Disturbo post-traumatico da stress correlato al cancro

Il cancro può scatenare lo stress post-traumatico. Pensa che la maggior parte delle persone che ricevono questa diagnosi la considerino una potenziale minaccia per la loro vita, con tutto ciò che questo comporta. Pertanto, in questo articolo discuteremo l'importanza dell'intervento psicologico per il recupero.
Disturbo post-traumatico da stress correlato al cancro
Elena Sanz

Scritto e verificato da la psicologa Elena Sanz.

Ultimo aggiornamento: 05 marzo, 2023

Generalmente, associamo il disturbo da stress post-traumatico (DPTS) a determinate esperienze, come attacchi, incidenti o abusi. Pertanto, ricevere una diagnosi di una malattia può innescare lo stesso processo. Infatti, lo stress post-traumatico correlato al cancro è una realtà ben documentata su cui abbiamo sempre più informazioni.

Non in tutti i casi l’esperienza della malattia porta al DPTS. Ci sono fattori di rischio individuali e contestuali. Anche così, si stima che tra il 5% e il 35% dei malati di cancro finisca per sviluppare questo disturbo. Ciò implica la necessità di effettuare un adeguato follow-up psicologico e di intervenire per attenuare i sintomi del disturbo.

Donna triste nel soggiorno

La relazione tra disturbo post-traumatico e cancro

Si tratta di un disturbo che si innesca quando la persona percepisce una minaccia molto seria che ne compromette la sopravvivenza. Quando l’evento è improvviso e inaspettato, genera un forte impatto emotivo che è impossibile gestire ed è vissuto con terrore e disperazione, si parla di trauma. In relazione al cancro, ci sono diversi elementi che contribuiscono a far sì che l’esperienza prenda questa forma.

Il momento della diagnosi, i diversi esami e trattamenti a cui la persona si sottopone, i risultati sfavorevoli, i ricoveri ospedalieri… Tutti questi momenti sono potenziali fattori di stress.

Inoltre, sono stati identificati alcuni fattori che aumentano il rischio di scatenare il disturbo. Tra questi ci sono la gravità del cancro, la presenza di dolore e gli effetti collaterali dei trattamenti, l’aver subito traumi precedenti o lo scarso sostegno sociale.

In tutti i casi, è naturale che una persona con la malattia (o sopravvissuta) soffra di ansia, paura e un grande fardello dovuto all’incertezza che sta affrontando, soprattutto se la diagnosi è recente. Tuttavia, quando questo disagio è molto grave, interferisce in modo significativo con il funzionamento quotidiano e non si attenua nel tempo, potrebbe esserci una diagnosi mentale concomitante che deve essere affrontata.

Sintomi e manifestazioni

I sintomi dello stress post-traumatico correlato al cancro sono simili a quelli che si verificano dopo altri tipi di esperienze traumatiche. Principalmente troviamo quanto segue:

  • Preoccupazione costante.
  • Paura di una ricomparsa della malattia.
  • Incubi e flashback sulla malattia o sui trattamenti subiti.
  • Paura del futuro e terrificanti pensieri invadenti.
  • Irritabilità, agitazione, insonnia e stanchezza.
  • Comportamenti di evitamento legati a quegli eventi, luoghi o persone che ricordano la malattia. Anche emozioni e pensieri correlati possono essere evitati.
  • Sentimenti di colpa, disperazione, vergogna e rabbia.
  • Intorpidimento emotivo o difficoltà a provare emozioni.

Tutti questi sintomi non solo generano un grande disagio emotivo nei pazienti, ma interferiscono anche con il loro funzionamento quotidiano. È particolarmente pericoloso quando la tendenza all’evitamento fa sì che non si rechino alle visite mediche, non effettuino gli esami pertinenti o non seguano le cure prescritte. Per questo motivo è fondamentale prestare attenzione alla possibile comparsa del disturbo e intervenire opportunamente.

Aspetti neurobiologici

Il disturbo post-traumatico correlato al cancro non solo è stato identificato dalle testimonianze e dalle manifestazioni dei pazienti, ma è stato scoperto anche a livello di cambiamenti anatomici e funzionali nel cervello. Ed è che alcuni studi hanno verificato che l’alterazione dei sistemi neurobiologici coinvolti nel DPTS si verifica anche nei casi di cancro.

Nello specifico si svolgono i seguenti processi:

  • L’attività dell’amigdala è intensificata, il che genera una risposta esacerbata alla paura e agli stimoli percepiti come minacciosi.
  • Diminuisce la ricettività della corteccia prefrontale, che impedisce l’inibizione funzionale dell’amigdala.
  • Si osserva un’alterazione del volume e della funzione dell’ippocampo, che porta a deficit nella memoria esplicita.
  • C’è iperattività dell’insula, che porta la persona a rivivere il trauma, avere pensieri intrusivi e comportamenti di evitamento.
  • L’area di Brocca è disattivata, il che crea difficoltà in questi pazienti a strutturare, descrivere e verbalizzare cognitivamente la loro esperienza traumatica.

È stato osservato che i sintomi intrusivi sono quelli che si presentano maggiormente nei pazienti oncologici con DPTS, e in questi casi costituiscono il nucleo del disturbo. Inoltre, a causa delle difficoltà di verbalizzazione, sembra preferibile optare per interventi multimodali e non solo conversazionali per affrontare il trauma.

Donna con cancro che fa terapia

Rilevare e trattare il disturbo post-traumatico da stress correlato al cancro

Tutto quanto sopra indica che lo stress post-traumatico correlato al cancro è relativamente comune, quindi è importante prestare attenzione per rilevarlo e intervenire il prima possibile. Ed è che, se non viene curata, può portare la persona a non accettare completamente la malattia, a non ricevere le cure adeguate oa soffrire, inoltre, di disturbi depressivi o d’ansia.

Bisogna considerare che il PTSD può comparire in qualsiasi momento durante la malattia o anche dopo la guarigione, e che può colpire anche caregiver e parenti (soprattutto nel caso di tumori infantili). Per questo motivo, è necessario seguire.

Una volta rilevata la presenza di PTSD associato al cancro, è possibile intervenire in diversi modi. I farmaci possono essere necessari nei casi più gravi e i gruppi di supporto sono un aiuto essenziale perché offrono uno spazio sicuro per esprimere e condividere le esperienze e le emozioni associate.

Tuttavia, è principalmente conveniente applicare un processo di psicoterapia basato sull’EMDR o sulla terapia cognitivo-comportamentale ; queste procedure possono aiutare la persona a elaborare correttamente il trauma, ridurre i sintomi del disturbo da stress post-traumatico e insegnare loro come affrontare lo stress e i fattori scatenanti in modo che possano continuare il trattamento e affrontare adeguatamente la malattia.

Potrebbe interessarti ...
Terapie per il disturbo da stress post traumatico
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Terapie per il disturbo da stress post traumatico

In questo articolo parleremo delle terapie per il disturbo da stress post-traumatico, ma anche dei sintomi associati a questa condizione.



  • Abbey, G., Thompson, S. B., Hickish, T., & Heathcote, D. (2015). A meta‐analysis of prevalence rates and moderating factors for cancer‐related post‐traumatic stress disorder. Psycho‐Oncology24(4), 371-381.
  • Carletto, S., & Pagani, M. (2017). El impacto neurobiológico de EMDR en el cáncer. Journal of EMDR Practice and Research11(3), 92E-101E.
  • Khan, A. M., Dar, S., Ahmed, R., Bachu, R., Adnan, M., & Kotapati, V. P. (2018). Cognitive behavioral therapy versus eye movement desensitization and reprocessing in patients with post-traumatic stress disorder: Systematic review and meta-analysis of randomized clinical trials. Cureus10(9).

I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.