William Stern, il creatore del QI (e il suo più grande critico)

La persona che ha coniato il concetto di QI ha finito per essere il suo più grande detrattore. William Stern ci aveva avvisato: conoscere l'attitudine mentale di qualcuno dovrebbe anche tenere conto di tutto, dalle sue emozioni alla sua determinazione.
William Stern, il creatore del QI (e il suo più grande critico)
Valeria Sabater

Scritto e verificato da la psicologa Valeria Sabater.

Ultimo aggiornamento: 25 ottobre, 2022

Vi siete mai sottoposti a un test di intelligenza? Avete dovuto fare magari un test psicoattitudinale nel corso di un processo selettivo? Esistono vari strumenti per questi scopi, dalla Wechsler Adult Intelligence Scale (WAIS), al sempre impegnativo Raven test. Tutte riconducono a William Stern.

Tutte queste risorse non hanno solo lo scopo dimostrare quanto siamo efficienti a livello cognitivo. I test che misurano le aree associate all’intelligenza ci categorizzano anche socialmente sulla base di un elenco di presunte abilità. Pensiamo ad esempio all’associazione Mensa, una comunità in cui entrano solo persone con abilità elevate e che superano il 98% della media. Ad ogni modo, attualmente la valutazione del QI è ancora importante in molti ambiti e situazioni.

Questi test vengono utilizzati nei procedimenti giudiziari per valutare la maturità psicologica di alcuni imputati. Anche quando una persona ha subito un trauma cranico e cerchiamo di conoscere l’entità delle lesioni. E, naturalmente, i test di intelligence vengono utilizzati per individuare i migliori candidati per un lavoro. Eppure, ci sono molte voci che da decenni lanciano un allarme su un aspetto.

Usare il QI come un modo esclusivo per misurare l’intelligenza di una persona può essere discriminatorio e anche limitante. Infatti, il primo ad avvertire del pericolo di utilizzare questo indicatore come unico meccanismo per valutare il talento e l’attitudine umana è stato il suo stesso creatore: William Stern.

L’American Psychological Association ha applicato test di intelligenza durante la prima guerra mondiale per selezionare le reclute. Tali test erano chiaramente discriminatori nel dedurre che alcuni immigrati europei che vivevano negli Stati Uniti erano mentalmente inferiori.

Persona che fa un test psicologico per misurare il QI di William Stern
William Stern si è pentito di aver reso popolare il suo concetto di quoziente di intelligenza (QI).

Chi era William Stern?

William Stern (1871-1938) è stato uno psicologo e filosofo tedesco famoso per i suoi notevoli contributi nel campo dell’intelligenza e della personalità. Ha coniato il termine quoziente di intelligenza (QI) e ha creato strumenti innovativi per rilevare l’attitudine e il talento nelle persone. Tutto questo ha dato avvio a un’era in cui i processi di selezione hanno iniziato a essere regolati da questo tipo di strumenti.

In particolare, se c’è stata un campo d’applicazione che ha beneficiato dell’introduzione dell’IQ, è quello che riguarda i bambini.

Gli psicologi già da decenni cercavano di valutare l’età mentale dei bambini e ad apprezzare le differenze individuali nello sviluppo. Personaggi come Alfred Binet e Théodore Simon lo avevano già provato. Tuttavia, William Stern ha fornito la chiave per una definizione di questo aspetto.

La sua teoria proponeva la seguente formula: QI= età cognitiva/età cronologica x 100. L’età cronologica si riferiva al giorno e all’anno di nascita della persona. Il valore cognitivo è una misura standardizzata che misura le capacità cognitive di una persona rispetto alla performance media di soggetti della stessa età.

Pertanto, con questi dati alla mano, si stabilì che il ritardo mentale di una persona è dato da un QI di 70-85. Stern avvertì che questa formula non dovrebbe essere utilizzata come unico metodo per classificare l’intelligenza di un individuo. Tuttavia, gli esperti hanno ignorato i suoi avvertimenti.

“La fragilità mentale o il ritardo borderline non possono essere valutati dal solo QI”.

-William Stern-

Forte interesse per lo sviluppo del bambino

Stern sposò un’altra psicologa, Carol Joseephy. Se c’era un campo a cui entrambi erano interessati, era l’apprendimento dello sviluppo del bambino, e questo li portò a realizzare un famoso progetto. Gli Stern iniziarono a studiare i loro tre figli dalla nascita ai 18 anni per capire come stabilissero il linguaggio e l’intero insieme dei processi cognitivi: memoria, attenzione, giudizi, ragionamento, ecc.

Un lavoro svolto dal dottor James T. Lamiell raccoglie tutte le conclusioni a cui la coppia è giunta in quello studio familiare. A questo scopo, il test del QI non servì solo a misurare aspetti che fanno anche parte del comportamento intelligente nei bambini. William Stern, infatti, mise in evidenza l’importanza delle variabili volitive (motivazione, risoluzione) ed emotive.

Il cervello del bambino illuminato che simboleggia la molecola che ringiovanisce i cervelli che invecchiano
Per William Stern, anche le emozioni sono decisive nella valutazione dell’intelligenza.

William Stern, il pioniere del QI che finì per essere il suo più grande critico

La persona dietro il concetto di QI ha finito per essere il suo più grande detrattore. Questa è l’ironia della sorte più curiosa nella storia della psicometria e dello studio dell’intelligenza. Infatti, una cosa che non tutti sanno è che William Stern avrebbe voluto che il suo nome non fosse associato a questa teoria e alla sua formula classica (Lamiell, 2003, p. 1).

Nel 1933 scrisse le seguenti parole:

“In ogni condizione, l’essere umano è e rimarrà il centro della propria vita psicologica e del proprio valore. In altre parole, rimane persona, anche se studiato e trattato da una prospettiva esterna rispetto agli obiettivi degli altri… Il mio la sensazione è che gli psicotecnici degradino le persone usandole come mezzo per i fini degli altri (pp. 54-55).”

-Stern, 1933, citato in Lamiell, 2003-

La filosofia del personalismo contro il mercantilismo della selezione del personale

Se William Stern ha sviluppato sia il QI che altri approcci psicometrici, è stato per conoscere meglio le persone, non per delimitare il loro potenziale in base a un valore percentuale. In effetti, è stato un difensore della teoria filosofica del personalismo, un approccio che percepisce l’essere umano come libero, unico e con un valore intrinseco proprio per essere quello che è.

Qualcuno che non può mai essere trattato come merce e che mostra anche l’opportunità di realizzare il proprio potenziale ogni volta che lo desidera. Tutto questo contrasta con quanto poi effettuato con i test di intelligenza. L’industria del lavoro e anche l’esercito hanno iniziato a selezionare le persone in base all’indicatore del QI.

Stern si è pentito per tutta la vita del fatto che i suoi valori psico-attitudinali trasformassero le persone in macchine per il mercato del lavoro o per l’esercito. Molti hanno visto le loro opportunità completamente limitate solo per il fatto di aver ottenuto un punteggio basso o medio in questi test. Era l’inizio del 20° secolo e ciò che il padre del QI non sapeva è che questa tendenza sarebbe durata per diversi decenni…

Potrebbe interessarti ...
La flessibilità cognitiva conta più del QI
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
La flessibilità cognitiva conta più del QI

La flessibilità cognitiva è un'abilità associata alla capacità di adattarsi e provare nuove soluzioni a vecchi problemi. Scopritene di più.



  • Allport, Gordon (Oct 1938). “William Stern: 1871-1938”. The American Journal of Psychology. 51 (4): 772–773. JSTOR 1415714
  • Lamiell, James T. (2003), Beyond Individual and Group Differences. Sage Publications, ISBN 9780761921721
  • Lamiell, James T (2009). “Some Philosophical and Historical Considerations Relevant to William Stern’s Contributions to Developmental Psychology”. Zeitschrift für Psychologie. 217 (2): 66–72. doi:10.1027/0044-3409.217.2.66
  • Stern, William (1914) [1912 (Leipzig: J. A. Barth, original German edition)]. Die psychologischen Methoden der Intelligenzprüfung: und deren Anwendung an Schulkindern [The Psychological Methods of Testing Intelligence]. Educational psychology monographs, no. 13. Guy Montrose Whipple (English translation). Baltimore: Warwick & York. ISBN 9781981604999

I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.