Quasi nessuno legge ciò che condivide sui social network, secondo uno studio

Condividere con criterio richiede tempo; una risorsa preziosa e limitata, oltre che uno sforzo. Ecco perché è più facile condividere una notizia perché siamo d'accordo con il titolo, che non dopo averla letta. Ma cosa si cela dietro questo comportamento?
Quasi nessuno legge ciò che condivide sui social network, secondo uno studio
Valeria Sabater

Scritto e verificato da la psicologa Valeria Sabater.

Ultimo aggiornamento: 02 gennaio, 2023

Dicono che viviamo nell’era del clickbait e di quelle notizie clamorose che consumiamo quasi compulsivamente. Tuttavia questo non è del tutto vero. Perché quello che facciamo di più quando esaminiamo i nostri social network non è leggere il contenuto che ci mostrano, è condividerlo. Quel semplice gesto, per quanto ci sorprenda, dice molto di noi, ma quasi nessuno legge ciò che condivide.

“Condividi” è una parola carica di sentimenti e intenzioni positive. Implica godere di qualcosa insieme, dare ciò che appartiene agli altri per il beneficio reciproco. Ora, nell’universo digitale, l’atto di condividere può essere come la mela che la malvagia regina Grimilde offrì a Biancaneve. Cioè, un regalo avvelenato.

Perché quello che ci arriva da terzi non sempre è un’informazione utile, né vera e tantomeno rispettosa. Molti premono il pulsante per mera inerzia e anche per una serie di bisogni inconsci che ora analizzeremo.

Basti dire che, secondo una ricerca della Columbia University, 6 persone su 10 non leggono ciò che inviano ai propri contatti.

Condividiamo le informazioni perché ci fanno sembrare più intelligenti e più connessi a ciò che sta accadendo nel mondo.

ragazzo pensando che quasi nessuno legge ciò che condivide
Premere il pulsante di condivisione è un impulso inconscio per molti utenti dei social network.

Perché quasi nessuno legge ciò che condivide sui social network?

Quante volte avete ricevuto informazioni false che i vostri contatti vi hanno inviato attraverso i social network o WhatsApp ? In più, facciamo un atto di autocoscienza… Quante volte abbiamo condiviso link ad articoli o notizie che non avevamo nemmeno aperto? Esatto, la tendenza a inviare dati non verificati su vasta scala è il più grande virus del nostro presente.

Un esempio di ciò è stato quanto accaduto nel 2018. Lo spazio Science Post ha pubblicato una storia con il seguente titolo: Il 70% degli utenti di Facebook legge solo i titoli degli articoli scientifici prima di commentare. Bene, questo articolo è stato condiviso migliaia di volte. Quasi nessuno ha aperto il collegamento stesso per scoprire che il testo era semplice lore ipsum, cioè testo tipografico totalmente scollegato e privo di significato.

Proprio così, quasi nessuno legge ciò che condivide sui social perché in questa società segnata dall’immediatezza ci domina l’impazienza cognitiva. Siamo governati dall’impatto che può provocare un titolo, al punto da far diventare virali fatti del tutto infondati. Ora, uno studio molto recente ci fornisce maggiori informazioni al riguardo. Dietro questo comportamento ci sono altri bisogni più profondi.

Condividere notizie è più facile e veloce che leggerle.

La conoscenza soggettiva e l’eterna sindrome di Dunning-Kruger

L’Università del Texas spiega in una ricerca che la condivisione delle informazioni aumenta la percezione della conoscenza degli utenti. Non importa che non si padroneggi minimamente la fisica quantistica o la microbiologia. Ad esempio, il fatto di condividere un articolo su questi argomenti aumenta l’auto-percezione di padronanza in uno specifico contenuto.

In questo modo condividere i contenuti della nostra bacheca sui social network o tra i nostri gruppi WhatsApp è quasi come un campanello d’allarme. È come dire agli altri che abbiamo una serie di conoscenze che, in realtà, non abbiamo. Ancora una volta cadiamo nell’eterno pregiudizio della sindrome di Dunning-Kruger.

In altre parole, il semplice fatto di inviare e pubblicare determinate notizie, articoli o dati specifici fa sì che una parte della popolazione sopravvaluti le proprie capacità e competenze. Questo è ciò che fa sì che, a volte, entrando in Twitter scopriamo improvvisamente che la maggior parte delle persone sembra esperta in conflitti di guerra, crisi economiche e infezioni virali.

Non c’è tempo per leggere, condividere è meglio

Viviamo in un ambiente che ci spinge, ci trascina e ci chiede di passare a un compito senza finire quello precedente. L’immediatezza è la norma e la progressiva incapacità di focalizzare l’attenzione ne è la conseguenza. È vero che nella nostra vita quotidiana riceviamo moltissime informazioni e infinite notifiche; tuttavia, invece di controllare e porre limiti a ciò che riceviamo, ci lasciamo andare.

Siamo diventati cognitivamente impazienti, entità con una capacità molto ridotta di elaborare le informazioni. Non solo non abbiamo tempo, ma non c’è nemmeno desiderio di trovarlo.

È comune lasciarsi trasportare dall’aumento della dopamina che deriva dal vedere un titolo sensazionale e condividerlo all’istante. Non c’è tempo per leggere perché condividere è più divertente.

Inoltre, il fatto di condividere genera interazione e anche polemiche. Abbiamo subito ricevuto un like e una serie di messaggi divertenti. Tutto questo è più arricchente della lettura stessa per molte persone. Per quest’ultimo non c’è motivazione perché richiede tempo, capacità riflessiva e senso critico.

Molte delle notizie condivise in modo virale non vengono nemmeno lette.

Donna che guarda il cellulare pensando che quasi nessuno legga quello che condivide
Tutte le informazioni provenienti dal mondo digitale devono essere analizzate e contrastate prima di condividerle.

L’informazione non si “consuma”, l’informazione deve essere utile

Siamo diventati consumatori emotivi di contenuti. Diamo like e condividiamo solo quelle informazioni che generano una sensazione, un’emozione. E se è breve, meglio, ecco perché la nostra attenzione è quasi sempre focalizzata sui titoli. I grandi mezzi di informazione lo sanno e non esitano a creare i titoli più clamorosi.

Tuttavia, dobbiamo essere chiari su un aspetto. Le informazioni dovrebbero arricchire e nutrire, non avvelenare. Se quasi nessuno legge quello che condivide, evitiamo di essere portatori di quella mela radioattiva che contiene false informazioni. Tutti noi, a un certo punto, siamo stati trascinati da quell’impulso.

Se ciò che ci muove è apparire più illuminati e competenti in una materia, l’unico modo per riuscirci è la lettura. Questa e nessun’altra è la cura per tutti i mali e l’ignoranza. Proviamo ad analizzare ciò che ci arriva con senso critico. Questi sono i migliori antidoti per un mondo digitale in cui è molto facile ubriacarsi con contenuti troppo tossici.

Potrebbe interessarti ...
I social network e il sé disintegrato
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
I social network e il sé disintegrato

Esiste una relazione tra il concetto di sé ed i social network? In questo articolo indagherermo sugli effetti diretti nella nostra vita.



    • Gabielkov, M., Ramachandran, A., Chaintreau, A., & Legout, A. (2016). Social clicks: What and who gets read on Twitter?. ACM SIGMETRICS / IFIP Performance 2016. Antibes Juan-les-Pins, France. ffhal-01281190f. https://hal.inria.fr/hal-01281190/document
    • Ward, A. F., Zheng, J., & Broniarczyk, S. M. (2022). I share, therefore I know? Sharing online content‐even without reading it‐inflates subjective knowledge. Journal of Consumer Psychologyhttps://doi.org/10.1002/jcpy.1321

I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.