25 frasi del meraviglioso Mario Benedetti

11, agosto 2015 in Libri 13 Condivisi

La vasta e meravigliosa opera che ci ha lasciato il grande poeta Mario Benedetti è una scala che porta dritto ai nostri sogni. Con le sue parole, lo scrittore uruguaiano ci innalza a un mondo di consapevolezza e nostalgia che ci fa sospirare. In questo articolo vi lasciamo 25 delle sue frasi più belle, che sono un vero balsamo per la nostra anima.

1. Non mi tentare, perché se ci tentiamo non ci potremo dimenticare.

2. Ma, in fondo, che cosa c’è tra di noi? Per ora, almeno, una specie di complicità di fronte a noi stessi, un segreto condiviso, un patto unilaterale. Naturalmente, non è un’avventura, né un progetto né, men che meno, un fidanzamento. Tuttavia, è qualcosa di più di un’amicizia. La cosa peggiore (o migliore?) e che lei si sente a suo agio in questa definizione. Mi parla con complicità, con umore, credo persino con affetto.

3. Quando credevamo di avere tutte le risposte, all’improvviso, sono cambiate tutte le domande.

4. La farfalla ricorderà per sempre di essere stata un bruco.

5. Dopo tutto, la morte è solo un segno del fatto che c’è stata la vita.

6. Nella ragione entreranno soltanto i dubbi che avranno la chiave.

7. L’uomo di oggi deve stare in guardia da due pericoli: la destra quando è destra, la sinistra quando è sinistra.

8. Non credere a ciò che ti raccontano del mondo (nemmeno a ciò che ti sto raccontando io), perché il mondo è irraccontabile.

9. Chi l’avrebbe detto, i veri deboli non si arrendono mai.

10. Ci sono poche cose assordanti quanto il silenzio.
Condividere

non arrendersi

11. Mi piacerebbe guardare tutto da lontano, ma con te.

12. Non ti arrendere, per favore, non cedere, nemmeno quando il freddo scotterà, la paura morderà, il sole si nasconderà e il vento tacerà; c’è ancora fuoco nella tua anima, c’è ancora vita nei tuoi sogni. Perché la vita è tua, e tuo il desiderio, perché ogni giorno è un nuovo inizio, perché questo è il migliore dei momenti, perché non sei da solo, perché io ti amo!

13. Mi piace la gente che vibra, quella che non bisogna spingere, a cui non bisogna dire di fare le cose, perché sa già ciò che bisogna fare e lo fa. La gente che coltiva i suoi sogni finché quei sogni non si appropriano della sua realtà.

14. Mi piace la gente in grado di capire che l’errore più grande dell’essere umano è cercare di scacciare dalla testa ciò che non vuole saperne di uscire dal cuore.

15. Ci rassegnamo al momento unico e felice. Preferiamo perderlo, lasciarlo trascorrere senza afferrarlo. Preferiamo perdere tutto, piuttosto che ammettere che si tratta della nostra unica possibilità e che quella possibilità dura solo un minuto e non una lunga, impeccabile, esistenza.

16. Io amo, tu ami, lui ama, noi amiamo, voi amate, essi amano. Magari non fosse coniugazione, ma realtà.

17. Cinque minuti bastano per farci sognare per una vita intera, questa è la relatività del tempo.

18. Non avrei mai pensato che nella felicità ci fosse tanta tristezza.

19. Che splendida insonnia, se resto sveglio sul tuo corpo.

20. La mia strategia è che un giorno qualsiasi, non so come né con quale pretesto, finalmente avrai bisogno di me.

21. La gloria non consiste nel non cadere mai, ma piuttosto nel rialzarsi tutte le volte che è necessario.

22. L’amore non è ripetizione. Ogni atto di amore è un ciclo in se stesso, un’orbita chiusa nel suo proprio rito. È, come potrei spiegartelo, una manciata di vita.

23. La perfezione è una limpida collezione di errori.

24. Se il cuore si stufa di amare, a che cosa serve.

25. Se solo fossimo consapevoli di ciò che abbiamo con la stessa chiarezza con cui siamo consapevoli di ciò che ci manca!