Genitori single: 4 utili consigli

Il genitore single si ritrova a dover affrontare la sfida di prendersi cura di sé e dei figli senza il sostegno del partner. Tuttavia, i consigli che seguiranno potranno aiutarvi a gioire di questo ruolo.
Genitori single: 4 utili consigli

Ultimo aggiornamento: 08 settembre, 2021

Crescere un figlio da soli può essere sfiancante a livello fisico ed emotivo. Tuttavia, per molte persone essere genitori single è una realtà quotidiana. Significa prendersi cura dei minori senza un compagno lungo il cammino.

La mancanza di tempo, i troppi doveri, il senso di colpa o di fallimento possono scalfire la salute mentale di questi genitori, di conseguenza possono influire sull’educazione impartita ai figli. Ecco perché vogliamo illustrarvi alcuni utili consigli per genitori single.

Nelle prossime righe faremo riferimento a tutte quelle persone che, per i motivi più disparati, esercitano il proprio ruolo di genitori senza un partner a fianco.

Perché hanno divorziato, perché il coniuge è deceduto, perché sono divenuti genitori a seguito di inseminazione, hanno adottato da soli o qualunque altra situazione, alcune sfide accomunano tutte queste circostanze.

Mamma e figlia.

La gestione delle emozioni per i genitori single e per i loro figli

In base al motivo per cui si è arrivati a crescere i propri figli senza un partner a fianco, le emozioni possono variare, ma bisogna imparare a gestirle.

A seguito di una separazione o di una morte, attraversare un periodo di lutto è fondamentale, non solo per elaborare il dolore associato alla perdita bensì per accettare che il piano di vita che avevamo disegnato non si compirà.

In di adozione o inseminazione, possono fare la loro comparsa i sensi di colpa derivanti da non essere riusciti a offrire ai propri figli una tradizionale famiglia bigenitoriale.

D’altra parte, per i minori può anche essere difficile accettare che solo uno dei genitori farà parte della propria vita quotidiana. Ecco perché è importante dare libero sfogo alla tristezza, alla rabbia, alla frustrazione e alla confusione di adulti e bambini.

Comunicare in maniera aperta e libera è fondamentale; anche la scrittura può essere un ottimo strumento per dare spazio alle emozioni, ma, se necessario, ricordate che chiedere l’aiuto di un professionista è una valida opzione.

Alla ricerca della propria tribù

Il genitore single deve farsi carico dell’educazione dei figli, delle faccende domestiche e del lavoro. In questo caso, la mancanza di tempo e la scarsa flessibilità oraria possono interferire con il benessere proprio e dei figli.

Dunque, provate a circondarvi di una comunità che possa offrirvi sostegno da diversi punti di vista, in modo che possiate affrontare lo stress e le sue conseguenze.

Se potete, andate a vivere vicino alla vostra famiglia; sarà un punto di riferimento nella vita dei vostri figli e, oltretutto, potrà darvi tutto l’appoggio di cui avete bisogno. Eppure tutto questo non è abbastanza. Entrare in contatto con diverse figure professionali di fiducia (pediatra, ostetrica, bambinaia..) può essere davvero utile e offrire tranquillità.

Al tempo stesso, fare parte di gruppi di sostegno per genitori può essere un ottimo modo per risolvere dubbi e condividere esperienze e preoccupazioni con altri adulti nella vostra stessa situazione.

Tempo per voi stessi e cura di sé

Sebbene il tempo a disposizione sia poco, è fondamentale non trascurare la cura personale. Potreste essere tentati dal fatto di prendervi cura esclusivamente dei bambini e di fare il vostro dovere.

Tuttavia, la salute psicologica ed emotiva può essere compromessa dall’assenza di spazio per il divertimento, per l’ozio e per le buone abitudini.

Inoltre, è importante curare la propria alimentazione, trovare il tempo per fare attività fisica, per socializzare, per seguire le proprie passioni o semplicemente per stare soli.

Tutto questo è tutt’altro che un atto di egoismo: ricordate che i vostri figli hanno bisogno di un padre o di una madre felice e riposato/a. Solo in questo modo potrete dare loro le attenzioni, l’esempio e la pazienza di cui hanno bisogno.

Valorizzate la vostra famiglia

Può darsi che l’idea che avevate anni fa su ciò sareste stati in futuro sia lontanissima dalla realtà che vivete. Magari avreste preferito che le cose fossero andate diversamente.

Può darsi anche che abbiate la sensazione che gli altri vi giudichino o che vi sentiate rifiutati da loro. Eppure, il vostro stile di vita vale tanto quanto quello degli altri e così la vostra famiglia.

Invece di concentrarvi su quello che è andato storto, sulle carenze e sull’autocompassione, provate a sviluppare un atteggiamento positivo. Abituatevi a valorizzare e a cogliere i benefici, le qualità e le opportunità intorno a voi. Siate grati per la vostra vita così come è.

Così facendo vedrete che i vostri figli adotteranno un atteggiamento simile al vostro e si sentiranno forti, soddisfatti e orgogliosi della famiglia di cui fanno parte.

I genitori single.

I genitori single possono crescere figli sani e felici

Alcuni studi indicano che i figli di genitori single tendono a godere di minore autostima e maggiore insoddisfazione a causa della propria situazione. Eppure, sappiamo anche che l’assenza di uno dei genitori non si traduce necessariamente in un simile scenario.

L’assenza di un altro adulto che in qualche modo doni equilibrio e sostegno in determinate circostanze può spingere a essere più permissivi oppure, al contrario, eccessivamente autoritari.

Se è il vostro caso, dovrete lavorarci su. Prendetevi cura di voi stessi, delegate, cercate aiuto e una guida, se necessario. Siate orgogliosi della vostra famiglia: i vostri figli cresceranno sani e felici.

Potrebbe interessarti ...
Famiglie monogenitoriali: forze e debolezze
La Mente è MeravigliosaLeggi in La Mente è Meravigliosa
Famiglie monogenitoriali: forze e debolezze

Al giorno d'oggi esiste un'ampia varietà di famiglie che poco hanno a che fare con il concetto di tradizione. Tra queste, le famiglie monogenitoria...



  • Landero Hernández, R. y González Ramírez, M. T. (2011). Apoyo social, estrés y autoestima
    en mujeres de familias monoparentales y biparentales. Summa Psicológica, 8, 29-36.
  • Montoya, B., & Landero, R. (2008). Satisfacción con la vida y autoestima en jóvenes de familias monoparentales y biparentales. Psicología y Salud, 18(1), 117-122.
  • Puello, M., Silva, M., & Silva, A. (2014). Límites, reglas, comunicación en familia monoparental con hijos adolescentes. Diversitas10(2), 225-246.