Terapia esistenziale per la depressione: come può aiutare?

Vi preoccupa trovare il senso della vita? Sentite un profondo vuoto dentro e una totale mancanza di interesse per ciò che vi circonda? Allora la terapia esistenziale potrebbe interessarvi. Spieghiamo quali sono i suoi pilastri fondamentali.
Terapia esistenziale per la depressione: come può aiutare?
Valeria Sabater

Scritto e verificato da la psicologa Valeria Sabater.

Ultimo aggiornamento: 18 gennaio, 2023

Søren Kierkegaard diceva che la felicità è il miglior nascondiglio per la disperazione. Questo è ben noto a chiunque abbia a che fare con un disturbo dell’umore, e, in particolare, per chi ha la depressione. Non è facile trovare benessere e appagamento in un mondo che, a volte, sembra caotico e privo di significato; ecco che la terapia esistenziale può dare una mano.

Non possiamo dimenticare che uno degli impulsi più basilari dell’essere umano è quello di trovare un significato alla sua vita. Se le nostre circostanze, contesti e percorso personale ci rendono difficile fare quel passo, emerge la sofferenza e l’angoscia di cui parlano i filosofi. Per la nostra mente è un problema non trovare un senso a ciò che ci accade, uno scopo a ciò che ci circonda.

È molto difficile andare avanti, relazionarsi ed essere produttivi quando dentro di noi ci sono solo lacune e domande senza risposta. Queste caratteristiche a volte possono portare a quella che definiamo depressione esistenziale, descritta per la prima volta negli anni ’50 dallo psichiatra Heinz Häfner.

Questo spiega perché all’interno delle psicoterapie umanistiche sia emersa una terapia esistenziale orientata al trattamento di questa condizione psicologica. Va detto, tuttavia, che si tratta di un approccio più filosofico che clinico, ma ciò non lo rende meno interessante. Approfondiamo la questione.

“L’essere umano è una sintesi del temporale e dell’eterno, del finito e dell’infinito.”

-Søren Kierkegaard-

Uomo anziano in terapia esistenziale
Il terapeuta esistenziale guida la persona a capire che non è definita dalla sua storia. Qualcosa che offre una grande liberazione.

Obiettivi della terapia esistenziale per la depressione

Uno degli attuali esponenti della terapia esistenziale è lo psichiatra Irvin Yalom. È stato proprio lui a offrire a questa risorsa un inquadramento e una sintesi, oltre che un grande significato. Nel suo libro Existential Psychotherapy (1980) ha definito questo approccio come un quadro terapeutico dinamico che si concentra sui problemi che le persone portano quando pensano alla nostra esistenza.

In qualche modo, tutti a un certo punto affrontiamo quelle sfide eterne come la mancanza di significato o la comprensione del motivo della morte. La libertà o la mancanza di essa, così come la sensazione di vuoto o di isolamento, sono dimensioni che suscitano le nostre angosce. A volte basta subire una perdita, un tradimento o una rottura, per sentire che la vita manca di senso.

Questo spiega il substrato stesso della depressione esistenziale, che spesso emerge dopo qualche evento traumatico. Vediamo come questo tipo di terapia può aiutarci in queste circostanze.

La terapia esistenziale non ha una strategia terapeutica strutturata o “taglia unica”. L’obiettivo è fornire supporto a ciascun individuo mentre riconosce i propri valori, i propri significati e inizia, poco a poco, a prendere nuove decisioni.

Terapia esistenziale: obiettivi generali

La terapia esistenziale comprende che il disagio psicologico della persona non è dovuto a un’unica causa. Non è solo perdere un membro della famiglia. La causa scatenante non è solo una separazione, la perdita del lavoro o il non riuscire a stabilire legami duraturi e felici. Abbiamo tutti a che fare con preoccupazioni esistenziali sepolte che dobbiamo sapere come identificare e affrontare.

L’obiettivo generale del terapeuta è identificare le angosce esistenziali di ogni individuo e il tipo di conflitto che soffre in relazione a se stesso e al mondo. Qualcosa di cui dobbiamo tenere conto è che la persona depressa sente che nulla ha senso e che non ha le risorse per cambiare la propria vita. Si sente indifeso, solo e vuoto.

L’obiettivo generale del terapeuta esistenziale è facilitare questa riconnessione con il mondo, trovando nuovi significati vitali, riconquistando autonomia e speranza.

I quattro regni e gli obiettivi specifici

Questo approccio terapeutico ha quattro obiettivi specifici. Questi partono dall’idea che l’essere umano si integra in quattro regni di esperienza ed esistenza che devono essere analizzati per capire meglio chi soffre. Li analizziamo.

  • Il regno fisico: quali bisogni ha la persona? Quali sono i vostri desideri? In che stato è la tua salute fisica (sonno, dieta, ecc.)? Un obiettivo terapeutico sarà quello di fornire un’adeguata armonia alla persona in quest’area.
  • Il regno del personale o le questioni del sé: quale senso di sé ha il paziente? Sei consapevole dei tuoi punti di forza e delle tue virtù come essere umano? Definirli e raggiungere una buona conoscenza di sé è un altro scopo terapeutico.
  • Ambito sociale: che tipo di relazione ha la persona con l’ambiente, la famiglia, la società e la cultura che la circonda? Come puoi aiutarlo/guidarlo a sentirsi più soddisfatto e felice in quel mondo sociale?
  • Il regno della creazione. Uno scopo fondamentale della terapia esistenziale per la depressione è che la persona raggiunga nuovi significati vitali aggiornando le proprie convinzioni e la fiducia con se stessi e con il mondo.

La terapia esistenziale comprende che la depressione non è qualcosa che una persona ha, è il modo in cui una persona si sente riguardo all’esistenza in un mondo spesso complesso e privo di significato.

Uomo che cammina verso il mare pensando alla terapia esistenziale
Secondo la terapia esistenziale, per affrontare la depressione dobbiamo chiarire come vogliamo vivere le nostre vite.

Tecniche e strategie

La terapia esistenziale è in pratica da decenni e figure come Irvin Yalom ne sostengono l’efficacia. Uno studio dell’Università di Colorado Springs ci ricorda che sebbene sia basato su prove, avremmo sicuramente bisogno di ulteriori ricerche per comprenderne appieno i benefici.

Comunque sia, è un modello terapeutico che viene utilizzato con buoni risultati nella depressione, nei disturbi da stress post-traumatico, nel lutto e per i pazienti in cure palliative. Sono quei momenti vitali in cui, intrappolati dall’inquietudine, dalla paura e dall’incertezza, abbiamo bisogno di trovare un senso alla vita.

Ora come lo ottieni? Quali tecniche utilizza la terapia esistenziale per la depressione? Lo analizziamo.

Offrire uno spazio sicuro ed empatico in cui poter riflettere

I terapeuti esistenziali costruiscono un ambiente sicuro che aiuta il paziente a sentirsi al sicuro, compreso e libero di esprimere i propri pensieri ed emozioni. È un ambiente caldo e nutriente dove puoi parlare di sentimenti, dubbi e una sensazione di vuoto.

In questo ambiente, ti viene offerto un quadro per riflettere e porsi domande con cui acquisire nuove prospettive.

Concentrarsi sul qui e ora

Per la terapia esistenziale il passato della persona non è un aspetto decisivo. Il presente conta e gli fa vedere che la sua storia non lo definisce e che non è destinato a uno scopo specifico. La vita non ha sempre un senso, la cosa più decisiva è sentirsi liberi di agire secondo i nostri valori, aspirazioni e bisogni presenti.

Alleviare l’angoscia con la terapia esistenziale

La terapia esistenziale non giudica, né offre alla persona una road map standard per raggiungere il benessere e curare la depressione. L’obiettivo è quello di alleviare l’angoscia, aiutando a tracciare un’esistenza con maggior significato, con nuove trascendenze e rinnovate speranze.

Comprendere i principi fondamentali dell’esistenza

Susan Iacovou e Karen Weixel-Dixon, Ph.D., sono le autrici di Existential Therapy: 100 Key Points and Technique. In questo lavoro indicano che in questo modello terapeutico è fondamentale lavorare su una serie di principi fondamentali. Approfondendoli, i pazienti trovano molte delle risposte di cui hanno bisogno:

  • Comprendi che siamo esseri mortali e che la maggior parte delle cose sono effimere.
  • C’è solo una possibilità di vivere la vita. Facciamolo nel miglior modo possibile, concentrandoci sul qui e ora.
  • Tutti dobbiamo accettare la sfida di scegliere come vogliamo vivere. Definire cosa vogliamo, chi vogliamo e cosa vogliamo ottenere ci aiuterà.
  • Dobbiamo imparare a gestire l’ansia esistenziale. Per fare questo, dobbiamo trovare il coraggio di convivere con l’incertezza quotidiana.

La terapia esistenziale per la depressione ci offre incoraggiamento, nuove prospettive e risposte a molte delle nostre domande più profonde.

In un mondo che a volte sembra privo di significato, è necessario cercare dentro di noi i significati di cui abbiamo bisogno. Vivere una vita piena e significativa richiede un costante lavoro di autoesplorazione che vale la pena provare.

Potrebbe interessarti ...
Affrontare la depressione con successo
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Affrontare la depressione con successo

Il soggetto che si trova ad affrontare la depressione, non deve fronteggiare soli i sintomi, ma anche il senso d'inquietudine che tale diagnosi ing...



  • Feizi M, Kamali Z, Gholami M, Abadi BAGH, Moeini S. The effectiveness of existential psychotherapy on attitude to life and self-flourishing of educated women homemakers. J Educ Health Promot. 2019 Nov 29;8:237. doi: 10.4103/jehp.jehp_473_18. PMID: 31867401; PMCID: PMC6905282.
  • Vos J, Craig M, Cooper M. Existential therapies: a meta-analysis of their effects on psychological outcomes. J Consult Clin Psychol. 2015 Feb;83(1):115-28. doi: 10.1037/a0037167. Epub 2014 Jul 21. PMID: 25045907.

I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.