5 fattori che ci rubano la felicità

10 novembre 2016 in Psicologia 18 Condivisi

Ciascuno di noi, a suo modo, cerca di essere felice. Durante questa ricerca, però, ci ritroviamo spesso sul cammino sbagliato, dimenticando ciò che ci fa stare davvero bene. Arriviamo quindi a fare cose che crediamo siano giuste, ma che in realtà ci privano della vera felicità, spesso senza nemmeno rendercene conto.

Molte delle cose che facciamo pensando che siano necessarie per essere felici non sono altro che fattori che ci rubano la felicità, ai quali apriamo le porte permettendogli di divorarci da dentro. Sono ladri che arrivano sotto forma di convenzioni sociali alle quali sottostiamo, cercando di ostentare libertà, per raggiungere una felicità che, in realtà, si trova da tutt’altra parte.

Seguire la massa

In quanto esseri sociali, gli esseri umani sentono il bisogno di entrare in contatto con gli altri e di piacere per sentirsi parte di un gruppo. Ma al di là della necessità di fare parte di una comunità, spesso le persone acconsentono a fare tutto quello che è necessario pur di adattarsi, senza opporsi né dar voce alla propria opinione.

disturbo-della-personalita

Sono molte le persone che credono sia necessario sottomettersi perché, altrimenti, non sarebbero accettate. Questa insicurezza le porta a rinunciare alle proprie idee e desideri per dedicarsi a ciò che esige la massa, convinte che l’integrazione porti alla felicità, che l’obiettivo del branco sia la felicità di tutti. Così facendo, una persona rinuncia ai suoi valori e ai suoi pensieri sottovalutando se stesso pur di adeguarsi.

Obbedire alle autorità

Ascoltare i consigli degli altri va bene, ma ben diverso è credere a tutto e seguire alla cieca ciò che vi dicono, senza porvi delle domande, senza rispettare i vostri valori personali. Se fin da piccoli impariamo a credere ciecamente alle figure autoritarie, ci trasformeremo con il tempo in adulti obbedienti e sottomessi che, a fronte della paura di prendere decisioni, preferiscono che altri pensino per loro e si assumano le loro responsabilità.

Così, anziché seguire il proprio cuore e crearsi un cammino da soli, in molti preferiscono obbedire agli ordini e seguire il percorso segnato da altri; un percorso che, probabilmente, è volto al bene comune e a ciò che è meglio per la maggioranza. Ma su quel cammino non c’è modo di sviluppare un senso critico, né di trovare ciò che dà realmente senso alla propria individualità.

Cercare di soddisfare le aspettative altrui

Rispettare i desideri degli altri, vivere secondo le loro aspettative implica vivere per la felicità altrui e non per la propria. In questi casi non vale la scusa del “non posso scegliere”. Siete uomini liberi e sta a voi decidere, sempre. Un altro discorso è che optiate per l’alternativa più facile e meno dolorosa, almeno sul breve termine.

pollice-in-su-e-giu

Anche se gli altri affermeranno di volere solo il meglio per voi, in fondo lo fanno per soddisfare le proprie necessità, pensando a se stessi. Se vogliono che soddisfiate le loro aspettative senza lasciarvi la libertà di scegliere, stanno soltanto cercando un modo per manipolarvi, vogliono porvi dei paletti affinché non deviate dal percorso che hanno scelto per voi.

Le distrazioni che ci intristiscono

Siamo cresciuti nella cultura delle distrazioni. Siamo costantemente occupati, impegnati in cose che non contribuiscono al nostro benessere, ma alle quali dobbiamo badare senza mai fermarci. Questa costante distrazione ci riempie la testa di confusione e agitazione mentale.

In queste condizioni è molto difficile trovare un vero obiettivo, e ancor di più trovare i mezzi adeguati per raggiungerlo. Simili distrazioni ci privano della pace e della quiete di cui avremmo bisogno.

È fondamentale riuscire a mettere da parte ogni distrazione, centrandoci piuttosto nelle cose davvero importanti, ovvero quelle che riempiono il nostro cuore di allegria e ci permettono di essere la miglior versione di noi stessi.

La ricerca della perfezione

Un altro atteggiamento che ci priva della felicità è legato al tentativo di creare una vita perfetta. La perfezione non esiste. La vita è un continuo percorso di crescita e miglioramento. Cercare di rendere tutto perfetto ci impedisce di goderci a pieno ciò che siamo e ciò che abbiamo, poiché tendiamo a concentrarci solo sui nostri difetti.

profilo-di-uomo

La costante ricerca della perfezione porta inevitabilmente molto stress, delusioni, vergogna, odio verso se stessi e il tentativo di controllare gli altri.

Guarda anche