Raggiungere la pace interiore: 7 passaggi

La pace interiore, come suggerisce il nome, non dipende dalle circostanze esterne, da ciò che ci accade, ma dalla prospettiva con cui decidiamo di guardare la vita.
Raggiungere la pace interiore: 7 passaggi

Ultimo aggiornamento: 24 aprile, 2022

Raggiungere la pace interiore sembra un’utopia di questi tempi. Tra tanto lavoro, famiglia e responsabilità personale, come si fa a mantenere la calma? Le ore sembrano poche per adempiere a tutti i nostri obblighi, per raggiungere lo status e il successo che ci sono socialmente richiesti.

Ma cosa accadrebbe se, per un momento, rivedessimo le nostre priorità? Se iniziassimo a dare valore a ciò che è davvero importante: la salute, la tranquillità, la compagnia dei nostri cari e la gioia dei momenti più semplici.

Come indica il nome, la pace interiore non viene dall’esterno, dalle circostanze, ma dall’atteggiamento che scegliamo personalmente di adottare.

Gli occhiali con cui decidiamo di osservare la vita definiscono il modo in cui la vediamo. Se siete tra le tante persone che soffrono di stress e ansia e desiderate cambiare questa realtà, iniziate cambiando voi stessi.

7 passaggi per raggiungere la pace interiore

1. Azione o preoccupazione

Uno dei cambiamenti più importanti da apportare è bandire la preoccupazione dalla propria vita. Preoccuparsi, anche se a volte inevitabile, è davvero inutile. È inutile soffermarsi su una questione più volte, facendo lo stesso viaggio mentale che ci porta in un vicolo cieco e aumenta la nostra ansia.

Cambiate approccio, dunque invece di preoccuparvi, fate attenzione. Quando si presenta una situazione avversa, analizzatela attentamente e valutate se esiste una soluzione, se potete fare qualcosa al riguardo o meno. Se c’è, agite per modificare quello che non vi piace.

Se non c’è, agite per controllare la vostra mente. Non permettevi di entrare in un ciclo infinito di preoccupazioni e rimuginazioni sull’argomento. Accettate la realtà dei fatti, fluite con essa, imparate e andate avanti. 

2. Respiro

C’è una correlazione diretta tra lo stato fisico e lo stato mentale. Quando l’ansia vi sopraffà, sedetevi e respirate. Fate dei respiri lenti, profondi e diaframmatici e avvertirete subito una sensazione di rilassamento fisico. La tensione mentale diminuirà in modo uniforme.

Ma non basta utilizzare questa risorsa come misura di emergenza. Se desiderate davvero raggiungere la pace interiore, prendete l’abitudine di respirare correttamente.

Dedicate almeno due momenti da 10 minuti ogni giorno a respirare nel giusto modo. In poco tempo, i livelli di ansia complessivi diminuiranno in modo significativo.

Uomo che guarda l'infinito in cerca di pace interiore.

3. Pensiero positivo per raggiungere la pace interiore

È fondamentale selezionare con cura con quali occhiali si vuole guardare il mondo. Se indossate gli occhiali del vittimismo e dell’impotenza, proverete solo frustrazione e impotenza.

Abbiamo abituato la nostra mente a cercare, trovare e rilevare tutti gli aspetti negativi che ci circondano: problemi, difficoltà, limiti. Come essere felici e sereni se ci si sente circondati dalle avversità?

Tuttavia, potete allenare il cervello a riconoscere ogni opportunità, risorsa e aspetto positivo della vita. Iniziate facendolo deliberatamente, sforzatevi di riconoscere ed essere grati ogni giorno per tutte le cose belle che possedete. Nel tempo, questa funzione sarà automatizzata e all’improvviso vi sentirete fortunati.

4. Esercizio fisico e movimento

Può sembrare contraddittoria l’idea di muoversi per raggiungere uno stato di calma e rilassamento. Ma è davvero così.

L’esercizio fisico regolare non solo offre benefici per la salute fisica, ma migliora anche la salute mentale. Ci aiuta a liberare la mente, a disconnettersi dalle preoccupazioni e ad acquisire fiducia e autostima.

Ragazza che cerca la pace interiore che si allena.

5. Sonno di qualità

Assicuratevi che il vostro riposo sia sufficiente in termini di quantità e qualità. Una delle manifestazioni più comuni di ansia è l’insonnia, ma la mancanza di sonno non fa che aggravare la situazione. Mettete una volta per tutte da parte le preoccupazioni prima di andare a letto.

Dedicare le ultime ore del giorno a un’attività rilassante e piacevole distoglie la mente dai problemi. Oggi non potete fare niente, ve ne occuperete domani; date la priorità al sonno.

6. Vivere nel presente per raggiungere la pace interiore

Vivere nel presente implica prestare attenzione solo a quello che sta accadendo nel qui e ora. In altre parole, significa essere in sintonia con il momento; essere consapevoli che tutto ciò che è al di fuori di esso semplicemente non esiste se non nella nostra mente e immaginazione.

Se riusciamo a vivere nel presente, né i fantasmi del passato né le paure del futuro tormenteranno la nostra pace interiore. È possibile riuscirci attraverso la meditazione o la consapevolezza piena. Non esitate a provarlo!

7. Essere se stessi

Sappiamo che questa frase rasenta il cliché ed è un po’ stancante. Tuttavia, imparare a essere se stessi è una sfida e rappresenta uno dei pilastri che garantiscono il benessere.

Molte persone hanno paura di esprimere le proprie opinioni, desideri, gusti. A lungo andare, ciò altera la pace interiore e porta alla non conformità.

L’ideale è imparare a connettersi con se stessi e a vivere senza preoccuparsi di quello che dicono gli altri. In questo modo sarà possibile raggiungere la pace interiore tanto desiderata.

This might interest you...
Mantenere la calma secondo lo Zen
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Mantenere la calma secondo lo Zen

Per mantenere la calma nel bel mezzo di una tempesta bisogna imparare a vedere i problemi come necessari e addirittura positivi.



  • Márquez, S. (1995). Beneficios psicológicos de la actividad física. Revista de psicología general y aplicada: Revista de la Federación Española de Asociaciones de Psicología48(1), 185-206.
  • Pérez, J. F. (2010). Ansiedad y respiración diafragmática. Enfermería integral: Revista científica del Colegio Oficial de Enfermería de Valencia, (89), 16-18.