Estremismo psicologico: quando un bisogno diventa opprimente

Siete ossessionate da qualla dieta che vi farà spiccare in bikini? Studiate fino allo stremo delle forze per ottenere sempre bei voti? Magari sono comportamenti di poco rilievo nella società, ma possono essere il riflesso di un meccanismo psicologico che comporta l'incapacità di autoregolarsi. Ne parliamo in questo articolo.
Estremismo psicologico: quando un bisogno diventa opprimente
Cristina Roda Rivera

Scritto e verificato da la psicologa Cristina Roda Rivera.

Ultimo aggiornamento: 04 gennaio, 2023

L’estremismo psicologico compare quando un bisogno diventa opprimente, porta a dimenticare tutto il resto e sfocia nella dipendenza. Cioè, lo squilibrio dei bisogni porta a comportamenti estremi, conseguenza dell’inflessibilità psicologica e dell’incapacità di regolarsi.

Normalmente i nostri bisogni, siano essi fisiologici o psicologici, sono in equilibrio: mangiamo, beviamo, siamo in contatto con gli altri, ecc. Tuttavia, a volte un bisogno può diventare dominante, troppo dominante.

Prendiamo la fame come esempio. Quando abbiamo molta fame, questo bisogno può diventare travolgente, dirigendo quasi istintivamente tutte le nostre azioni. E tutto il resto diventa meno importante.

Lo stesso vale per i nostri desideri psicologici. Che sia dovuto al bisogno di rispetto, dignità, importanza, impegno, sicurezza o libertà. Un desiderio o un bisogno psicologico può diventare così potente che una persona lo segnala, con i propri pensieri e comportamenti, come dominante, ad esempio il bisogno di riconoscimento sociale.

Pertanto, il comportamento estremo di qualsiasi tipo si basa su uno squilibrio di bisogni, o meglio, su un equilibrio disadattivo quando si tratta di investire risorse per soddisfarlo.

Donna che mangia una ciambella
Quando un bisogno diventa opprimente, si verifica uno squilibrio che ha effetti fisici, psicologici e sociali.

Cos’è l’estremismo psicologico?

L’estremismo psicologico si basa sul concetto di squilibrio motivazionale per cui un dato bisogno ottiene il predominio e prevale su altre preoccupazioni fondamentali. Al contrario, la moderazione risulta da un equilibrio motivazionale in cui le diverse esigenze degli individui sono ugualmente curate.

È importante sottolineare che, prestando attenzione a tutti con moderazione, le diverse esigenze limitano il comportamento estremista degli individui. Poiché la messa in atto di un comportamento estremista sacrifica le preoccupazioni comuni, la maggior parte delle persone lo evita, da cui la designazione “estremo”.

Lo squilibrio ha conseguenze motivazionali, cognitive, comportamentali, affettive e sociali. Si riflette in un’ampia varietà di estremismi che condividono lo stesso nucleo psicologico: diete estreme, sport estremi, cotte estreme, varie dipendenze, ecc.

L’estremismo psicologico come base delle nostre dipendenze

Il comportamento estremo di qualsiasi tipo si basa su uno squilibrio di bisogni. Gli studi con maniaci del lavoro, tossicodipendenti di Internet o estremisti politici lo dimostrano. Ma le segnalazioni di atleti e artisti impegnati in determinati comportamenti mostrano anche l’estremismo psicologico.

La predominanza di un singolo bisogno può essere innescata da uno stato di deprivazione pronunciato, come uno stato di abbandono genitoriale nell’infanzia; o da un forte stimolo esterno, come augurare grande successo prima degli altri, accettando solo le prime posizioni. Nel primo caso avremo un estremo bisogno di essere accuditi e nel secondo di essere convalidati personalmente per l’attività che svolgiamo.

Qui sta la differenza tra bisogni e obiettivi. Un obiettivo si può raggiungere: puoi superare un esame, poi è finito e riesci a staccare. Puoi avere l’obiettivo di scrivere cinque articoli al giorno, raggiungerlo e sentirti soddisfatto.

Tuttavia, un bisogno psicologico non è mai pienamente soddisfatto; se viene raggiunto, sarà solo per un tempo relativamente breve. Il bisogno di essere riconosciuti socialmente è molto difficile da coprire e ci porta ad adottare comportamenti estremi per raggiungerlo.

Quale meccanismo è scarsamente regolamentato?

Quando fumiamo, quale bisogno viene soddisfatto? Ad esempio, il fumo può iniziare come un bisogno sociale, come voler apparire sicuri di sé agli altri e ottenere la loro approvazione. La cosa complicata della dipendenza è che il fumo diventa un’abitudine. Più a lungo lo facciamo, più diventa difficile smettere.

Con la dipendenza ci sono comprovati cambiamenti nel cervello che rendono una persona insensibile a tutto il resto e desidera solo la droga. Eppure i processi sociali e le narrazioni che alimentano e controllano i comportamenti estremi sono cruciali per il suo emergere.

Le ideologie possono anche contenere questo tipo di narrazioni se hanno una promessa seducente che potrebbe aiutare, ad esempio, a soddisfare il desiderio insoddisfatto di trascendenza.

Tutti gli estremismi psicologici sono uguali

L’estremismo comportamentale (p. es., violenza estrema, cura estrema, dieta estrema o atletica estrema) evoca paura, disgusto, pietà o ammirazione a seconda del contesto. La sua immagine comune di esotico ed esoterico rende l’estremismo affascinante per il pubblico di tutto il mondo.

I casi di estremismo negativi, antisociali o positivi e prosociali sono generalmente visti come poli opposti e si basano su psicologie qualitativamente diverse. Tuttavia, tutti i casi di estremismo sono facce diverse della stessa medaglia. Attraverso diverse manifestazioni e livelli di filogenesi, coinvolgono lo stesso meccanismo psicologico.

Questo meccanismo consiste in uno squilibrio motivazionale in cui un certo bisogno diventa dominante al punto da prevalere su altre preoccupazioni di base e libera comportamenti che queste ultime limitavano in precedenza.

La compagnia perfetta del fanatismo sociale

L’estremismo psicologico è presente nei processi di fanatismo politico. Non è difficile capire che chiunque sviluppi un comportamento estremista ben considerato agli occhi della società, possa sviluppare un altro comportamento estremista per “cattivo”.

Come abbiamo detto, l’estremismo non è altro che il risultato di un cattivo equilibrio. Il fanatismo, in questo senso, è il complemento ideale per una persona che solitamente si manifesta nell’estremismo psicologico.

Adottando un’unica, semplice e chiara ideologia, la persona sente di aver regolato tutte le proprie trame personali e sociali. Patria, relazioni affettive, decisioni morali e atteggiamento nei confronti degli estranei sono riassunti in una teoria breve e tremendamente semplice.

Non sorprende che l’estremismo nel modo di pensare si trasformi in fanatismo sociale, poiché fornisce occupazione e significato a tutte le persone che non hanno ugualmente sviluppato tutte le abilità emotive e sociali necessarie per vivere in comunità.

La terapia emotiva razionale di Ellis per diminuire l’estremismo psicologico

La psicoterapia razionale emotiva comportamentale (REBT) può contribuire a rendere i programmi di prevenzione della radicalizzazione e dell’estremismo più chiari ed efficienti.

Secondo Ellis, REBT postula tre principali aspetti intrecciati della funzione umana: credenze, sentimenti e comportamenti. Un principio di base è che le cognizioni valutative sono i determinanti più importanti delle emozioni e dei comportamenti umani.

Ellis ha proposto che le richieste rigide e assolutiste siano al centro del disagio emotivo. Tutte le altre categorie di credenze irrazionali derivano da questa radice dogmatica. Gli esseri umani trasformano facilmente le loro preferenze, desideri e aspirazioni in “dovrei” e in obblighi.

Ci sono tre categorie di richieste assolutiste: (1) auto-richieste; (2) altre cause legali e (3) cause legali in tutto il mondo. Le richieste orientate all’ego (ad esempio, devo comportarmi bene, devo dimostrare la mia competenza, devo essere competente, devo avere il controllo, devo compiacere i miei amici) portano all’odio per se stessi, all’ansia, alla depressione e al comportamento suicida.

Altre richieste dirette (p. es., gli altri devono trattarmi sempre in modo gentile, equo; lui/lei deve amarmi) portano a forti sentimenti di rabbia, collera, dolore e comportamenti violenti e dirompenti.

La richiesta di giustizia globale (ad esempio, le condizioni economiche, sociali, politiche in cui vivo devono essere favorevoli, senza problemi; ci deve essere certezza nel mondo) portano ad autocommiserazione, rabbia, depressione, ansia, disperazione e disfunzioni comportamenti come l’isolamento, le dipendenze e la violenza.

uomo in psicoterapia
La terapia emotiva razionale di Ellis può aiutare a ristabilire l’equilibrio perduto sulla scia dell’estremismo psicologico.

La chiave: mantenere l’equilibrio

L’estremismo psicologico è un prodotto sia del modo in cui ci parliamo sia delle poche alternative comportamentali che abbiamo per regolarci. Se una persona mantiene l’equilibrio in diversi ambiti della sua vita, è difficile che cada in un estremismo psicologico che la porti a mettere in atto comportamenti distruttivi e insostenibili a lungo termine.

Quando una persona raggiunge l’eccellenza nel mondo a scapito della propria salute mentale e fisica, è caduta nella trappola dell’estremismo psicologico a causa della mancanza di autoregolamentazione. Qualsiasi condotta, portata all’estremo della pratica e del controllo, rischia di diventare problematica.

Potrebbe interessarti ...
Il perfezionismo non ci dà la felicità
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Il perfezionismo non ci dà la felicità

Il perfezionismo in tutti gli ambiti della vita non può renderci felici



  • Arie W. Kruglanski et al.: Sobre la psicología del extremismo: cómo el desequilibrio motivacional genera intemperancia. Revisión psicológica, 2020. DOI: 10.1037/rev0000260
  • Butt, R. y Tuck, H. Abordar el extremismo: desradicalización y desconexión . (Copenhague: Informe de la conferencia, 8 y 9 de mayo de 2012), Instituto para el Diálogo Estratégico. (2012). Obtenido de: http://www.eukn.eu/fileadmin/Files/News/De-radicalisation_final.pdf
  • Ccasa, J. P., Echenique, N. S., & Zarate, P. (2017). Revisión bibliográfica de la efectividad de la terapia racional emotiva conductual (REBT). Revista de Investigación Apuntes científicos estudiantiles de Psicología1(1).
  • Ellis, A. (2006). Perspectivas posteriores al 11 de septiembre sobre religión, espiritualidad y filosofía en la vida personal y profesional de cognoscenti seleccionados de REBT: una respuesta a mis colegas. J. Ración. Emoción Cog. Comportamiento El r. 24, 289–297. doi: 10.1007/s10942-006-0049-7
  • Kruglanski, AW, Szumowska, E., Kopetz, CH, Vallerand, RJ y Pierro, A. (2021). Sobre la psicología del extremismo: cómo el desequilibrio motivacional genera intemperancia. Revisión psicológica, 128 (2), 264–289. https://doi.org/10.1037/rev0000260
  • Mannes, ZL, Waxenberg, LB, Cottler, LB, Perlstein, WM, Burrell, LE, 2nd, Ferguson, EG, Edwards, ME y Ennis, N. (2019). Prevalencia y correlatos de angustia psicológica entre atletas de élite retirados: una revisión sistemática. Revista internacional de psicología del deporte y el ejercicio, 12 (1), 265–294. https://doi.org/10.1080/1750984X.2018.1469162
  • Tapia Conyer, R. (1994). Las adicciones: dimensión, impacto y perspectivas. In Las adicciones: dimension, impacto y perspectivas (pp. 327-327).

I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.