Leadership resiliente: ecco come allenarsi

In questi tempi difficili, ci vuole una mente resiliente. Se volete essere leader forti e sicuri per affrontare le sfide, vi sarà utile lavorare su una serie di abilità di cui stiamo per parlarvi. Pronti al cambiamento?
Leadership resiliente: ecco come allenarsi
Valeria Sabater

Scritto e verificato da la psicologa Valeria Sabater.

Ultimo aggiornamento: 03 gennaio, 2023

La natura è spesso il miglior riflesso di ciò che simboleggia la resilienza. Basta vedere come gli alberi si alzano e crescono su alcune rupi che, pur rasentando il vuoto e le intemperie, reggono maestose. È anche comune vedere come, tra le fessure delle rocce, crescano fiori delicati di straordinaria bellezza. Non importa quanto sia ostile un contesto. La vita quasi sempre prospera e si fa strada. Oggi scopriamo come allenarsi a una leadership resiliente.

Le persone possono anche acquisire proprietà legate alla resistenza ad avanzare in contesti di difficoltà. Perché la vita lavorativa moderna ci pone spesso di fronte a sfide, cambiamenti e sfide per le quali non sempre siamo preparati.

La nostra realtà attuale è definita sempre più dall’incertezza e da quel nuovo concetto chiamato “permacrisi”, cioè l’accumulo di fenomeni avversi costanti. Il saggista Nassin Taleb chiama cigni neri quegli eventi che spesso consideriamo improbabili e che, alla fine, accadono lasciandoci incapaci di reagire.

Di fronte a questo tipo di precipizi esistenziali, la soluzione migliore è essere preparati. Perché ci saranno sempre fattori che sfuggono al nostro controllo e, di fronte a loro, l’opzione migliore è sviluppare nuove abilità.

Se vogliamo prosperare nei nostri lavori, progetti, relazioni e in qualsiasi area della vita, dobbiamo modellare un approccio mentale resiliente.

Il lavoro di squadra dà il cinque felice per aver applicato una leadership resiliente
Tutti noi sperimentiamo stress e ansia nel nostro lavoro, ma possiamo imparare gli strumenti per gestirli.

Allenarsi auna leadership resiliente in 5 punti

Abbiamo un esempio di leadership resiliente nella figura di Nelson Mandela. Come ben sappiamo, ha trascorso 27 anni in prigione a Robben Island per essere stato un giovane che combatteva contro l’ingiustizia e la violenza del suo governo. Quando è stato rilasciato all’età di 71 anni, ha sostenuto la pace e la riconciliazione. Durante la sua reclusione, c’era una poesia di William Ernest Henley che lo ispirò.

Fu lui a dire: “Sono il padrone del mio destino / sono il capitano della mia anima”. Questo ci insegna che prima di guidare gli altri, le persone devono imparare a guidare noi stessi. Questa è la chiave del successo e la tua spina dorsale; ciò che ci sostiene e ci spinge in avanti è la resilienza.

In questo modo, la ricerca dell’Università di Yale e della Florida evidenzia come una leadership resiliente possa contribuire alla creazione di organizzazioni più preparate ad affrontare le sfide. Perché questa è una pratica, un atteggiamento e un accordo che non rimane in una sola figura.

Nel momento in cui tutti gli agenti in un ambiente acquisiscono questo approccio, le dinamiche cambiano e l’avanzamento, il progresso e la forza per adattarsi a ciò che potrebbe accadere. Vediamo ora quali chiavi ci forniscono i fondamenti di questa mentalità.

Uno dei pilastri della resilienza è un’elevata capacità di formare legami con gli altri. È così che troviamo la nostra forza.

1. Controllo, accettazione, impegno

Le tre componenti della resilienza sono il controllo, l’accettazione e l’impegno. Queste tre parole sono le tre idee che dobbiamo integrare nel nostro registro mentale per affrontare qualsiasi problema, grande o piccolo, che si presenta nella nostra quotidianità:

  • Dobbiamo concentrarci su quelle aree che sono sotto il nostro controllo e che possiamo utilizzare per modificare o sfruttare per trarre vantaggio da una situazione.
  • L’accettazione ci permette di smettere di combattere e di scappare da ciò che è inevitabile. Solo quando presumiamo che ci sia qualcosa che è al di là di noi e che rompe il nostro equilibrio, saremo preparati ad affrontarlo.
  • L’impegno fa appello alla nostra responsabilità di fronte a questa situazione inaspettata. Il leader resiliente non elude le difficoltà né perde tempo a cercare colpe. Affronta l’evento caotico e cerca strategie per risolverlo.

2. Visione e opportunità per allenarsi a una leadership resiliente

Una leadership resiliente richiede lo sviluppo di una certa dose di mentalità visionaria e persino opportunistica. In questo caso, l’ideale sarebbe lavorare su quelle competenze che ci permettono di essere abbastanza rischiosi e innovativi da sfruttare qualsiasi sfida. Quello con cui trovare la scintilla ideale con cui migliorare il presente di qualsiasi azienda o contesto sociale.

Essere un visionario non richiede di anticipare esattamente cosa accadrà domani. Implica saper analizzare ciò che è accaduto oggi per dedurre quali porte ci si aprono in futuro. È capire che, tra le vene del frammentato, si aprono luci di cui possiamo approfittare per provare nuove strade e possibilità.

3. Intelligenza emotiva, la cassetta degli attrezzi per le avversità

L’Università Sechenov ha evidenziato in uno studio i vantaggi dello sviluppo di programmi di intelligenza emotiva tra i professionisti della sanità pubblica. La formazione a una leadership efficiente implica abilitare la persona non solo in una mentalità resiliente, ma anche nella buona gestione delle emozioni.

Ciò si traduce nella padronanza delle seguenti dimensioni:

  • Comunicazione empatica e assertiva.
  • Autoconsapevolezza emotiva e regolazione emotiva.
  • Abilità motivazionali.
  • Empatia.
  • Approccio mentale basato sulla positività. Nonostante la nostra tendenza a guardare solo alle minacce, è necessario optare per uno sguardo più aperto e fiducioso.
  • Buona gestione dei conflitti.
  • Consapevolezza sociale, saper stabilire legami rispettosi e significativi.

Coltivare una mentalità positiva è un pilastro indiscutibile della resilienza. Solo allora ci dirigeremo verso nuove opportunità senza essere bloccati, senza sentirci prigionieri di continue crisi.

4. Capacità di gestione dello stress

Lo stress è quella nebbia che copre tutto sul campo di battaglia e che non lascia intravedere le minacce. I leader resilienti hanno solide capacità per regolare sia il proprio stress che quello che è impregnato in un ambiente di lavoro. Temperano gli animi e le paure, incoraggiano la speranza e la necessità di dare il meglio di ciascuno.

Sanno che in quei tempi in cui le incertezze sono infinite e l’orizzonte è pieno di cattivi presagi, è importante mantenere la calma. Non bisogna cadere nel fatalismo, ma piuttosto nella preparazione, nell’essere pronti ad affrontare qualunque cosa accada, accettandola prima e affrontandola poi.

figura rossa che simboleggia la leadership resiliente
Il leader resiliente sa come dare energia all’ambiente in modo che agisca.

5. Capacità di stabilire legami basati sulla fiducia

Una caratteristica fondamentale della leadership resiliente è la capacità di costruire legami forti basati sulla fiducia. Del resto le difficoltà, soprattutto in azienda, vanno affrontate collettivamente e, per questo, è necessario costruire una rete di persone unite e impegnate per lo stesso obiettivo.

Poter contare su altre figure significative non solo rafforza la nostra forza, ma ci dà anche coraggio e nuove visioni. Pertanto, qualsiasi leader in grado di creare una solida base di relazioni, supporto e team di lavoro felici affronterà meglio tutte le avversità.

Quando si tratta di allenare quello sguardo interiore più resiliente nel campo della leadership, è bene ricordare la figura di Viktor Frankl. Ricordiamoci, ci saranno momenti in cui non potremo fare nulla di fronte a quegli eventi avversi che, in modo ciclico, si presentano nel nostro presente.

In quei momenti, in cui non possiamo cambiare le circostanze, cambiamo noi stessi sviluppando un approccio più resiliente, più innovativo e pieno di speranza. Questa è la chiave.

Potrebbe interessarti ...
Le principali teorie della leadership
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Le principali teorie della leadership

In questo articolo analizzeremo le principali teorie della leadership, in cui trovare le risposte a queste e ad altre domande.



  • Sistad, Linda. (2020). Emotional Intelligence and Leadership Which impact does emotional intelligence have on leadership?.
  • Southwick, Frederick & Martini, Brenda & Charney, Dennis & Southwick, Steven. (2017). Leadership and Resilience. 10.1007/978-3-319-31036-7_18.

I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.