliciano

Scritto e verificato da lo psicologo Alejandro Sanfeliciano.

Ultimo aggiornamento: 23 dicembre, 2022

Uno degli aspetti centrali della psicologia è il processo di ricerca. Senza uno studio della psicologia di base, la scienza applicata sarebbe cieca e inutile. Questo perché la ricerca scientifica è ciò che alla fine consente a una disciplina di crescere e di mantenersi aggiornata rispetto a ciò che la società si aspetta da essa, ed è per questo che è fondamentale pensare a stilare progetti di ricerca.

Ora, nel corso della storia, la scienza non solo è stata caratterizzata dalla produzione di nuove scoperte o modelli, ma lo ha fatto anche scegliendo un metodo di ricerca rispetto ad altri. In questo articolo parleremo di due modelli di ricerca ampiamente utilizzati: l’approccio qualitativo e quantitativo.

Entrambi gli approcci utilizzano processi attenti, metodici ed empirici nella loro missione di generare conoscenza, espandere le prove che supportano ciò che già esiste, qualificarlo o scartarlo. In termini generali, possiamo dire che questi metodi utilizzano 5 strategie simili e correlate:

  • Svolgono l’ osservazione e la valutazione dei fenomeni.
  • Stabiliscono presupposti o idee come conseguenza dell’osservazione e della valutazione effettuata.
  • Dimostrano il grado in cui le ipotesi o le idee sono supportate.
  • Rivedere tali ipotesi o idee sulla base di prove o analisi
  • Propongono nuove osservazioni e valutazioni per chiarire, modificare e corroborare ipotesi e idee o anche per generarne altre.
Uomo che fa progetti di ricerca

Approccio quantitativo ai progetti di ricerca

L’approccio quantitativo è sequenziale e probatorio. Ogni fase precede la successiva e le sue diverse fasi non possono essere evitate. Segue il classico metodo scientifico: posto un problema, crea ipotesi, sperimenta, analizza dati, per poi trarre conclusioni. Ma l’aspetto centrale è che l’oggetto di studio di questi disegni di ricerca sono variabili o fenomeni quantificabili o facilmente misurabili.

Caratteristiche dell’approccio quantitativo

Le caratteristiche dell’approccio quantitativo sono le seguenti:

  • Riflette la necessità di misurare e stimare le grandezze dei fenomeni o dei problemi di ricerca. Ad esempio, “quanto spesso si verificano?”
  • Il ricercatore pone un problema di studio ben specifico e concreto.
  • Una volta proposto lo studio, il ricercatore passa in rassegna quanto già indagato in relazione al suo approccio iniziale. Nella ricerca e nella sintesi è possibile trovare prove a favore o contro le ipotesi iniziali.

Inoltre, in questo tipo di progetti di ricerca

  • La raccolta dei dati si basa sulla misurazione. Tale raccolta deve essere effettuata con procedure standardizzate o con strumenti accettati dalla comunità scientifica.
  • I dati sono rappresentati da numeri e sono analizzati attraverso metodi statistici.
  • Nel processo, il ricercatore deve cercare di avere il maggior controllo possibile, in modo che una possibile relazione tra le variabili del suo studio non possa essere spiegata da altri fattori diversi da quelli che ha misurato.
  • L’interpretazione è una spiegazione di come i risultati si adattano alle conoscenze esistenti.
  • Si cerca di essere il più ” oggettivi” possibile, concentrandosi sui dati e non sulle interpretazioni o sulla soggettività.
  • La ricerca quantitativa cerca di identificare leggi “universali” e, per quanto possibile, causali.

Progetti di ricerca quantitativa

Secondo gli esperti in metodologia di ricerca, Hernández, Fernández e Baptista, i disegni quantitativi possono essere sperimentali o non sperimentali. Dove ognuno è diviso, a sua volta, in altre categorie. Vediamolo nel dettaglio.

  • Disegni sperimentali: vengono utilizzati quando il ricercatore intende stabilire il possibile effetto di una causa manipolata. All’interno di questa classificazione troviamo:
    • Pre esperimenti : sono così chiamati perché il loro grado di controllo è minimo. Sono particolarmente utili come primo approccio al problema della ricerca.
    • Esperimenti puri : sono quelli che soddisfano i due requisiti per ottenere il controllo e la validità interna: gruppi di confronto ed equivalenza di gruppo.
    • I quasi-esperimenti manipolano deliberatamente almeno una variabile indipendente per osservarne l’effetto su una o più variabili dipendenti. Differiscono dagli esperimenti “puri” per il grado di certezza; poiché i soggetti non vengono assegnati in modo casuale a gruppi o abbinati; invece, sono già modellati prima dell’esperimento.
  • Disegni non sperimentali: vengono eseguiti senza la deliberata manipolazione di variabili e in cui i fenomeni vengono osservati solo nel loro ambiente naturale per analizzarli. In questo caso, troviamo i seguenti modelli:
    • Transazionali o trasversali : raccolgono dati in un solo momento. Il suo scopo è descrivere le variabili e analizzare la loro incidenza e interrelazione in un dato momento.
    • Longitudinale o evolutivo : raccolgono dati in momenti diversi, per fare inferenze sull’evoluzione del problema della ricerca, le sue cause e i suoi effetti.

D’altra parte, secondo Alberto Ramos, i progetti di ricerca quantitativi non sperimentali e trasversali possono essere :

  1. Esplorativo: l’obiettivo è studiare i fenomeni poco o niente trattati per determinarne i fattori eziologici.
  2. Descrittivo: cerca di caratterizzare, esporre, descrivere, presentare o identificare aspetti di una data variabile.
  3. Correlazionale: l’obiettivo principale è studiare le varie relazioni che possono verificarsi tra le variabili.

Approccio qualitativo ai progetti di ricerca

L’approccio qualitativo è guidato anche da aree o temi di ricerca significativi. Tuttavia, gli studi qualitativi non seguono un processo rigido e sequenziale. Questi possono sviluppare domande e ipotesi prima, durante o dopo la raccolta e l’analisi dei dati. Si basa su un metodo investigativo o esplorativo, spesso antecedente a quello quantitativo, per affinare i quesiti di ricerca o proporre nuovi quesiti in relazione al quesito di studio.

Caratteristiche dell’approccio qualitativo

Le caratteristiche dell’approccio qualitativo sono le seguenti:

  • Il ricercatore pone un problema, ma non segue un processo chiaramente definito.
  • Il ricercatore osserva i fatti e nel processo sviluppa una teoria coerente per rappresentare ciò che osserva.
  • Nella maggior parte di queste indagini, le ipotesi non vengono verificate, ma vengono generate durante il processo e vengono perfezionate man mano che vengono raccolti più dati.
  • L’approccio si basa su metodi di raccolta dei dati che non sono completamente standardizzati o predeterminati.
  • Il ricercatore utilizza tecniche come osservazione non strutturata, interviste aperte, revisione di documenti, discussioni di gruppo, ecc.
  • È un metodo olistico, cioè cerca di considerare i dati come un “tutto”, senza ridurli alle sue parti.

Approccio qualitativo ai progetti di ricerca

  • L’approccio qualitativo valuta lo sviluppo naturale degli eventi, cioè non c’è manipolazione della realtà.
  • La ricerca qualitativa si basa su una prospettiva interpretativa incentrata sulla comprensione del significato delle azioni degli esseri viventi, in particolare degli esseri umani e delle loro istituzioni.
  • Parte dei postulati costruttivisti, basati sul fatto che la realtà è costruita sulla base dell’interpretazione di ciascun individuo.
  • L’approccio qualitativo può essere concepito come un insieme di pratiche che trasformano la realtà osservabile in una serie di rappresentazioni sottoforma di osservazioni, annotazioni, registrazioni e documenti.

Secondo Cuenya e Ruetti, l’analisi qualitativa cerca di comprendere i fenomeni nel loro contesto abituale, si basa su descrizioni dettagliate di situazioni, eventi, persone, interazioni, comportamenti osservati, documenti e altre fonti che perseguono lo scopo di fingere di non generalizzare risultati”.

Progetti di ricerca qualitativa

Dal canto loro, Hernández, Fernández e Baptista riassumono la tipologia dei disegni qualitativi come segue:

  • Grounded Theory – Il suo scopo è sviluppare una teoria basata su dati empirici.
  • Disegni etnografici – Mirano a esplorare, esaminare e comprendere i sistemi sociali (gruppi, comunità, culture, ecc.) Dal punto di vista dei membri o dei nativi.
  • Disegni narrativi: il ricercatore contestualizza il tempo e il luogo in cui si sono verificate le esperienze e ricostruisce storie, eventi, sequenze di eventi e risultati individuali e identifica categorie e temi nei dati narrativi, intrecciandoli infine in una storia o narrazione complessiva.
  • Disegni ricerca-azione: sono quelli in cui c’è un intervento (i cambiamenti vengono prodotti) contemporaneamente all’indagine.

Approccio misto ai progetti di ricerca

Tra i disegni di ricerca c’è anche l’approccio misto, che mescola i principi e la metodologia degli approcci quantitativi e qualitativi.

Detto questo, l’approccio misto è un processo che raccoglie, analizza e collega dati quantitativi e qualitativi nella stessa indagine o in una serie di indagini per rispondere a una domanda. In questo caso, entrambi i metodi (quantitativo e qualitativo) sono misti nella maggior parte delle loro fasi e le informazioni raccolte sono triangolate. Ciò consente di individuare alternative, nonché di ottenere una comprensione e un’interpretazione, quanto più ampia possibile, del fenomeno oggetto di studio.

Secondo Sánchez Valtierra, i metodi di ricerca misti offrono una grande promessa per la pratica della ricerca.

Allo stesso modo, sottolinea che la sua caratteristica principale è il pluralismo metodologico, che, a suo avviso, si traduce in una ricerca superiore. Ebbene, utilizza i punti di forza della ricerca quantitativa e quelli della ricerca qualitativa, combinandoli e riducendone al minimo i punti deboli.

I punti di forza della ricerca mista

  • Parole, immagini e narrativa possono essere utilizzate per comprendere i numeri.
  • I numeri possono essere usati per aggiungere precisione e comprensione alle immagini e alla narrativa.
  • È possibile rispondere a una gamma più ampia di domande.
  • Un investigatore può utilizzare i punti di forza di un metodo per superare le debolezze dell’altro.
  • La convergenza delle conclusioni può aiutare a corroborare i risultati.
  • La combinazione di tecniche qualitative e quantitative produce una conoscenza più completa.

Tra i punti deboli, invece, ci sono:

  • Può essere difficile per il ricercatore mescolare adeguatamente entrambi i metodi.
  • Richiede più tempo per essere completato.

Per concludere, riteniamo che questi tre approcci siano ugualmente validi. Soprattutto quando i ricercatori le applicano rigorosamente, le conoscono a fondo e si sforzano di sfruttarne le virtù, cercando di fare in modo che i loro limiti condizionino il meno possibile le conclusioni a cui giungono.

Potrebbe interessarti ...
Progetto di vita, indispensabile per essere felici
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Progetto di vita, indispensabile per essere felici

Sentire le emozioni della vita è un presupposto necessario per vivere una vita piena di significato, scopriamo l’importanza di avere un progetto di...



  • Araya, V., Alfaro, M., & Andonegui, M. (2007). Constructivismo: orígenes y perspectivas. Laurus13(24), 76-92.
  • Cuenya, L., & Ruetti, E. (2010). Controversias epistemológicas y metodológicas entre el paradigma cualitativo y cuantitativo en psicología. Revista colombiana de Psicología19(2), 271-277.
  • Hernandez, C., Fernandez, C y Baptista, M. (2010). Metodología de la investigación McGrawHill.
  • Ramos, C. A. (2015). Los paradigmas de la investigación científica. Avances en psicología23(1), 9-17.
  • Salgado Lévano, A. C. (2007). Investigación cualitativa: diseños, evaluación del rigor metodológico y retos. Liberabit13(13), 71-78.

I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.