Curiosità sul viaggio e sui viaggiatori

Il mondo è pieno di persone che si spostano da un posto all'altro. C'è chi lo fa per lavoro, per incontrare qualcuno o semplicemente per il piacere di farlo. Ebbene sì, questo articolo è ricco di curiosità.
Curiosità sul viaggio e sui viaggiatori
Sergio De Dios González

Revisionato e approvato da lo psicologo Sergio De Dios González.

Scritto da Edith Sánchez

Ultimo aggiornamento: 25 dicembre, 2022

Molte delle esperienze e delle curiosità di viaggio più curiose rimarranno nella valigia o nello zaino degli intrepidi o nella memoria di pochi. Parliamo di quegli aneddoti che serviranno ad animare il momento della cena, strappare sorrisi condivisi e persino annoiare un po’ le persone vicine che devono ascoltarli più volte. In un modo o nell’altro, sono straordinarie ventate di vita.

Quanto alla nostra preoccupazione per il viaggio, la verità è che l’uomo era un essere nomade nei primi stadi della specie umana. Nonostante il passare del tempo, in molti persiste l’intenso desiderio di mettersi in cammino e andare lontano. Alcuni viaggiano per riposarsi, altri per stile di vita. Alla maggior parte piacciono quei viaggi che portano sempre sorprese. Conosciamo alcune curiosità sui viaggi.

La persona intelligente viaggia per arricchire la sua vita più tardi nei giorni sedentari, che sono più numerosi.”

-Enrique Larreta-

Uomo con uno zaino in aeroporto
Viaggiare aumenta la dopamina e abbassa i livelli di stress.

Il gene del viaggio 

Apparentemente, tutti gli esseri umani hanno quello che potrebbe essere definito un “gene del viaggiatore”, che in qualche modo ci verrebbe dal nostro passato nomade come specie. Ciò è stato suggerito da uno studio pubblicato sulla rivista Evolution and Human Behavior nel 2015. La ricerca indica che la variante genetica DRD4-7r potrebbe essere fortemente associata al desiderio di vagare.

Sembra che questo gene abbia a che fare direttamente con la ricerca della novità, l’impulsività e la voglia di avventura. Per questo molti non hanno esitato a battezzarlo come il “gene della voglia di viaggiare”. Si stima che il 20% della popolazione abbia alti livelli del gene del viaggiatore nel proprio schema genetico.

Tuttavia, molti ricercatori hanno sottolineato che il gusto per il viaggio non è legato a un singolo gene, ma che sono coinvolti molti fattori, non solo genetici, ma anche personali e culturali. Comunque sia, l’ipotesi del gene viaggiatore è comunque interessante e merita di essere menzionata tra le curiosità sul viaggio.

Curiosità sul viaggio: quali benefici?

Il viaggio non è solo un’altra attività ricreativa, ma piuttosto porta grandi benefici a coloro che si lasciano sedurre dal richiamo della strada. Uno studio condotto da scienziati dell’Università di Jyväskylän, in Finlandia, ha scoperto che gli anziani che viaggiavano vivevano più a lungo. È perché i viaggi rompono con la vita sedentaria, fisicamente e mentalmente. Se vale per gli anziani, tanto più per i più giovani.

Un altro studio, condotto da Thomas Gilovich della Cornell University (Stati Uniti), ha sottolineato che viaggiare porta felicità. È un’esperienza che si gode dalla progettazione, attraverso la realizzazione e poi attraverso la memoria. Partecipa alle esperienze memorabili che alimentano un atteggiamento più positivo nei confronti della vita.

Altri benefici e curiosità sul viaggio

Cambiare contesto non significa solo una sana rottura con la solita routine, ma l’esperienza del viaggio mette alla prova e aiuta anche a sviluppare diverse capacità:

  • Attivare la capacità di risolvere i problemi. In un contesto straniero, c’è un incontro con nuove situazioni che richiedono la capacità di risolvere le difficoltà e adattarsi all’ambiente.
  • Aumenta le abilità sociali e comunicative. Al di fuori dell’ambiente abituale, sono necessarie una maggiore empatia e migliori capacità comunicative per comprendere ed esprimere idee ed emozioni.
  • Aiutaci a distruggere i pregiudizi. Una persona che viaggia ha l’opportunità di vedere di persona se ciò che dice di altri luoghi e culture è vero o no. In questo modo crollano molti pregiudizi.
  • La conoscenza di se stessi. Essere in un contesto diverso ci permette di scoprire aspetti della nostra personalità che erano nascosti all’interno della nostra zona di comfort.
Coppia guardando una mappa
Viaggiare ci aiuta a crescere come persone.

I grandi viaggiatori 

Le opere epiche classiche più famose sono L’Iliade e L’Odissea. Entrambi parlano di viaggi, dal momento che il loro creatore, Homer, era un viaggiatore instancabile. Anche i romani lo erano, ed è per questo che erano soliti fare viaggi, non in vacanza, ma per diversi anni. Era un’usanza diffusa.

Un’altra curiosità sul viaggio ce la fornisce un monaco cinese di nome Zuangzang. Ha intrapreso un viaggio colossale di 16 anni, con l’obiettivo di raccogliere tutti i testi buddisti che erano in viaggio dalla Cina all’India. Ha seguito la Via della Seta e ha documentato geograficamente tutti i siti che ha visitato.

Anche Isabella Lucy Bird merita un posto tra le curiosità sui viaggi. Questa donna visse nell’era vittoriana e nonostante tutte le restrizioni che esistevano per il suo genere in quel momento, non esitò a fare le valigie e viaggiare in Asia. È così che è diventata la prima donna ad entrare a far parte della Royal Geographic Society e ha lasciato libri meravigliosi sui suoi viaggi. Come tutti i viaggiatori, era un’anima errante alla ricerca del mistero.

Potrebbe interessarti ...
Viaggiare migliora la salute mentale
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Viaggiare migliora la salute mentale

A volte bisogna farlo: andare via per poi tornare. Allontanarci dai nostri soliti schemi è uno dei modi in cui viaggiare migliora la nostra salute ...



  • Gilovich, T., Kumar, A., & Jampol, L. (2015). A wonderful life: Experiential consumption and the pursuit of happiness. Journal of Consumer Psychology, 25(1), 152-165.
  • Haines, G. (2017, 3 agosto). The ‘wanderlust gene’ – is it real and do you have it? The Telegraph. https://www.telegraph.co.uk/travel/travel-truths/the-wanderlust-gene-is-it-real-and-do-you-have-it/.
  • Katja Pynnönen, Timo Törmäkangas, Riitta-Liisa Heikkinen, Taina Rantanen, Tiina-Mari Lyyra, Does Social Activity Decrease Risk for Institutionalization and Mortality in Older People?, The Journals of Gerontology: Series B, Volume 67, Issue 6, November 2012, Pages 765–774, https://doi.org/10.1093/geronb/gbs076.

I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.