35 frasi del politico uruguaiano Pepe Mujica

22 ottobre 2015 in Curiosità 83 Condivisi

Possiamo essere d’accordo o meno con l’ex presidente dell’Uruguay Pepe Mujica. Possiamo mettere in discussione le sue decisioni, le sue scelte politiche e anche la sua immagine, ma se c’è qualcosa su cui non si può discutere è la sua filosofia che spinge a riflettere, una filosofia che si basa sui principi di libertà sociale, solidarietà e rispetto per gli altri. Qualcosa per cui verrà sempre ricordato.

In questo articolo abbiamo raccolto le frasi e i pensieri più celebri di José Mujica:

1. Se avessi tante cose, dovrei occuparmene. La vera libertà è avere poche cose, il minimo.

2. Sì, è possibile un mondo con un’umanità migliore. Tuttavia, forse il compito principale è quello di salvare vite.

3. Per come siamo messi ora, non è possibile colmare il nostro senso di spreco.

4. Il potere non cambia le persone, rivela solo chi sono veramente.

5. Vivere meglio non significa avere tanto, ma essere più felici.

6. Voglio conoscere la verità, ma non credo per niente nella giustizia.

7. Mi arrabbio, mi scaldo, dico sciocchezze, ma non posso coltivare l’odio (…). Bisogna portare rispetto, soprattutto quando fa più male.

8. Non ha senso frignare per le cose inevitabili. Le cose inevitabili vanno affrontate.

9. Sì, sono stanco, ma questo non finirà fino a quando non mi chiuderanno in una cassa o sarò un vecchio rimbambito.

10. Il nostro mondo ha bisogno di meno organizzazioni mondiali, che servono solo alle catene di alberghi, e più umanità e scienza.

Solidarietà

11. Siamo nati solo per consumare e quando non possiamo farlo, il mondo si riempie di frustrazione, povertà, autolimitazione ed autoesclusione.

12. Passiamo il tempo ad adorare il dio mercato che organizza la nostra economia, la politica, le abitudini, la vita e perfino finanzia con carte di credito un’apparenza di felicità.

13. Per quanto cerchiamo di globalizzare l’economia, il nostro cuore, la nostra soggettività non possono essere globalizzate.

14. Radiamo al suolo le foreste, le vere foreste, e costruiamo foreste anonime di cemento.

15. Affrontiamo la vita sedentaria con il tapis roulant, l’insonnia con le pillole per dormire, la solitudine con le tecnologie e l’elettronica.

16. La libertà serve a pensare diversamente, perché per essere d’accordo non è necessaria la libertà.

17. L’uomo oggi non governa le forze che ha scatenato, ma sono le forze che ha scatenato a governarlo.

18. Non lasciatevi rubare la giovinezza interiore. Quella esterna se la porta via il tempo, è inevitabile. Ma c’è una giovinezza per cui lottare, un territorio interiore, basta guardarsi dentro, e questa giovinezza si accompagna a una piccola parola molto semplice: solidarietà, solidarietà con la condizione umana.

19. L’impossibile richiede un po’ più sforzo, ne esce sconfitto solo chi abbassa le braccia e si rassegna.

20. Non mi guardo indietro perché il presente, che è reale, è nato dalle ceneri fertili di ieri.

Catene

21. Essere liberi è passare la maggior parte del tempo della nostra vita a fare quello che ci piace.

22. Continueranno le guerre fino a quando la natura ci chiamerà all’ordine e renderà inattuabile la nostra civiltà.

23. Il viaggio più corto è per la via più lunga.

24. Siamo nati per essere felici perché la nostra vita è breve e passa in fretta. E nessun bene vale come la vita, questo è elementare.

25. La politica è la lotta per la felicità di tutti.

26. Povero non è chi possiede poco, ma chi necessita infinitamente tanto e desidera sempre di più.

27. Devo gestire il gigantesco debito sociale e la necessità di difendere l’Amazzonia, i mari, i grandi fiumi dell’America.

28. L’uomo moderno va sempre di fretta, perché se l’economia non cresce, è una tragedia.

29. Noi politici dobbiamo vivere come vive la maggioranza e non come la minoranza.

30. Ci sono cose di cui si scopre il valore solo dopo averle perse.

Messaggio-bottiglia

31. Quello che alcuni chiamano crisi ecologica del pianeta è una conseguenza dell’immenso trionfo dell’ambizione umana: è il nostro trionfo, ma anche la nostra sconfitta.

32. Se questa umanità ambisce al consumo di un americano medio, allora servono tre pianeti per poter vivere.

33. Promettiamo una vita di rifiuti e sprechi, che in fondo non è altro che un conto regressivo contro la natura e contro il futuro dell’umanità.

34. Siamo i più poveri. La mia definizione di povertà è quella di Seneca “Povero è colui che ha bisogno di tanto” Perché chi ha bisogno di tanto, cioè tutti, sono i più poveri.

35. Vale la pena vivere con intensità, puoi cadere una, due, tre o venti volte, ma ricordati che puoi alzarti e cominciare da capo. Gli sconfitti sono quelli che smettono di combattere, i morti sono quelli che non combattono per vivere.
Guarda anche