Genitore narcisista e sviluppo del bambino

Un genitore narcisista fa credere ai figli che i loro bisogni, pensieri o emozioni non sono importanti. Ogni aspetto ruota intorno a quella figura di potere che assorbe tutto come un buco nero.
Genitore narcisista e sviluppo del bambino

Scritto da Valeria Sabater

Ultimo aggiornamento: 05 dicembre, 2021

Una cosa su tutte si impara da un genitore narcisista: non tutte le persone sono adatte a mettere su famiglia. Chi avrebbe dovuto dare tutto per noi, chi avrebbe dovuto amarci, rispettarci e darci sicurezza ha sempre avuto la priorità. Ciò lascia un segno profondo nel tessuto emotivo del bambino.

Si provoca un trauma che deve essere sanato in età adulta. Molte persone soffrono di depressione, disturbi del comportamento alimentare e immagine di sé come conseguenza di questa realtà. Crescere con un genitore narcisista significa pensare di non meritare ciò di cui si sente il bisogno.

L’abbandono emotivo subito durante l’infanzia è altamente dannoso. Si tratta di una dimensione che va chiarita come meccanismo per superare la ferita causata da queste complesse esperienze.

Senso di vuoto, colpa, insicurezza costante… Crescere in una famiglia dove c’è uno o più narcisisti lascia sempre delle conseguenze. E questo altera la nostra personalità e il nostro modo di relazionarci.

Bambino che pensa alle cose che impari da un genitore narcisista.

Cosa si impara da un genitore narcisista

La Mount Sinai School of Medicine di New York nel 2003 ha condotto uno studio che indica che l’abuso e l’abbandono emotivo durante l’infanzia hanno un impatto clinico nell’età adulta. Molte persone si rivolgono allo psicologo raccontando storie sconcertanti.

Raccontano di essere stati costantemente criticati, umiliati e ridicolizzati da uno dei genitori. Nella maggior parte dei casi, la persona non sa che il genitore aveva un disturbo narcisistico di personalità.

Risulta evidente il trauma di un modello educativo in cui sono stati trattati come un mero accessorio della famiglia e non come persone con bisogni e diritti.

Si ricorre spesso a diversi approcci per aiutare le vittime di abusi narcisistici infantili. In generale, questo abuso è correlato a diverse psicopatologie: ansia, dipendenza, disturbi alimentari, comportamenti autolesionisti, ecc.

La terapia si rivela spesso efficace e consente di acquisire consapevolezza su diversi aspetti. Ne parliamo nelle righe che seguono.

1. L’amore non è dominio: il genitore narcisista annulla e sottovaluta per controllare

Il genitore narcisista agisce come leader di una setta: cerca di scavalcare gli altri per controllarli. Ciò comporta un’attività di continua sottovalutazione nei confronti altrui, compresi i bambini. I sentimenti e i bisogni dell’altra persona non sono importanti: conta solo ciò che il genitore vuole.

La persona che vive questa esperienza di vita impara che l’amore incondizionato non si basa sul dominio. Invece, il narcisista ha bisogno che le vittime esercitino il controllo e quindi raggiungano la superiorità. Inoltre, se c’è qualcosa che ama, è la sensazione di poter sminuire e avere il proprio sotto controllo.

2. Lo scopo della vita non è più soddisfare un narcisista

Quando si è finalmente liberi dal dominio del genitore narcisista, si capisce di essere liberi. Diventa possibile decisioni e condurre l’esistenza che si reputa migliore in ogni momento.

Capire questo aspetto è vitale per qualsiasi vittima di abuso narcisistico, specialmente per tutti coloro che sono cresciuti con una persona con un tale profilo.

Crescere in un ambiente dominato da un genitore narcisista significa che l’unico scopo che si ha nella vita è compiacerlo. Ciò implica rinunciare a tutti i sogni, desideri o brame.

La manipolazione dell’io in questi casi è assoluta, al punto che molte persone non sanno nemmeno cosa si aspettano dalla vita o quali obiettivi hanno.

3. Liberi di interagire con chi si desidera al di fuori della sfera familiare

I genitori narcisisti sono molto possessivi nei confronti dei loro figli. Non solo li annullano psicologicamente, ma tendono anche a isolarli. Tanto che è normale che controllino le loro attività, il tempo che trascorrono fuori casa e preferiscono che non abbiano amici o partner.

La terapia aiuta a capire che si ha il pieno diritto di costruire i legami desiderati. Si è liberi di lasciare l’orbita disfunzionale che quella figura ha costruito per sé; persone complete pronte a spezzare il cordone ombelicale e costruire il proprio mondo.

I narcisisti non possono percepire i propri figli come individui unici separati da se stessi. Il dominio è assoluto.

4. Non si è responsabile della felicità o infelicità del genitore narcisista

Non siamo a questo mondo per soddisfare i desideri del genitore narcisista. Il nostro compito non è essere una sua proiezione, ancor meno di cercare la sua felicità.

Se il genitore esprime delusione per il nostro comportamento o esprime dolore perché siamo autonomi nelle nostre decisioni, non diamogli ascolto. Non è nostra responsabilità.

Abbiamo il pieno diritto di plasmare i nostri progetti indipendentemente da ciò che vuole o sente. Non alimentiamo il loro appetito narcisistico né prestiamo attenzione ai loro drammi.

Donna triste.

5. Abbiamo il diritto di prendere le distanze da chi ferisce

Abbiamo il pieno diritto di decidere quanto tempo vogliamo investire nel genitore narcisista. Ci sarà chi riterrà sufficiente una visita mensile. Altri potrebbero preferire interrompere completamente il legame. Ognuno ha il pieno diritto di decidere la relazione che vuole o meno avere con la figura in questione.

Conclusioni

L’aspetto più importante è cercare e creare connessioni sane, legami che ci arricchiscano emotivamente e non ci lascino ferite mentali. Le vere famiglie sono forgiate dall’amore e lì la genetica non conta.

Potrebbe interessarti ...
Gli effetti della ipergenitorialità nel bambino
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Gli effetti della ipergenitorialità nel bambino

Gli effetti della ipergenitorialità si riflettono nel concetto di sé del bambino e nella capacità di stabilire relazioni sane con altri.



  • Bennett, S. (2006). Attachment theory and research applied to the conceptualization and treatment of pathological
    narcissism. Clinical Social Work Journal, 34(1), 45–60.
  • Bierer, L. M., Yehuda, R., Schmeidler, J., Mitropoulou, V., New, A. S., Silverman, J. M., & Siever, L. J. (2003).
    Abuse and neglect in childhood: Relationship to personality disorder diagnoses. CNS Spectrum, 8, 737–754.
  • Donaldson-Pressman, Stephanie (1997) The Narcissistic Family: Diagnosis and Treatment.  Jossey-Bass Inc.,U.S
  • Herrera Santí, Patricia María. “La familia funcional y disfuncional, un indicador de salud.” Revista cubana de medicina general integral 13.6 (1997): 591-595.
  • Minullina, A.. (2018). Psychological Trauma Of Children Of Dysfunctional Families. 65-74. 10.15405/epsbs.2018.09.8.
  • Kacel, E. L., Ennis, N., & Pereira, D. B. (2017). Narcissistic Personality Disorder in Clinical Health Psychology Practice: Case Studies of Comorbid Psychological Distress and Life-Limiting Illness. Behavioral medicine (Washington, D.C.)43(3), 156–164. https://doi.org/10.1080/08964289.2017.1301875