La paura di toccare la ferita

La paura di riconoscere la mancanza, il danno e le vulnerabilità può tenerci bloccati nel dolore e nell'insoddisfazione. Cosa possiamo fare per uscire da questo stato?
La paura di toccare la ferita

Ultimo aggiornamento: 28 giugno, 2022

Conoscete persone che evitano di andare dal medico, di sottoporsi a esami o controlli di routine per paura di “scoprire qualcosa”? Non siete andati dal dentista o dal dermatologo per paura di dover subire un intervento doloroso? Ebbene, quando si parla di salute mentale, spesso agiamo allo stesso modo: facciamo orecchie da mercante ai bisogni del nostro essere e ci convinciamo che non c’è niente che non va in noi perché la paura di toccare la ferita è troppo grande.

È importante ricordare che la terapia non è solo per chi ha gravi disturbi mentali. In realtà, è un’esperienza raccomandabile per tutti. In misura maggiore o minore, tutti noi abbiamo storie, dolori passati ed emozioni irrisolte, ma facciamo tutto il possibile per nasconderli sotto mille tappeti.

Così, è facile continuare con la nostra vita dissimulando o ignorando quelle ferite interiori; tuttavia, non guardandole, non scompariranno.

Donna che pensa.
Anche se a volte cerchiamo di scappare dalle nostre ferite, sono ancora con noi in molti modi.

Costumi in maschera per le nostre ferite

Il rifiuto della terapia può assumere molte forme diverse. “Non ne ho bisogno”, “non c’è niente di sbagliato in me”, “non ha senso, non funziona”, “meglio non pensare al passato“, “già parlo con i miei amici”.. Queste affermazioni vi sono familiari?

È possibile che in alcune persone, e almeno in una certa misura, nascano da una reale convinzione che in un dato momento non sia necessario un aiuto professionale. Tuttavia, in un gran numero di casi sono solo scuse che adoperiamo per non affrontare il dolore, la sua origine e le sue conseguenze.

Non è facile riconoscere difetti o mancanze, accettare di essere stati feriti e sentirsi vulnerabili. Non è auspicabile, in primo luogo, ricordare determinati eventi, porsi domande, immergersi nelle profondità dell’Io e ritenersi responsabili.

Spesso, però, più resistiamo, più abbiamo bisogno di fare questo lavoro di introspezione. Se temiamo di fare i conti con il passato, significa che non l’abbiamo ancora superato.

Se la paura di toccare la ferita è troppo grande, vuol dire che è ancora aperta o non è guarita adeguatamente. È normale avere paura di provare certe emozioni, ma farlo è l’unico modo per poter andare avanti.

Iniziare a guarire

Gli esseri umani hanno una grande capacità di adattamento, è vero. Possiamo affrontare eventi stressanti, negativi e dolorosi ed essere in grado di rialzarci e andare avanti.

Tuttavia, è anche vero che la nostra flessibilità di solito raggiunge un punto. Spesso ci limitiamo e resistiamo a malapena alla tempesta e andiamo avanti, cercando di non ricordare.

Contrariamente a quanto si pensa, gli infortuni non sono causati solo da eventi straordinari. Basta un atteggiamento paterno durante l’infanzia, il rifiuto di alcuni coetanei o il tradimento di un amico; un licenziamento che ci ha fatto sentire inutili, una rottura che ci ha fatto sentire dei falliti, un litigio, etc.

Anche se facciamo finta che vada tutto bene, ecco alcuni segnali che potrebbero indicare che bisogna guardare quanto ignorato:

  • Una brutta relazione con un membro della famigli. Avremmo voluto che fosse diverso e potremmo anche averci provato, ma la realtà è diversa. Ciò non implica che bisogna riprendere o risolvere detta relazione, ma probabilmente vanno gestite una serie di emozioni associate.
  • Le emozioni spesso ci sequestrano. Attacchi di ira di cui poi ci si pente e che compromettono il rapporto con i figli, con il partner o con gli amici. Avere la tendenza a essere tristi e sconfortati, ansiosi o irritati, senza sapere bene il perché.
  • Difficoltà a stabilire dei limiti ed essere una persona disponibile, sempre pronta ad aiutare gli altri. Al contrario, in più occasioni essere stati accusati di egoismo, anche se non si percepisce allo stesso modo.
  • Dipendere dalle persone care; le loro azioni, parole e atteggiamenti condizionano il proprio umore e la propria felicità. O, al contrario, essere eccessivamente indipendente e fare fatica ad abbassare la guardia e lasciarsi coinvolgere emotivamente.
  • Ripetere certi schemi in alcune aree della vita. Forse tutti gli ex partner sono molto simili tra loro, forse non si è capaci di mantenere un lavoro nel tempo o ci si sente sempre vittima delle circostanze e della sfortuna.
  • Evitare di parlare di alcune persone ed eventi del passato. Aree vietate in cui non si entra perché portano ancora un carico emotivo difficile da tollerare.
Donna triste con bassa autostima.
Ignorare alcuni eventi e situazioni del passato è un segno che indica la presenza di una ferita.

Superare la paura di toccare la ferita

Queste sono solo alcune indicazioni che non tutto va bene come si pensa. Se vi sentite identificati con gli scenari descritti, ricordate che queste realtà non sono frutto del caso né sono parte della personalità.

Sono il risultato della storia personale, delle esperienze vissute e della mancata guarigione. La paura di toccare la ferita è lecita, poiché (inutile mentire) può essere dolorosa.

Ne consegue, di fatto, che parte di ciò che pensavamo di sapere di noi verrà distrutto e dovremo aprirci a ciò che non volevamo riconoscere. Cambierà il modo in cui vediamo chi ci circonda, l’idealizzazione e il senso di colpa finiranno.

Ora saremo responsabili della nostra felicità. Tuttavia, quando la ferita sarà guarita, potremo vedere chiaramente la sua grandezza e la sua influenza sulla tua vita. Pertanto, abbiate il coraggio di affrontarla e avviate il cambiamento.

Potrebbe interessarti ...
Ferite emotive dell’infanzia e scelta del partner
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Ferite emotive dell’infanzia e scelta del partner

Tutti sperimentiamo la realtà attraverso una o più ferite emotive dell'infanzia. Vediamo come influiscono la nostra vita.