La scuola strutturale di Minuchin

Minuchin, con la sua terapia strutturale, sottolinea il bisogno di rompere l'equilibrio di alcuni sistemi, in modo che questi stessi nuclei adottino misure volte a una maggiore stabilità. In questo articolo, approfondiamo la terapia basata su tale idea.
La scuola strutturale di Minuchin

Ultimo aggiornamento: 13 marzo, 2021

La scuola strutturale di Minuchin si inserisce nel blocco sistemico. Storicamente, i modelli di questa corrente si applicavano alla terapia familiare, ma oggi il loro campo di applicazione si è ampliato.

Va sottolineato, in primo luogo, che il modello sistemico concepisce la famiglia come un sistema in cui il comportamento di un membro non può essere compreso isolatamente, indipendentemente da ciò che fanno gli altri.

In generale, si può dire che tiene conto di tre aspetti della dinamica familiare: la struttura della famiglia, determinata dai limiti, gerarchie e grado di identità dei membri; le regole o il modo in cui la famiglia mantiene l’equilibrio delle sue interazioni e informazioni o come i membri comunicano tra loro.

Negli anni ’70, Salvador Minuchin fondò la scuola strutturale basata, sulla sua pratica clinica nell’approccio ai problemi di salute mentale delle popolazioni emarginate. La svolta principale avviata da Minuchin fu di includere come variabili importanti il contesto e la responsabilità di ciascuno dei membri della famiglia. Sottolinea che, a volte, il sintomo sofferto dalla famiglia è la conseguenza delle azioni di uno dei membri della famiglia stessa, volta a mantenere la stabilità familiare – l’omeostasi.

Comprende che, a volte, queste misure costituiscono proprio l’origine del problema e sostiene che potrebbe essere necessario sbilanciare il sistema stesso affinché il sintomo si risolva. Questo modo di fare terapia, sebbene paradossale, porta la famiglia ad apprendere soluzioni alternative e ad iniziare a valutare altre risorse e percorsi.

Mano tiene figure forma famiglia.

Lo scopo della scuola strutturale di Minuchin

Secondo la scuola strutturale, i sintomi presentati dalla famiglia compaiono quando c’è un ritardo o un arresto nel ciclo vitale familiare. In altre parole, il sistema si blocca e non avanza in conseguenza di diversi modelli transazionali che si sono ripetuti nel tempo e non sono funzionali.

Gli schemi reiterati stabiliscono regole su come, quando e con chi relazionarsi, e questi schemi vengono rimarcati dalla famiglia.

In questo senso, i processi del sistema familiare si riflettono sulla struttura della famiglia stessa. Le strutture sono costituite da gerarchie, da confini tra sottosistemi e confini esterni, nonché dalle regole che governano il potere e la comunicazione. Inoltre, esistono anche le alleanze – unioni tra individui – e coalizioni – alleanze tra membri contro terzi.

Se cambiamo le regole sui limiti e le gerarchie, è probabile che cambieranno anche i modelli di interazione – gli schemi – che in quel momento fanno perdurare il sintomo. Pertanto, l’obiettivo terapeutico è cambiare quell’organizzazione familiare, quei limiti che si sono creati tra sottosistemi e gerarchie, e adattare gli schemi transazionali ai bisogni della famiglia.

Minuchin vuole sfidare la struttura disfunzionale creata dalla famiglia, per generare uno squilibrio e iniziare a sviluppare nuovi modelli di interazione e, quindi, nuove soluzioni.

Le fasi della terapia di Minuchin

Minuchin stabilisce diversi momenti nella terapia familiare. All’inizio si farà una diagnosi, ma, a differenza di altri approcci, la diagnosi riguarda la struttura del sistema. Come abbiamo commentato in precedenza, dal punto di vista della scuola strutturale si presume che ogni membro della famiglia abbia la sua parte di responsabilità, perché partecipa all’interazione e al mantenimento del sintomo.

Dopo la diagnosi, si identifica una prima fase in cui il terapeuta entra nel sistema. Una volta all’interno del sistema, il terapeuta esegue tre tecniche: tracciamento -la raccolta di informazioni, mantenimento, ovvero il rispetto delle regole del sistema senza nemmeno introdurre alcun tipo di cambiamento, e mimetismo, per esaltare elementi di somiglianza tra terapeuta e famiglia-.

Già nella seconda fase, e una volta che il terapeuta è all’interno del sistema familiare, si implementa un’altra serie di tecniche. Nella tecnica della sfida, la famiglia interpreta il ruolo di un modello di comunicazione disfunzionale. Il terapeuta chiede alla famiglia di recitare una scena familiare e raccoglie informazioni non solo su ciò che accade, ma anche su come accade.

Dopo questa messa in scena, il terapeuta esegue la messa a fuoco o il targeting. Questa tecnica, fondamentalmente, cerca di focalizzare l’attenzione su un punto specifico della messa in scena per evidenziarne alcuni aspetti importanti: “Sembra che ciò che avete rappresentato sia un motivo diverso da quello sollevato all’inizio della terapia…”

Inoltre, in questa fase, il terapeuta utilizza la tecnica dell’intensificazione: ripete alla famiglia un messaggio che ritiene necessario, tante volte quanto necessario fino a quando il sistema lo interiorizza.

Terapia familiare.

Dall’altro lato, ci sarebbero anche tecniche di ristrutturazione, il cui obiettivo è cambiare il sistema. Per ottenere questo cambiamento, si mettono in atto una serie di strategie. La ridefinizione positiva del sintomo consiste in una rilettura relazionale alternativa per mettere in discussione le definizioni di famiglia.

Allo stesso tempo, il terapeuta prescriverà compiti con l’obiettivo di modificare alcuni aspetti del sistema. La famiglia viene spesso incaricata di far svolgere ad alcuni membri un compito insieme, per promuovere nuove alleanze.

Avviene lo squilibrio

Questa è la parte più importante della terapia e quella che implica il cambiamento. Il terapeuta si allea temporaneamente con alcuni membri per sbilanciare il sistema e causare crisi.

Un esempio di questo squilibrio potrebbe essere: “Elisa, sei molto intelligente, protettiva, amorevole e cerchi sempre di mantenere l’unità familiare. Non pensi che sia ora di smettere di vivere la vita dei suoi figli e inizi a vivere la tua…”

La scuola strutturale è un approccio molto utile, pensato specificamente per comprendere l’intero sistema familiare. Uno dei punti più interessanti è l’accettazione della responsabilità di ogni membro nella protrazione del problema.

È una terapia direttiva, che cerca di mobilitare il sistema per generare un cambiamento. A tale scopo, chiarisce che il raggiungimento o meno degli obiettivi prefissati dipenderà in larga misura dal coinvolgimento della famiglia nella terapia.