Vivi come vuoi, non come devi

· 13 febbraio 2015

Vi è capitato qualche volta di realizzare che stavate facendo ciò che “dovevate” fare e non ciò che “volevate” fare? Siete stati a lungo intrappolati in una relazione che da fuori chiunque avrebbe invidiato, ma che non vi dava soddisfazioni? Avete un lavoro che il vostro vicino di casa adorerebbe, ma che per voi è un sacrificio o un ostacolo che vi impedisce di fare ciò che davvero vorreste?

Nella vita capita di conoscere persone che sorridono sempre, che si sentono felici del lavoro che svolgono, anche se guadagnano meno di voi o il loro lavoro è molto più difficile. E che dire di chi riesce a godersi la quotidianità senza mai lamentarsi dei problemi che devo affrontare? Sembra uno strano scherzo della vita, ma…

Qual è il segreto della felicità?

In realtà non c’è un segreto. Non c’è niente di meglio dell’essere libero per essere felice. Ed essere liberi significa fare davvero quello che vogliamo fare, invece di fare ciò che dovremmo. Questo implica anche avere il coraggio di non fare un lavoro che non vi piace, anche se i vostri genitori o il vostro migliore amico considerano che è il lavoro perfetto per voi.

Essere liberi significa avere il coraggio di chiudere una relazione che non vi sta portando da nessuna parte, anche se prendere questa decisione comporterà il ritornare single per un certo periodo e imparare a stare da soli finché non troverete la persona perfetta per voi.

Proprio questo è il vostro principale diritto: il diritto alla libertà di essere voi stessi, a prescindere da ciò che pensano gli altri. Fare quello che vi piace davvero, e che vi rende felici.

Cambiare direzione

Ma come fare per cambiare la direzione che sta prendendo la vostra vita quando vi accorgete che tutto scorre secondo delle regole che sembrano prestabilite? Uno dei modi più pratici è iniziare a domandare a voi stessi che cos’è che volete davvero fare. Smettete di compiacere gli altri invece di compiacere voi stessi. Smettete di imitare vostra cugina o vostro fratello, cercate la vostra strada. Smettete di soddisfare le aspettative degli altri invece di preoccuparvi delle vostre. Dovete cercare il senso della vostra vita.

Ecco un esercizio pratico per rompere i nostri schemi e le nostre convinzioni: immaginate di non avere nessun tipo di pressione, di nessun tipo. Nessuno ha opinioni contrarie ai vostri gusti, e non avete nemmeno obblighi né bisogni urgenti di tipo economico. Che cosa fareste? A che cosa dedichereste la vostra vita?

Certo, questa è una situazione utopica: tutti siamo sottoposti a pressioni, obblighi e responsabilità a cui dobbiamo rispondere, non viviamo isolati dal mondo e non possiamo fare sempre ciò che vogliamo. Ma immaginare questo scenario ipotetico vi permetterà di scoprire quali sono i vostri veri desideri, i sogni nascosti sotto il mucchio di doveri, opinioni e pressioni esterne. Forse non riuscirete a realizzare tutti i vostri sogni oggi stesso, ma almeno avrete un’idea più chiara di quali sono, qual è la vostra missione profonda.

Difficile, ma non impossibile

Il mondo non crollerà se abbandonerete il lavoro che avete fatto per cinque anni, vivendolo come un opprimente dovere. C’è sempre il modo di cambiare e reinventarsi, facendo qualcosa che vi piaccia davvero e vi soddisfi. Quante persone possono davvero dire che lavorano per piacere non per obbligo?

E non sarà nemmeno così drammatico iniziare da adulti quella nuova attività che avete sognato per tutta la vita. Lo sport che vi piaceva tanto da piccoli oppure quell’attività artistica che non avete mai provato perché vi sembrava fuori dalla vostra portata.

Quando inizierete a fidarvi del vostro istinto e a connettervi alla vostra vera essenza, capirete che cosa volete fare davvero e avrete fatto il grande passo verso il percorso di vita che meritate.

Immagine per gentile concessione di Send me a drift