Il mito di Poseidone, dio degli oceani

Il mito di Poseidone parla del dio degli oceani, una divinità fondamentale per tutti i popoli del Mediterraneo, che fu colui che detronizzò Cronos e creò il famoso Olimpo.
Il mito di Poseidone, dio degli oceani
Sergio De Dios González

Revisionato e approvato da lo psicologo Sergio De Dios González.

Scritto da Edith Sánchez

Ultimo aggiornamento: 15 dicembre, 2022

Il mito di Poseidone è uno dei più importanti dell’antichità. Va ricordato che gli dei dell’Olimpo sconfissero i Titani, comandati da Crono, divinità suprema di quell’epoca. Dopo il trionfo, le nuove divinità condivisero ciò che esisteva e Zeus rimase con il cielo, mentre gli inferi furono riservati ad Ade e Poseidone ebbe le acque.

I Greci pensavano che la terra fosse un elemento che galleggiava su “acque primordiali”. Per lo stesso motivo, anche il mito di Poseidone indica che questo dio governava i movimenti tellurici. Era anche associato ad alcuni disturbi mentali e ad alcuni animali, come cavalli e tori.

Il dio degli oceani ha un ruolo tra i principali in vari episodi della mitologia greca . Era presente quando fu fondata Atene ed ebbe anche un ruolo di primo piano nella famosa guerra di Troia.

Il mito di Poseidone racconta che fu proprio questa divinità a far sì che Ulisse impiegasse molti anni per tornare nella sua terra per incontrare la sua amata Penelope.

Ma più meravigliosa della saggezza degli antichi e della saggezza dei libri è la saggezza segreta dell’oceano.”

-Howard Phillips Lovecraft-

Grecia

Il mito di Poseidone: l’origine

Va ricordato che nella mitologia greca era Cronos a regnare, prima che apparissero gli dei dell’Olimpo. Un oracolo assicurò a questo dio che uno dei suoi figli lo avrebbe detronizzato; per questo motivo, ogni volta che aveva un rampollo, lo stesso Crono lo ingoiava. Tuttavia, il futuro dio degli oceani fu salvato da quel destino con uno stratagemma di sua madre, Rea.

Il mito di Poseidone racconta che Rea finse di aver partorito un puledro e Crono lo inghiottì. Nel frattempo, però, aveva nascosto suo figlio in un gregge di pecore. Arne, figlia di Eolo, il dio dei venti, era la sua balia. Poi Poseidone fu allevato dai Telkines, che erano nove fratelli con la testa di cane e la parte inferiore del corpo a forma di pesce.

I Telquines conoscevano l’arte del fabbro e della metallurgia. Ecco perché avevano realizzato per Poseidone uno strumento che sarebbe poi diventato un simbolo di quella divinità: il tridente. In seguito, insieme al fratello Zeus, combattè Crono e vinse. Dopo la vittoria ottenne il dominio sugli oceani del mondo.

L’ascesa di Atene

Secondo il mito di Poseidone, Atene stava diventando una città prospera e sia Atena che Poseidone volevano esserne i governanti. Il conflitto doveva finalmente essere risolto da Cécrope, re degli Ateniesi. Per influenzare la sua decisione, i due dei gli fecero un dono.

Poseidone colpì la terra con il suo tridente e così nacque una sorgente d’acqua che donò alla città. Tuttavia, questo dio governava solo sui mari, quindi l’acqua che sgorgava era salata, il che era di scarsa utilità per i cittadini.

Atena, dal canto suo, insegnò al re i segreti della coltivazione dell’olivo. Ciò impressionò Cécrops, che la nominò subito protettrice della città.

Poseidone si arrabbiò e inondò parte della regione con le sue acque salate. Successivamente rivendicò la vita del successore del re che aveva concesso ad Atena il patrocinio di Atene. Eppure i Greci lo adorarono sempre, poiché quel popolo di navigatori non poteva fare a meno della protezione di quel dio durante i loro viaggi.

Poseidone

La grande progenie di Poseidone

Come altri dei dell’Olimpo, Poseidone non era un modello di fedeltà, anzi. Formalmente sua moglie era la ninfa Anfitrite, dea del mare calmo.

Come regalo di nozze, il dio degli oceani le regalò una corona di perle e conchiglie. Lei, infatti, non voleva sposarlo, ma accettò dopo che uno dei suoi messaggeri la pregò.

Dopo l’unione, Poseidone non smise di avere molti amori, con dee, ninfe e mortali. Per lo stesso motivo, ha avuto una prole enorme. Una donna di nome Tiro era una delle sue amanti. Questa era sposata, ma era innamorata del dio del fiume. Poseidone lo impersonò e si unì a lei, dando vita a due figli che sarebbero diventati eroi: Pelia e Neleo.

Ha violentato una fanciulla di nome Ceneo, che dopo il fatto gli ha chiesto di trasformarla in un uomo e il dio ha acconsentito. Ha avuto anche relazioni con sua nipote e con sua nonna.

Spesso si trasformava in un animale per possedere le donne che desiderava e questo gli faceva avere figli senza sembianze umane, come Arione, un cavallo che aveva il dono della parola, e il famoso vello d’oro.

Potrebbe interessarti ...
Il mito di Artemide, dea della natura
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Il mito di Artemide, dea della natura

Il mito di Artemide è uno dei più antichi della mitologia Greca. Stiamo parlando di una delle divinità più spesso venerate nel mondo antico.



  • Hamp, E. P. (1970). Postscript on Demeter and Poseidon. Minos: Revista de filología egea, (10), 93-95.
  • Abascal, J. M., & Alföldy, G. (1998). Zeus Theos Megistos en Segobriga. Archivo español de arqueología71(177-178), 157-168.
  • Lang, M. L. (2021). Reverberation and Mythology in the Iliad. In Approaches to Homer (pp. 140-164). University of Texas Press.

I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.