Stili di apprendimento secondo Carl Jung: qual è il vostro?

Il nostro modo di essere definisce anche il modo in cui impariamo. Carl Jung ci ha rivelato, ad esempio, che gli introversi e gli estroversi hanno stili di apprendimento diversi. Approfondiamo l'argomento qui.
Stili di apprendimento secondo Carl Jung: qual è il vostro?

Scritto da Valeria Sabater

Ultimo aggiornamento: 22 novembre, 2022

Come vi approcciate allo studio? Come acquisite e consolidate le conoscenze? La teoria degli stili di apprendimento di Carl Jung ci dice che la personalità definisce il modo in cui impariamo. Il modo in cui integriamo ogni dato, elaboriamo ogni esperienza o entriamo in contatto con qualsiasi stimolo dipende dal nostro modo di essere.

Questo è qualcosa che tutti sappiamo e abbiamo scoperto nel tempo. C’è chi è più visivo, chi ha bisogno di prendere appunti, sottolineare, tracciare contorni… Altri, invece, si sentono bene ascoltando e studiando in gruppo. Ogni persona impara in un modo diverso e questo è direttamente correlato al nostro modo di essere.

La verità è che questo è un aspetto che di solito non viene preso in considerazione nell’istruzione ordinaria. Gran parte dell’insegnamento (a meno che lo studente non abbia qualche esigenza educativa) è standardizzato ed è regolato dalle stesse metodologie valide per tutti. Tuttavia, man mano che cresciamo, diventiamo consapevoli di quali strategie ci aiutano e quali ci ostacolano.

Carl Jung è stato uno dei primi ad affrontare il rapporto tra personalità e questo è un argomento interessante che vale la pena approfondire.

“Il privilegio di una vita è diventare quello che sei veramente.”

-Carl Jung-

Ritratto di Carl Gustav Jung raffigurante stili di apprendimento secondo Carl Jung

Quali sono gli stili di apprendimento secondo Carl Jung?

Tutti gli esseri viventi imparano (animali, funghi, batteri, esseri umani, piante…). Questa capacità è fondamentale per adattarsi a un ambiente complesso, sopravvivere e continuare ad evolversi. Ora, quando si tratta di persone, è interessante sapere che non tutti lo facciamo allo stesso modo.

Gli stili di apprendimento secondo Carl Jung ci dicono che ognuno di noi ha una tendenza unica quando si tratta di ricevere, analizzare e consolidare idee, dati, esperienze e concetti. Questo è qualcosa che ha sempre interessato la psicologia, la pedagogia e persino la neurologia. Ad esempio, Maria Montessori si è concentrata sull’apprendimento visivo, uditivo, tattile e cinestetico.

La teoria degli stili di apprendimento di Carl Jung è alimentata dal suo lavoro Tipi psicologici (1921). Questa eredità ha costituito la base di molte teorie che sarebbero venute in seguito a definire le diverse tipologie di personalità, come il Big Five Model o il Sixteen Personality Factors Questionnaire (16PF).

Ecco dunque che gli studi, come quelli svolti dal Dr. Robert J. Sternberg, continuano a sottolineare l’importanza di comprendere la personalità umana per sapere come ognuno di noi apprende. Questo ci renderebbe senza dubbio più facile stabilire meccanismi di studio migliori. Ripartire da quanto ci ha detto Carl Jung è un buon inizio.

1. Stile di apprendimento estroverso

La persona estroversa ha bisogno dell’interazione con il proprio ambiente per apprendere in modo significativo. Cioè, beneficia molto di più dallo studio di gruppo con i pari. Gli piace generare idee, parlare con i suoi insegnanti, fare domande, porre problemi e sfide…

  • Lo studente estroverso preferisce l’apprendimento attivo e partecipativo.
  • Ama raccogliere più informazioni, attingere a più fonti ed essere il leader nel lavoro di gruppo.
  • Tende ad annoiarsi e frustrarsi quando deve studiare da solo.

2. Stile di apprendimento introverso

La mente introversa tende a un apprendimento più riflessivo e meno esperienziale. Non è quel tipo di persona a cui piace partecipare molto in classe. In generale, se ha dei dubbi, preferisce prima risolverli.

Pertanto, e sebbene queste persone non evitino momenti di studio con gli altri, preferiscono lavorare solo sulle informazioni e sui dati.

  • Hanno bisogno di ambienti tranquilli e silenziosi per lavorare.
  • Sono studenti visivi e riflessivi.
  • Quando si tratta di imparare qualcosa, preferiscono guardare e non partecipare direttamente come farebbe un estroverso.

3. Stile di apprendimento intuitivo

Lo stile di apprendimento intuitivo è accompagnato dal pensiero astratto. Sebbene sia molto comune che anche gli introversi manifestino questa caratteristica, può apparire anche negli estroversi.

  • Tendono a fare ipotesi sulle cose, ad analizzare informazioni e ad approfondire, sono sognatori e molto fantasiosi.
  • Sono persone emotive.
  • Preferiscono brevi sessioni di studio. Hanno difficoltà a finire ciò che iniziano.
  • A loro piace fare ipotesi sulle informazioni, considerare altri approcci ed essere critici.

4. Stile di apprendimento sensoriale

Lo studente sensoriale è una persona che apprende attraverso l’interazione, è cinestetico. Non sono particolarmente riflessivi, preferiscono il mondo esterno, l’interazione, il contatto con il proprio ambiente. Gli estroversi in genere mostrano anche uno stile di apprendimento sensoriale.

  • Sono persone molto pratiche che si concentrano sul qui e ora.
  • Fanno uso del buon senso e di solito non divagano troppo sulle cose.

6. Stili di apprendimento: il riflessivo

All’interno degli stili di apprendimento secondo Carl Jung, spicca il pensatore. Sono studenti che fanno uso della logica e della ragione in ogni momento. Sono bravi in matematica e tendono ad essere personalità molto decise.

  • Controllano molto bene le emozioni come l’ansia.
  • Prendono decisioni molto logiche e niente di impulsivo.
  • Sono agili nel trovare schemi nelle informazioni, sono disciplinati nei loro studi e amano pianificare tutto ciò che faranno.
Studente universitario che studia gli stili di apprendimento secondo Carl Jung

7. Stili di apprendimento sentimentale

Le persone con stili sentimentali consolidano le informazioni in base a come si sentono. Vale a dire, in generale, il lavoro di gruppo li avvantaggia, perché amano l’interazione e, soprattutto, il contatto emotivo che si genera tra le persone.

  • Sono figure emotive, dinamiche, estroverse e impulsive.
  • A volte hanno problemi di concentrazione, ma possono ottenere grandi risultati quando trovano qualcosa che li appassiona.
  • Sono uomini e donne entusiasti.
  • Preferiscono sessioni di lavoro più brevi se devono studiare da soli. Se lo fanno in gruppo, forniscono un ottimo feedback e possono passare ore a generare idee e ad arricchirsi da queste dinamiche.

Per concludere, non fa mai male approfondire come siamo per sapere come possiamo imparare meglio. Sapere che non tutti si comportano allo stesso modo nelle stesse condizioni può rendere più facile creare strategie migliori.

Come possiamo ben vedere, le teorie di Carl Jung continuano a ispirare modelli per molte aree della conoscenza di sé.

Potrebbe interessarti ...
3 strategie di apprendimento
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
3 strategie di apprendimento

Lo scopo principale delle strategie di apprendimento è quello di fare in modo che gli studenti possano apprendere in modo più efficace.



  • Coffield, F., Mosely, D., Hall, E., & Ecclestone, K. (2004). Should we be using learning styles? What research has to say to practice. London: Learning and Skills Research Center.
  • Di-Tribero, J. K. (1998). Uses of type in education. In I. Myers, M. H. McCaulley, N. L. Quenk, & N. L. Hammer (Eds.), MBTI Manual: A guide to the development and use of the Myers-Briggs Type Indicator. Palo Alto: Consulting Psychologists Press.
  • Sharp A. (2012) Jungian Learning Styles. In: Seel N.M. (eds) Encyclopedia of the Sciences of Learning. Springer, Boston, MA. https://doi.org/10.1007/978-1-4419-1428-6_368
  • Sternberg, R. J., & Grigorenko, E. (2001). A capsule history of theory and research on learning styles. In R. J. Sternberg & L. F. Zhang (Eds.), Perspectives on thinking and learning and cognitive styles. Mahwah: Lawrence Erlbaum.