Terapia familiare sistemica: tecniche e approcci

Le terapie familiari sistemiche hanno tecniche che molti altri approcci adottano per i loro trattamenti. In questo articolo ne descriviamo alcuni, sebbene ce ne siano molti di più all'interno di ciascuna prospettiva sistemica.
Terapia familiare sistemica: tecniche e approcci
Cristina Roda Rivera

Scritto e verificato da la psicologa Cristina Roda Rivera.

Ultimo aggiornamento: 19 dicembre, 2022

La terapia familiare sistemica è un approccio terapeutico che viene applicato nel trattamento dei disturbi derivati dalle interazioni e dai modelli di comunicazione di un gruppo. Il contributo principale dei modelli sistemici è di trasferire l’azione terapeutica dal regno intrapsichico al regno dei modelli di interazione interpersonale.

La terapia familiare sistemica è stata stabilita e in crescita insieme alla terapia sistemica. Tuttavia, va notato che non tutti i modelli familiari sono sistemici. Ad esempio, l’approccio psicodinamico e le relazioni oggettuali (Skinner, Ackerman e Sager) o gli approcci multigenerazionali (Whitaker, Bowen).

I modelli sistemici si basano su una serie di fondamenti. Le più importanti sono la cibernetica e le teorie dell’informazione di Shanon e Weaver, la teoria generale dei sistemi (Bertalanffy) e della comunicazione umana  (Watzlawick).

Nove modelli di terapia familiare sistemica

È opportuno tenere presente che la terapia familiare sistemica si concentra sulle emozioni del gruppo familiare, non solo sull’individuo.

Ebbene, ritiene che il modo migliore per riconoscere e comprendere le emozioni, i pensieri e comportamenti sia conoscere le dinamiche familiari dei gruppi a cui appartiene.

Ora, ci sono diverse scuole di terapia familiare sistemica che vanno dalla psicoanalitica alla sistemica, alcune di esse sono:

1. Terapia psicoanalitica familiare

La terapia psicoanalitica familiare è stata pioniera nel trattamento delle famiglie. In modo tale da fornire un quadro concettuale da cui la maggior parte delle teorie attuali evolvono verso il modello sistemico.

L’essenza di questo approccio è di essere in grado di riconoscere e interpretare gli impulsi inconsci e le loro difese contro di essi, così come la loro relazione con il principio delle relazioni oggettuali.

Le sue tecniche sono relativamente semplici, anche se ciò non implica che siano facili da applicare. Questi sono: ascolto, empatia, interpretazione e mantenimento della neutralità analitica.

La maggior parte dei terapeuti psicoanalitici preferisce lavorare con famiglie altamente verbalizzanti poiché viene loro insegnato a “idee di libera associazione”, cioè a esprimere i propri sentimenti e idee spontaneamente, il che fornisce materiale per l’analisi e consente agli interlocutori di comunicare più liberamente.

2. Terapia familiare esistenziale

Questo approccio presuppone che il problema non sia l’individuo ma la famiglia, per cui il comportamento che viene identificato come “malato” è la conseguenza di un modo di relazionarsi che si manifesta, in linea di principio, in uno dei suoi membri; ma che se adeguatamente approfondito si scopre che non è l’unico.

Questo modello di terapia agisce poi sulle relazioni e non sul comportamento del singolo, mantenendo la continuità tra individuo, famiglia e comunità; interpretando il suo sviluppo e adattamento all’interno di quel sistema di interrelazioni, sottolineando il cambiamento e la crescita interiore piuttosto che l’eliminazione di alcuni sintomi presumibilmente devianti.

3. Terapia transgenerazionale

Molte persone sentono dei limiti e non riescono a raggiungere gli obiettivi che desiderano per ragioni inspiegabili. Questi sono blocchi che alla fine innescano frustrazione, tristezza, dolore o ansia.

In questi casi, la terapia transgenerazionale esplora tutto ciò che la persona ha ricevuto dalle generazioni passate e cerca i fardelli che ha ereditato e che non le fanno andare avanti.

In altre parole, la terapia transgenerazionale si concentra sulle interazioni tra i membri di una famiglia attraverso più generazioni per identificare i problemi fondamentali della famiglia.

4. Terapia familiare sistemica strutturale

La terapia familiare strutturale è un metodo di psicoterapia sviluppato da Salvador Minuchin, il quale ha difeso che la patologia non risiede nell’individuo in particolare, ma nella dinamica delle relazioni e nel modo in cui sono strutturati i legami all’interno del sistema familiare.

Pertanto, si concentra sulla comprensione delle interazioni che governano il funzionamento della famiglia e sull’intervento nelle relazioni disfunzionali all’interno della famiglia, stabilizzandola in schemi più sani.

5. Terapia familiare strategica

La terapia familiare strategica è stata sviluppata negli anni ’50, principalmente da Jay Haley, che credeva che fosse più importante per i pazienti risolvere immediatamente i loro problemi piuttosto che capirne il motivo.

In questo caso, il terapeuta strategico stabilisce obiettivi chiari che sono legati al problema presentato; e quindi non applica lo stesso metodo a tutti i casi presentati, ma progetta invece una strategia specifica per ogni problema.

L’obiettivo di questa terapia è soprattutto quello di prevenire la ripetizione delle sequenze e di introdurre una maggiore complessità e alternative.

6. Terapia familiare narrativa

La terapia familiare narrativa consiste in un tipo di conversazione collaborativa in cui ogni membro ha l’opportunità di esprimersi ed essere ascoltato, in modo che il loro discorso li aiuti a costruire insieme soluzioni più praticabili, pratiche e produttive per il sistema familiare.

Inoltre, la narrazione di ciascuno fornisce nuove conoscenze sulla propria realtà e li aiuta ad approfondire la propria storia come i suoi principali autori.

In questo senso, l’obiettivo principale della terapia narrativa è aiutare il cliente a riscrivere la sua vita, incorporando nella sua storia pezzi di storia che sono stati emarginati dall’esperienza, eventi che costituiscono eccezioni alla narrazione attuale.

7. Psicoterapia breve

In generale si tratta di un intervento di massimo dieci sedute (anche se la media è di 6-7) focalizzato su un problema specifico. In questo caso, potremmo riassumere gli obiettivi del primo colloquio come segue:

  • Identificare un problema in termini specifici e concreti.
  • Esplorare le tentate soluzioni, anche in termini specifici.
  • Obiettivi della terapia di stato in termini positivi, concreti e realizzabili.

Sulla base delle informazioni raccolte, il terapeuta cercherà di comprendere il problema come un circolo vizioso in cui la soluzione esacerba una difficoltà e progetterà un compito da svolgere tra le sessioni che interrompa questo circolo.

È chiaro che il compito comporterà, in primo luogo, fare qualcosa di diverso e, in secondo luogo, qualcosa che impedisca la “soluzione” che è stata finora applicata.

8. Terapia cognitivo comportamentale

Questo tipo di terapia cerca di modificare i pensieri irrazionali che causano i problemi attraverso la ristrutturazione cognitiva e la modifica dei comportamenti problematici, basata sulla comunicazione assertiva.

In generale, questo tipo di intervento mira a trovare soluzioni specifiche a problemi specifici sollevati dalla famiglia, o da uno dei suoi membri.

9. Scuola Sistemica di Milano

La denominazione geografica di questa scuola è diventata popolare per la grande varietà di contributi che ha dato alla terapia familiare a diversi livelli.

In termini generali, questa scuola sostiene che non è il sistema a creare il problema, ma il contrario: il problema crea il sistema. Secondo i suoi seguaci, il “nemico” da aggredire non è un membro della famiglia in particolare e nemmeno la famiglia in quanto tale; ma quello che chiamano il gioco della famiglia, che non è altro che l’insieme delle interazioni e delle coalizioni che si verificano attorno al problema per mantenerlo.

Obiettivi della terapia familiare sistemica

Nonostante i diversi aspetti di questa terapia, possiamo identificare gli obiettivi principali comuni a tutti loro. Tra questi spiccano:

  • Migliorare il funzionamento della famiglia e della coppia.
  • Incoraggiare e rafforzare la comprensione tra i membri della famiglia.
  • Sviluppare strategie e migliorare le capacità di problem solving.
  • Problemi di comportamento corretti.
  • Trattare le dipendenze dal punto di vista familiare.
  • Promuovere la psicoeducazione.

Alcune tecniche comuni nella terapia familiare sistemica

Nella terapia familiare sistemica ci sono una serie di interventi che sono tra i più comuni. Alcuni sono tratti da altre forme di terapia ed è sicuramente un modo di lavorare che consente l’utilizzo di qualsiasi tecnica si ritenga opportuna.

In questo articolo ne citeremo solo alcuni comuni, ma ci sono libri che raccolgono tecniche e forme di intervento, come 24 idee per una terapia breve, di Mark Beyerbach.

1. Ridefinizione positiva del sintomo

Questo tipo di riformulazione, ampiamente praticato da Minuchin e dai suoi colleghi nella scuola strutturale, tenta di fornire una diversa lettura relazionale dei fatti, che mette in discussione le strutture del sistema.

Si tratta di mettere in discussione le definizioni date in famiglia, tra le quali è compreso il ruolo del paziente identificato, mettendo così in discussione la sua visione della realtà.

2. Connotazione positiva del sintomo

Consiste nell’attribuire un significato positivo al comportamento problema o sintomo del contesto relazionale in cui acquisisce la sua funzionalità, specificando il contributo di ciascuno dei suoi membri allo schema circolare.

Il team milanese sostiene che definire positivamente solo il sintomo ha la tacita implicazione di definire negativamente il resto della famiglia, il che implica una certa alleanza tra il terapeuta e il portatore del sintomo. Mentre sostengono una posizione di neutralità.

3. Eccezioni e domande miracolose

Nella domanda sul miracolo, alla famiglia viene chiesto come sarebbe la loro giornata se accadesse un miracolo e il loro problema si risolvesse improvvisamente. Ad esempio, cerca di sapere quale sarebbe la prima cosa che noterebbe, ecc. Questo ci dà indizi sugli elementi da introdurre per far sì che il miracolo cominci ad accadere in famiglia.

Nelle eccezioni, chiediamo di quelle situazioni in cui le cose sono state fatte diversamente e quelle che sono andate bene. In questo modo, li aiutiamo a rivolgere la loro attenzione al positivo e ci diamo l’opportunità di introdurre variazioni per incoraggiarlo.

Se, ad esempio, la madre e il figlio non discutono perché il padre sostiene la madre solo in alcune occasioni, possiamo incoraggiare il padre a sostenere la madre più spesso.

4. Domande in scala

Un tipo di domanda a volte utile è chiedere alla famiglia di valutare, da 1 a 10, lo stadio del proprio problema. Da qui puoi scoprire cosa ci vorrebbe per salire di un punto della scala o, se il punteggio è basso, cosa hanno fatto per assicurarsi che non scenda ulteriormente.

5. Domande circolari

Chiediamo a un altro membro della famiglia cosa fa, cosa prova, ecc. Ciò evita un’escalation delle discussioni, incoraggia una visione ciclica e correlata del problema che riguarda tutti e spesso consente il flusso di informazioni precedentemente sconosciute o l’emergere di nuovi punti di vista.

6. L’illusione delle alternative nella terapia familiare sistemica

Il primo ad usarlo in psicoterapia è stato MH Erickson. È stato poi utilizzato in tutti i successivi modelli di psicoterapia strategica, come il modello di risonanza magnetica breve e il modello di Nardone. L’apparenza di due opzioni deve essere costruita per restituire il “potere” al paziente o al familiare che prende una decisione.

7. Prova

Haley (1984) ha trasformato questa tecnica in un’arte. Si tratta di collegare la comparsa di un certo sintomo allo svolgimento di qualche altra attività che è fastidiosa per il paziente ma, allo stesso tempo, ha un beneficio per lui.

Ad esempio, in un caso di bulimia da alimentazione incontrollata, si concorda con la paziente che, ogni volta che si verifica un’abbuffata, dovrebbe alzarsi quella stessa notte alle 3 del mattino per fare esercizi addominali per trenta minuti.

8. Compito paradossale

Utilizzato anche dall’approccio strategico e strutturale di Haley e dalla scuola di Palo Alto. Alla famiglia è prescritto di continuare con il problema, facendo “più o meno lo stesso”, con l’intenzione che questo generi un cambiamento.

Di solito è un intervento rischioso ed è chiamato paradossale perché se lo adempiono stanno adempiendo al compito del terapeuta e, se non lo portano a termine, stanno cambiando e quindi il cambiamento si ottiene.

9. Tecnica di confusione

De Shazer ne sviluppò uno in cui il terapeuta ammette apertamente la propria confusione rispetto a quella dei pazienti. L’obiettivo è frustrarli nella costruzione di un significato nella situazione terapeutica e, quindi, è essenziale porsi un obiettivo, che è ciò che dà senso a quella situazione.

Va detto che ognuna di queste 9 tecniche di terapia familiare sistemica richiede una conoscenza approfondita della psiche umana, della gestione del gruppo e degli stili di comunicazione. Saranno efficaci purché svolti in un contesto terapeutico e promossi da un professionista della salute mentale specializzato in questo campo.

Potrebbe interessarti ...
Virginia Satir e la terapia familiare
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Virginia Satir e la terapia familiare

Virginia Satir è stata una psicoterapeuta che ha rivoluzionato le linee guida della terapia familiare. A lei si deve un importante modello terapeut...



  • Bonilla V. Un encuentro con el modelo de Milán y su evolución. Rev de Psicología y Ciencias del Comportamiento [Internet]. 2013 [consultado 10 de junio de 2022]; 4(2): 76-88. Disponible en: https://dialnet.unirioja.es/servlet/articulo?codigo=5925147
  • Peñuelas I, Sevilla J, Cervesi C, Sareen A, & González A. Introduction to systemic family therapy. European Psychiatry [Internet]. 2016 [consultado 10 de junio de 2022]; 33(S1): S559-S560. doi:10.1016/j.eurpsy.2016.01.2074
  • Karam E, Blow A. Common Factors Underlying Systemic Family Therapy. En: Karen S. Wampler,Richard B Miller,Ryan B. Seedall. The Handbook of Systemic Family Therapy. EEUU:  John Wiley & Sons; 2020: 147-169.

I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.