Come sconfiggere l’ansia per vivere al massimo

· 17 ottobre 2016

Sentite di vivere la vostra vita come dei sonnambuli? Vi piacerebbe avere più libertà, più avventure, più tempo, più amore? Cercate sempre il modo di vivere al massimo, ma sentite che tutto è un gran peso?

È triste, ma c’è molta gente che affronta la vita senza mai rendersi conto di tutto quello che può offrire davvero. E, anche se ognuno nasce in circostanze diverse, non significa che non si abbia la possibilità di vivere al massimo.

Un’esperienza traumatica, l’arrivo di nuove responsabilità o semplicemente il fatto di notare che il tempo sta passando possono immergerci nel circolo dell’ansia. In fondo a quel pozzo c’è la paura del fallimento o altri timori che ci paralizzano e non ci permettono di goderci la vita. L’ansia di non ottenere ciò che vorremmo o di non realizzare mai le nostre aspettative può paralizzarci, complicando molto di più le cose.

Superare la paura e l’ansia

L’ansia è il modo che abbiamo di dirci che ci troviamo di fronte ad un ostacolo che può essere complicato, e che ci fa pensare a tutti i mezzi che abbiamo a disposizione per superarlo. Quest’ansia può manifestarsi in modi diversi, per esempio attraverso il perfezionismo, l’ambizione, la gelosia, la necessità di compiacere gli altri o la dipendenza dal lavoro, etc.

“Tutto ciò che desideri si trova al di là della paura.”

-Jack Canfield-

Se vogliamo vivere al massimo, è necessario superare l’ansia e, soprattutto, tutte le paure che ci limitano e ci rinchiudono in un recinto troppo piccolo, che ci soffoca. Ma come possiamo fare? Oggi vi suggeriamo alcune strategie.

donna-guarda-dalla-finestra

1. Affrontate il vostro pensiero negativo e il comportamento ansioso

Per quanto possa sembrare ovvio, vale la pena ricordare che per superare l’ansia, bisogna prima saperla riconoscere attraverso il comportamento ansioso e i tratti tipici del pensiero negativo. È necessario essere coraggiosi per sfidare questi pensieri e comportamenti, ma non si può lottare contro un nemico che non si conosce.

Riconoscendo ed identificando i pensieri negativi e i comportamenti ansiosi, avrete già vinto la prima parte della battaglia. Una volta che li avrete scoperti, sarà più facile lottare contro di essi. Avrete bisogno di tempo, ma funziona!

Alcuni di questi tratti del pensiero negativo e del comportamento ansioso includono:

  • Eccesso di generalizzazione: non tutto ciò che si assomiglia è uguale.
  • “Lettura della mente”: se volete una cosa, ditelo; non aspettate che gli altri vi leggano nel pensiero.
  • Affermazione e autocritica negativa: sbagliare o fare un errore non vi trasforma in stupidi o in persone inutili, quindi smettetela di ripetervelo.
  • Pensiero radicale: non è tutto bianco o nero. Esistono milioni di colori che possono cambiare tutto. Ci sono tante possibilità se vi abituate a guardare la vita a colori.

Per affrontare i vostri pensieri negativi, poi, potete utilizzare alcune delle seguenti tecniche:

  • Riconoscete ed etichettate il modello di pensiero negativo e inutile.
  • Riconoscete le parole estreme che utilizzate, e cambiate i vostri pensieri utilizzando la parola opposta, in positivo.
  • Annotatevi i pensieri negativi che si ripetono più spesso e riflettete su come potreste cambiarli.
folla

2. Accettate

Accettate di soffrire di ansia. Invece ci cercare di sopprimerla, cercate ci comprenderla. Il vostro corpo funziona bene, quindi l’ansia è solo un avviso a cui dovete prestare attenzione. Fuggire non serve a nulla. Accettare la situazione vi aiuterà a porvi rimedio.

Accettare una situazione che ci mette ansia non è facile. Di fatto, molto spesso quando ci pensiamo, ci sentiamo anche peggio. Non è facile affrontare i nostri fantasmi. Ma la verità è che non c’è altro modo di vincerli se non affrontarli. Per riuscirci, è necessario essere forti e coraggiosi.

Accettare significa capire che, in questo momento, state provando un sentimento d’ansia e che probabilmente vi sentirete ancora più ansiosi durante il processo di recupero. Ci sarà un periodo in cui i pensieri negativi continueranno a fare la loro comparsa: è naturale. Dovete solo imparare ad accettarli per quello che sono, pensieri ansiosi, e andare avanti.

3. Prendetevi cura di voi stessi

Dormite a sufficienza, alimentatevi nel modo corretto, fate attività fisica, dedicatevi a qualche hobby, rilassatevi. Dedicate del tempo di qualità a voi stessi. Non dovete essere a disposizione degli altri tutto il giorno, inoltre smettere di lavorare per qualche ora non vi trasforma in brutte persone, al contrario. Prendendovi cura di voi stessi vi prenderete cura anche degli altri, perché sarete in condizioni migliori per portare a termine i vostri impegni e responsabilità.

Vivere al massimo non deve per forza significare vivere con un picco di adrenalina tutto il giorno, ma godersi ogni momento in modo consapevole. Riuscirci, però, sarà impossibile se la vostra mente e il vostro corpo non sono pronti.

Circondatevi di persone e cose positive, siate gentili con voi stessi e con gli altri, e date la priorità alle cose che contano davvero nella vita.

ragazza-con-gli-occhi-chiusi

4. Rivedete il vostro stile di vita

Fate attenzione alle relazioni e alle situazioni tossiche che potrebbero esserci nella vostra vita. Le persone tossiche servono solo ad avvelenare la vostra mente, rovinano l’ambiente che vi circonda e vi immergono in uno stato di ansia e paura dal quale è impossibile uscire. Ma potete risolvere il problema allo stesso modo in cui si sconfigge una malattia: eliminandone la causa, non solo curando i sintomi.

Controllate anche di non essere voi la persona tossica. Se il vostro atteggiamento crea un ambiente negativo, verrete ricompensati allo stesso modo. Se riuscite a cambiare, probabilmente noterete dei cambiamenti anche intorno a voi.

Altri fattori da tenere in considerazione sono, per esempio, la misura in cui vivete per compiacere gli altri o avere ben chiari in mente i vostri obiettivi. State facendo ciò che desiderate davvero oppure ciò che si presume che dovreste fare? State vivendo secondo i vostri veri valori?