Le ferite emotive stimolano la creatività

3 gennaio 2017 in Emozioni 2126 Condivisi

Il percorso di comprensione della complessità della vita può rivelarsi incredibilmente fruttuoso per il nostro benessere psicologico. Abbracciare il dolore e, in generale, le emozioni considerate “negative”, cercando di vederle come una parte fondamentale della nostra esistenza, ha molto a che fare con la creatività.

Negli ultimi decenni, uno dei tratti salienti della società occidentale è stata la costante avversione nei riguardi del dolore, in una qualsiasi delle sue manifestazioni. In una cultura che ci ha abituati al consumo immediato e alla soddisfazione istantanea dei nostri desideri, le emozioni come la tristezza, la rabbia, la delusione o la frustrazione sembrano non trovare spazio.

Queste emozioni vengono percepite come alterazioni poco funzionali, che ci portano fuori dai circuiti della produzione e del consumo. Quando, al contrario, non rinunciamo al dolore, ma lo includiamo come un elemento che ci costituisce e fa parte di noi, attiviamo ed esprimiamo la vera creazione.

Quali emozioni ci rendono più creativi?

Nel corso della storia, sono stati molti gli artisti e gli scienziati ad aver dichiarato di aver raggiunto i maggiori livelli di creatività nei momenti meno felici delle loro vite.

La neuroscienza ha cercato di fare un po’ di chiarezza sulle connessioni cerebrali che aprono le porte della creatività. Uno studio condotto dal dottor Roger Beaty permette di sostenere che le persone con i maggiori livelli creativi presentano una connessione più forte tra due aree del cervello che, di solito, non vanno molto d’accordo.

colori

Da questa ricerca deduciamo, inoltre, che le persone che presentano un impegno affettivo più profondo, vale a dire quelle aperte ad andare a fondo nelle loro emozioni, sono più aperte all’ispirazione. Quest’ultima è uno degli indici più affidabili della creatività rispetto al livello intellettuale.

Altri studi hanno scoperto che quando gli individui si trovano in un ambiente inusuale, in cui provano emozioni contrastanti, la loro creatività aumenta. Questo accade perché il cervello è obbligato a realizzare associazioni che in situazioni normali non farebbe.

Per quanto riguarda le emozioni, è stato anche dimostrato che gli stati emotivi positivi possono stimolare la creatività, perché permettono di produrre più idee. Queste, però, non sono necessariamente più originali. Nel caso delle emozioni negative, come la tristezza, la rabbia, la malinconia o la delusione, invece, le persone riescono a produrre più idee quando il lavoro creativo è considerato interessante. In questo modo, un individuo che ha uno stato d’animo negativo, trova nel processo creativo una soluzione per tornare ad uno stato neutro o positivo.

Educazione emotiva e creatività

Sir Ken Robinson è un educatore, scrittore ed esperto in tematiche relazionate alla creatività. È stato nominato “Sir” dalla Regina d’Inghilterra come riconoscimento per aver inserito per la prima volta i corsi d’arte nel curriculum scolastico.

Il suo intervento ad una conferenza TED, in cui sosteneva che l’approccio educativo tradizionale della scuola uccide le emozioni e la creatività dei bambini, è stato il più visto della storia.

La ricerca di Sir Ken Robinson dimostra come il 90% dei bambini in età prescolastica presenta un alto livello di pensiero creativo. Nel corso degli anni scolastici, però, tra i bambini di appena 12 anni soltanto il 20% riesce a mantenere tali livelli di pensiero divergente.

Tuttavia, la creatività è, ancora una volta, una qualità molto richiesta nella società del XXI secolo. E molti studi hanno dimostrato che le caratteristiche emotive dell’individuo hanno una ricaduta specifica sulle sue capacità creative e artistiche.

Sono molti i processi psicologici che influiscono sulla manifestazione di queste abilità. Tra esse, la tendenza a mantenere stati d’animo positivi. Questi hanno una stretta relazione con la produzione di dopamina, il che facilita lo sviluppo flessibile dell’attenzione e la capacità di sviluppare un maggior numero di prospettive cognitive.

scrittura-creativa

Anche gli stati emotivi negativi, dunque, influiscono sulla creatività, ma in modo diverso. Durante la fase di dolore e di tristezza, l’impulso creativo di solito è relazionato con un tipo di lavoro più specifico di produzione creativa, come la musica o la scrittura.

Nonostante le emozioni siano relazionate con la creatività, il loro rapporto dipende molto dal tipo di lavoro creativo che dobbiamo svolgere. Alcuni ricercatori sostengono che gli stati d’animo positivi influiscono sulle fasi di percezione e sulla fase finale del processo creativo artistico, mentre le emozioni negative influirebbero sulle prime fasi di preparazione, incubazione e ideazione.

Guarda anche