Lo Zentangle: il disegno che ci aiuta a meditare

4 maggio 2016 in Curiosità 40 Condivisi

Lo Zentangle è un metodo di disegno che usa ripetitivamente tutte le forme geometriche e curvilinee. Lo scopo è quello di indurre calma e meditazione attraverso le linee strutturate che formano quelle belle immagini. La tecnica è semplice da capire, oltre ad essere rilassante e divertente.

I creatori dello Zentangle, Maria Thomas e Rick Roberts, sostengono che tutti possono riuscire a produrre belle immagini. L’obiettivo principale è quello di aumentare la concentrazione e la creatività, oltre a regalare una forte sensazione di benessere per mezzo della soddisfazione artistica.

Tutto nasce dal fatto che trascuriamo una parte fondamentale della nostra essenza quando ci dimentichiamo dell’importanza del culto dell’arte come forma di vita. Il metodo Zentangle vuol essere un modo di “liberarci”.

zentangle 2

Cosa dovete sapere sul metodo Zentangle

Secondo gli ideatori, il metodo è semplice da capire ed è facile divertirsi con esso anche se si è convinti di non essere abili con i colori e la pittura. Comprendere il metodo Zentangle e creare un piccolo capolavoro è come imparare il segreto celato dietro ad un trucco di magia.

Ogni linea viene realizzata in modo cosciente e meditato, come se si trattasse di pensieri, parole o fatti. In altre parole, mettiamo nero su bianco tutto ciò che è rilevante nella nostra vita.

Non importa che cosa viene fuori: la cosa importante è collegare la nostra mente con la nostra mano e la carta. Ciò ci permette di creare nuovi pensieri e prospettive, cosa che ci aiuta a fluire e a concentrarci sul presente. È per questo che l’uso della gomma non è concesso, perché è come se stessimo cancellando noi stessi.

zentangle 3

Il fatto di non sapere che cosa verrà fuori è quindi intenzionale, si tratta di una libertà e di una sfida allo stesso tempo. Inizialmente, la non-esistenza di una soluzione predefinita può irritare, dato che siamo stati abituati sin da piccoli a cercare le soluzioni perfette. Vediamo punto per punto di cosa abbiamo bisogno:

  • Ogni prototipo di riquadro Zentangle misura 8,89 cm per lato. Potete usare qualsiasi tipo di carta ruvida senza righe; è preferibile che sia bianca e delle dimensioni indicate.
  • Bisogna iniziare a disegnare una linea e proseguire incrociando in modo ripetitivo il tipo di linea che state creando.
  • L’idea è terminare il disegno in una sola sessione di 15 minuti o più. In questo modo, la sensazione di vittoria e soddisfazione può essere raggiunta rapidamente anche da coloro che non hanno molto tempo a disposizione.
  • Durante la realizzazione di un disegno Zentangle, dovete ricreare un ambiente personale, intimo ed unico. Fondere le vostre sensazioni con la carta piastrellata dello Zentangle vi farà sentire meravigliosamente rilassati e connessi.

Che cosa vi dà lo Zentangle

In altri articoli abbiamo parlato dei benefici emotivi e cognitivi che otteniamo colorando i mandala ed altri disegni. Tuttavia, lo Zentangle fa un passo oltre, poiché fomenta la creatività mostrandoci che anche noi possiamo produrre belle illustrazioni.

È così che, facendoci allontanare dalla consapevolezza dello spazio-tempo, lo Zentangle:

  • Ci rilassa profondamente.
  • Se pratichiamo quest’attività prima di andare a dormire, ci aiuta a liberarci dell’insonnia.
  • Ci spinge ad apprezzare di più le nostre capacità.
  • Ci integra in una comunità di sostegno e divertimento (sui social network ci sono diversi gruppi e pagine al riguardo).
  • Alimenta e sviluppa le nostre abilità creative.
  • Allena il nostro cervello e la nostra mente.

zentangle 4

Caratteristiche del metodo Zentangle

Non è una sorpresa che l’arte e la creatività ci aiutino ad entrare in connessione con noi stessi; si tratta di un aspetto che troppo spesso accantoniamo e che, invece, ci permette di liberarci dalla nostra routine di attività e doveri.

Lo Zentangle ci aiuta a stabilire un linguaggio interiore non verbale di figure e proporzioni, il quale apre la porta a nuove prospettive che, di solito, sono nascoste, bloccate. Così come la tecnica dei mandala, questo metodo è una forma di “meditazione moderna”. Usiamo le virgolette poiché Jung utilizzava già a suo tempo modelli geometrici ed archetipi come strumenti terapeutici. Il fatto che il risultato non sia prefabbricato ci aiuta a concepire la vita come un arcobaleno di colori e non in bianco e nero.

Guarda anche