Se potessi tornare indietro nel tempo che consiglio darei a me stesso?

Non potete cambiare o cancellare nulla di ciò che è successo, ma a volte vorreste avvertire quel sé più giovane e inesperto di certe cose. Cosa vorresti dire? Lo avvertireste di qualche realtà in modo da evitare di commettere certi errori?
Se potessi tornare indietro nel tempo che consiglio darei a me stesso?
Valeria Sabater

Scritto e verificato da la psicologa Valeria Sabater.

Ultimo aggiornamento: 27 febbraio, 2023

Chi guarda nello specchietto retrovisore della propria esistenza trova sempre una macchiolina, un difetto, una crepa che vorrebbe correggere. È vero che abbiamo imparato infinite cose, che ci sono esperienze che non cambieremmo per tutto l’oro del mondo. Nonostante questo, la puntura di certi rimpianti risveglia in noi un sottile desiderio…Vi capita di pensare: “se potessi tornare indietro…”? Allora continuate a leggere.

La maggior parte di noi vorrebbe tornare indietro nel tempo e mettersi in guardia su certe realtà, darci qualche consiglio e sussurrarci certe informazioni all’orecchio. Una cosa del genere non può accedere! Non abbiamo ancora una DeLorean con un condensatore di flusso o l’elegante macchina del tempo descritta da HG Wells, ma ciò non significa che questo pensiero sia una costante nell’essere umano.

Tanto che la scienza ha prestato attenzione a questa classica domanda, e lo ha fatto spinta anche da fattori di salute mentale. In effetti, ci sono molte persone che vivono più nel loro passato che nel loro presente. Lungi dall’essere in sintonia con quel “qui e ora” in cui si trovano le migliori opportunità, vivono ancorati al passato. In quel frammento di tempo in cui abitano la nostalgia e il dolore emotivo.

“Passiamo tutta la vita sognando desideri non realizzati, ricordando cicatrici, costruendo artificialmente e mentendo ciò che avremmo potuto essere”.

-Mario Benedetti, grazie per il fuoco-

Uomo che pensa di tornare al passato
Spesso ci sorprendiamo a pensare a come sarebbero le nostre vite se avessimo saputo in passato ciò che sappiamo ora.

Cosa direbbero molti se potessero tornare indietro

Oscar Wilde diceva che “l’unico fascino del passato è che è passato”. È vero, tuttavia, il cervello umano sembra avere un’ossessione per quel tipo di fascino, perché quasi sempre ci troviamo in quel piano.

Passiamo la giornata ricordando cose: dove mettiamo le chiavi, come conosciamo una certa persona, ricordando quel momento felice di ieri o rimpiangendo di non aver fatto quell’altra cosa.

La vita è fatta di ricordi, ma a volte i ricordi fanno male e ci fanno desiderare di tornare indietro nel tempo per consigliare quel sé più giovane. Il dottor Robin Kowalski, professore alla Clemson University, ha voluto indagare proprio su questa proposta.

Poiché questo desiderio è quasi una molla persistente nel nostro universo mentale, questo studioso ha deciso di condurre una ricerca che è stata pubblicata sul Journal of Social Psychology . Analizziamo i dati che è riuscito ad ottenere.

Tutti noi rimpiangiamo qualcosa

Il desiderio di tornare al passato è motivato dal peso dei rimpianti. Una variabile che è abbastanza comune tra noi. La ricerca si è basata su un sondaggio applicato a un campione di 400 persone di età superiore ai 30 anni che concordavano su molti aspetti:

  • La maggior parte vorrebbe consigli su opportunità educative perse, decisioni sbagliate prese, denaro sprecato e rischi non presi.
  • Allo stesso modo, non sono mancati i classici commenti su quei rapporti affettivi che preferivano non iniziare. Mettere in guardia contro l’innamoramento o il matrimonio con determinate persone è un fattore molto diffuso in questo senso.

Pensateci bene: siete usciti da tanti vicoli ciechi e, pur avendo commesso più di un errore, avete ottenuto una serie di lezioni che definiscono la persona che siete adesso. Perché rimpiangere ciò che non ha più senso o non vi serve?

piedi desiderosi di tornare al passato
Se guardi al passato in modo critico, è perché hai ottenuto un apprendimento prezioso che ti ha reso quello che sei ora.

Se siete di quelli che vorrebbero tornare a ieri, ricordatelo…

Come negarlo? Ci sono infinite esperienze che avremmo voluto fossero altrimenti. Tutti noi portiamo la zavorra di più di un rimpianto, di un evento che, a nostro avviso, ha troncato parte dei nostri sogni e ci ha condotto verso un’altra meta meno luminosa. Gli errori commessi e i rischi che non ci siamo assunti ci feriscono.

Non possiamo tornare al passato, ma vogliamo che rimetta a posto tutti quei fili sciolti di ieri che, forse, disegneranno un presente migliore. Tuttavia, questa premessa è davvero vera? Uno studio della Cornell University, negli Stati Uniti, mette in luce qualcosa al riguardo.

Ci rammarichiamo più per le occasioni che abbiamo perso che per gli errori che abbiamo fatto. Questa sensazione distorce leggermente il nostro “io ideale”, facendoci credere che il presente non sia altro che il risultato di molte di quelle porte che non abbiamo osato varcare. Ora, se questa è la vostra percezione, se date credito a questa idea, è interessante riflettere su una serie di idee.

In passato non avevate l’esperienza che avete ora

La maggior parte di noi è molto critica nei confronti del nostro io passato. Rifiutiamo quell’adolescente, quel giovane adulto un po’ impulsivo che non è riuscito a prendere le decisioni migliori in più di un ambito della propria vita.

Tuttavia, dovete capire che il vostro sé passato non ha la saggezza e l’esperienza che avete nel presente. Inoltre, tutti quei passi falsi di ieri vi hanno permesso di ottenere la conoscenza che avete adesso.

Siate più gentili con voi stessi

Perché tornare indietro nel tempo se le migliori opportunità accadono qui e ora? Perché flagellarvi per ogni errore e criticarvi per ogni occasione persa? La persona che vive rimpiangendo ogni decisione sbagliata, non fa altro che sminuire se stesso, alimentare l’autocritica e il disprezzo di sé.

Evitatelo, guardate il vostro io più giovane con compassione per capire che nessuno è infallibile. Siate più gentili con voi stessi e smettete di guardare un luogo che non ha più senso o importanza. Ciò che conta è il vostro sé attuale in questo momento presente, approfittate della vostra esperienza e andate verso ciò che volete.

Dobbiamo sviluppare un approccio più calmo e gentile con noi stessi, evitando di logorarci e sminuirci con l’autocritica.

Cosa direste al vostro migliore amico se si pentisse sempre degli errori di ieri?

Non vale la pena tornare al passato, lì non cresce nulla di nuovo, è come carta bruciata portata via dal vento che a volte ci ossessioniamo a voler tenere tra le mani. Le persone depresse spesso concentrano il proprio sguardo su questo piano, alimentando tristezza, rancore e rimpianti.

Se vi siete riconosciuti in questa descrizione, procedete come segue. Cosa direste al vostro migliore amico se rimpiangeste sempre il passato? Che consiglio gli dareste? Quali parole direste? Come la sosterreste? Pensateci, perché niente è così necessario come trattare noi stessi nello stesso modo in cui trattiamo coloro che amiamo di più.

Come dice un proverbio arabo, “il passato è fuggito, ciò che aspetti è assente, ma il presente è tuo…”.

Potrebbe interessarti ...
Vietato vivere nel passato!
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Vietato vivere nel passato!

Molte persone rimangono intrappolate nel passato e non si godono il presente



  • Davidai S, Gilovich T. The ideal road not taken: The self-discrepancies involved in people’s most enduring regrets. Emotion. 2018 Apr;18(3):439-452. doi: 10.1037/emo0000326. Epub 2017 May 11. PMID: 28493750.
  • Kowalski RM, McCord A. If I knew then what I know now: Advice to my younger self. J Soc Psychol. 2020;160(1):1-20. doi: 10.1080/00224545.2019.1609401. Epub 2019 May 5. PMID: 31056014.

I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.