Mi sono fidanzato con te, non con i suoceri

La famiglia d'origine può essere una grande fonte di discussioni nella coppia. Se ritenete che questo sia un problema per voi, continuate a leggere!
Mi sono fidanzato con te, non con i suoceri

Ultimo aggiornamento: 10 novembre, 2022

Si può scegliere la persona con cui trascorrere il resto della propria vita, ma non le persone che lo accompagnano. I suoceri e gli amici della coppia possono diventare un problema nella relazione al punto da provocare la rottura. Al di là di quello che può sembrarci, questo è un problema ricorrente in molte coppie e che dobbiamo saper gestire e delimitare. Quindi, una frase più che comune che giustifica i cattivi rapporti o la distanza che si crea con i suoceri è “Mi sono fidanzato con te, non con i suoceri”.

Tuttavia, dobbiamo sapere che quando ci impegniamo con qualcuno, ci impegniamo anche per il mondo che lo circonda. Non siamo obbligati ad andare d’accordo con la gente di quel mondo, ma siamo obbligati a cercare di mantenere un rapporto cordiale.

“Tutte le famiglie felici si assomigliano, ma ogni famiglia infelice ha una ragione speciale per essere infelice”.

-Leon Tolstoj-

D’altra parte, se andiamo d’accordo o meno dipende da diversi fattori, perché se c’è qualcosa che tutti sappiamo è che ogni famiglia è un mondo. Una cosa è vivere a centinaia di migliaia di chilometri da suoceri e cognati, un’altra è condividere la stessa casa o essere a due isolati di distanza.

Inoltre, un altro fattore rilevante è determinato anche dal rapporto che abbiamo con la nostra stessa famiglia.

L’Università di Lisbona, ad esempio, ha pubblicato uno studio sul Journal of Family Studies in cui spiegava che in media le donne tendono a stabilire un legame più stretto con la famiglia del marito. Un tale legame può essere una grande fonte di felicità se condiviso e nutrito, ma d’altra parte, la vicinanza aumenta anche la probabilità di attrito.

Sono aspetti curiosi che mostrano ancora una volta quella dualità che a volte soffriamo in questa serie di dinamiche familiari.

Tipi di suoceri che possiamo trovare: mi sono fidanzato con te, non con i tuoi

Stabilire un buon rapporto con la famiglia del proprio partner o, al contrario, sentirsi per nulla in sintonia con essa, dipende in larga misura dal tipo di persone e dalle dinamiche che incontriamo. Ci sono famiglie eccessivamente coese e dipendenti, che passano tutto il tempo insieme e lasciano poco spazio all’intimità di coppia. Ce ne sono altre che cercano costantemente di intromettersi e manipolare e altri che sono un pozzo di negatività e critica.

Tuttavia, la percezione che una persona ha dei suoceri dipende in gran parte dalla propria personalità. Se sono molto indipendente o molto introverso, mi sentirò soffocato e invaso da una famiglia che si incontra e chiama costantemente; tuttavia, se sono estroverso potrei apprezzare queste caratteristiche nei miei suoceri e cognati.

Quindi, a volte la tossicità dei suoceri è innegabile, ma in altri casi è più un’incompatibilità. Comunque sia, quando non si stabiliscono legami cordiali e piacevoli, nella coppia sorgono problemi.

Mi sono fidanzato con te: devo per forza scegliere?

Ogni volta che si parla di famiglia d’origine, è comune visualizzare il tipico attrito tra una donna e sua suocera. Gli stereotipi spesso mascherano altre realtà più profonde e rivelatrici, come il fatto che alcune persone entrano in una relazione con un peso già al seguito: una storia familiare di conflitti o disaccordi. Altri, al contrario, possono mostrarvi un attaccamento eccessivo, che indubbiamente rende difficile mantenere un impegno soddisfacente e maturo.

suocera ficcanaso

La situazione peggiore che possiamo affrontare si verifica quando la coppia o la famiglia fanno pressioni sulla persona affinché scelga tra uno dei due “lati” che si sono formati. Evitiamo di dare un’unica soluzione a questo conflitto, poiché richiede un’analisi approfondita di ogni situazione, ma possiamo dire alcune cose.

Anche dopo questo momento critico le cose possono essere reindirizzate. Non è raro che le persone propongano la scelta di farlo come una prova, come un modo per richiedere più attenzioni o per guadagnare un po’ di spazio davanti all’altra parte. Se ci riescono, ritireranno la loro richiesta senza grandi complicazioni.

D’altra parte, quando c’è una scelta di questo tipo sul tavolo, di solito c’è un lungo percorso di controversie dietro che non sono state reindirizzate in tempo. Come abbiamo detto prima, le situazioni possono essere mille, vediamo di seguito quali sono le più comuni.

Genitori iperprotettivi e controllanti

Barbara Oudekerk, psicologa dell’Università della Virginia a Charlottesville, ha condotto uno studio che ha dimostrato che l’impatto che i genitori controllanti e iperprotettivi possono avere sulle nostre relazioni adulte è immenso.

Tanto che è normale che si finisca per scegliere partner emotivi secondo i gusti della famiglia. O al contrario, vengono a separarsi o a prendere le distanze da certe persone seguendo quei mandati familiari invisibili ma persistenti.

Pertanto, un fatto più che ricorrente è la necessità che questi genitori continuino a mostrare un atteggiamento iperprotettivo, controllante e in alcuni casi anche dittatoriale con i propri figli. Pertanto, è difficile per il partner della persona che ha un genitore così sentirsi a proprio agio.

Immaginate cosa può significare pianificare le vacanze e che uno dei genitori si opponga al piano, lo manifesti apertamente e cerchi di sabotarlo utilizzando strategie psicologiche (es. ricatto emotivo).

D’altra parte, devi considerare che i genitori ficcanaso non hanno molto effetto a meno che i bambini non acconsentano. Normalmente, quando si verificano problemi seri, è quando genitori e figli non sono maturati.

Quindi, uno vuole proteggere e l’altro essere protetto. Diversamente, saranno i bambini a prendere le distanze dai genitori quando si accorgeranno che, seppur con buone intenzioni, stanno interferendo con la loro felicità.

Allo stesso modo, sarebbe falso credere che un cattivo rapporto con i suoceri sia sempre colpa di quei padri e di quelle madri. Ci sono casi in cui la persona che non fa le cose bene è la coppia. Succede quando ci sono figli e non vuoi che passino del tempo con i tuoi suoceri senza un motivo giustificato. O quando ci sono feste speciali e usa strategie psicologiche poco nobili in modo che siano sempre celebrate con la sua famiglia.

È possibile andare d’accordo con i suoceri?

Salvo rare eccezioni, la risposta è sì. Non c’è alcun motivo a priori che ci impedisca di andare d’accordo con i suoceri, ora è vero, come abbiamo detto prima, che ci sono persone che lo rendono più difficile di altri.

Per semplicità, ci schiereremo con una coppia che ha deciso che è ora di fare le presentazioni di famiglia. Incontrare i suoceri può causare tensione perché le persone presumono di trovarsi in un contesto di valutazione.

Questa interpretazione del contesto può scomparire e con essa l’ansia, oppure no. Ci sono ragazzi che hanno già condiviso tavola e tovaglia con i loro “suoceri” molte volte e ancora temono che da un momento all’altro il padre del compagno porti fuori il fucile a spasso. Comprendilo come un piccolo scherzo, ma anche come un ritratto di ciò che a volte accade su scala ridotta.

Se questo sentimento non scompare mai, è molto difficile che ci sia un buon rapporto tra la coppia e i “suoceri” poiché a nessuno piace stare continuamente in un contesto in cui si sente sotto esame.

In questa situazione la maggior parte dei nostri comportamenti sono artificiali, non ci sentiamo noi stessi. In un contesto come questo, una comunicazione onesta e aperta è molto difficile, essenziale per risolvere un conflitto.

Mi sono findanzato con te ma la situazione è tesa

Discussione con i suoceri

Quindi, e in caso di rapporto un po’ teso con i suoceri e con l’occasionale disaccordo, l’ideale sarebbe risolverlo il prima possibile e non lasciare che la situazione diventi cronica. In questi casi succede che le due parti finiscono per accumulare tensioni eccessive e come minimo finiscono sempre per saltare le divergenze ei problemi.

In situazioni come questa, la persona in mezzo ha un ruolo davvero spiacevole. Da entrambe le parti deve sentire cose dalle persone che ama che non gli piacciono e questo lo rende triste. Che la situazione migliori o peggiori dipenderà molto dalle nostre abilità sociali e dalla capacità di gestire le differenze.

Non si tratta di un obbligo, di avere una bella faccia ogni volta che vai a mangiare a casa o di odiarli segretamente, ma di imparare ad accettare che queste persone sono nella vita del tuo partner da molto tempo.

È davvero possibile andare d’accordo con i suoceri?

Per rispondere a questa domanda, forse farebbe bene mettersi nei panni degli altri. Ciò significa domandarsi vorreste che il vostro partner vi facesse scegliere tra la vostra famiglia o lui/lei? Come vorreste che fossero le domeniche in famiglia, le feste di compleanno o le festività natalizie? E se il vostro partner vi dicesse che non sopporta i vostri genitori?

È bene essere obiettivi e presumere che tutti abbiamo pregi e difetti. Non possiamo pretendere che gli altri cambino se non lo facciamo noi per primi. Quindi, se la famiglia del partner non è “ideale”, imparate ad apprezzare le cose positive (abbiamo tutti qualcosa da evidenziare).

Inoltre, se amate davvero il vostro partner, forse dovreste sapere che per prendervi cura di quel legame dovete sapere come affrontare le avversità. Farlo nel migliore dei modi ci aiuterà senza dubbio a crescere nel nostro rapporto e ad andare avanti con maggiore flessibilità.

Mi sono fidanzato con te, ma come posso fare per andare d’accordo con i miei suoceri?

Possiamo accettare la famiglia del nostro partner a tal punto da sembrare che li abbiamo “sposati”? Gli estremi non vanno mai bene. Né che siano presenti anche nella nostra camera da letto né che non li vediamo mai. Al di là dell’affetto che si ha per loro, la coppia deve essere sufficientemente “impermeabile” da non permettere a terzi di interferire nelle decisioni e nella vita della coppia.

Tuttavia, ci sono alcuni suggerimenti utili per andare d’accordo con loro e non tutto è una battaglia campale, una discussione o un silenzio teso così come un brutto pomeriggio o una notte:

Fissare dei confini

Prima di tutto, dovreste impostare determinati limiti. Sapere cosa potete e cosa non potete accettare quando visitate la famiglia del vostro partner o quando è la sua famiglia a venire a casa vostra. Mettete in chiaro fin dall’inizio quali sono queste barriere insormontabili.

Con chi parlerai di questo argomento? È con il partner, ovviamente, che dovrete segnare dei confini. Potreste essere abbastanza sicuro da poter chattare direttamente con le persone coinvolte, ma non è sempre una buona idea. Alcuni possono essere piuttosto suscettibili e causare ulteriori problemi. State attenti.

In ogni caso, se state ricevendo un’aggressione diretta (anche se è camuffata da sarcasmo) è importante che fermiate questa dinamica e chiariate che tipo di comportamento non tollererete. In caso contrario, la tensione potrebbe salire.

Prendetevi cura della vostra autostima

Sentire di non essere in sintonia con i suoceri può essere davvero doloroso. In genere suscita sentimenti di vergogna, disagio e mancanza di appartenenza. Possiamo anche sentirci difettosi o inutili. Pertanto, è essenziale proteggere la nostra autostima e ricordare che non siamo obbligati a cambiare, adattarci o essere come gli altri si aspettano che siamo.

Mi sono fidanzato con te, non voglio costringerti a scegliere

Mi sono fidanzato con te.

Non mettete il vostro partner “tra  l’incudine e il martello”, costringendolo a decidere tra voi e la sua famiglia. Abbiamo tutti il diritto di mantenere i nostri legami. Inoltre, i genitori sono genitori e questo non è cambiato per niente.

Se la situazione diventa insostenibile, non condividere il tempo insieme, ma non costringere il tuo partner a rinunciare a meno che non gli stia facendo del male.

Mettetevi nei suoi panni

Un altro modo per andare d’accordo con i suoceri è pensare a chi abbiamo accanto a noi, e non a noi stessi tutto il tempo. Questo significa che se dovete andare a mangiare dai suoceri, dovreste farlo per la felicità del vostro partner. Sarà un dettaglio che probabilmente apprezzerà.

Mi sono fidanzato con te, quindi cerco di essere me stesso

Non siate artificiosi. I vostri “suoceri” sono pur sempre persone con interessi, bisogni e che vogliono fortemente il meglio per il proprio figlio o la propria figlia.

Se sarete voi stessi, il vostro partner vi riconoscerà di più nei momenti che trascorrete con i suoceri ed emanerà un maggiore senso di felicità. Se siete una persona felice e in quel momento siete la più amareggiata del pianeta, è difficile per il vostro partner riconoscervi come la persona di cui è innamorato e, per estensione, trasmetterlo ai suoi genitori. Proviamo quindi a lavorare su ciascuno di questi aspetti.

Potrebbe interessarti ...
Suoceri: cosa fare quando non ci piacciono?
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Suoceri: cosa fare quando non ci piacciono?

Secondo dati Istat, il 27% dei casi di attriti tra coniugi è legato all'invadenza dei suoceri nella vita di coppia. Scoprite di più!



  • Costa-Ramalho, S., Marques-Pinto, A., & Ribeiro, M. T. (2017). The retrospective experience of climate in the family-of-origin and dyadic coping in couple relationships: pathways to dyadic adjustment. Journal of Family Studies23(3), 371-388.
  • Oudekerk, B. A., Allen, J. P., Hessel, E. T., & Molloy, L. E. (2015). The cascading development of autonomy and relatedness from adolescence to adulthood. Child Development86(2), 472-485.