The Undoing: la perfezione non esiste

"The Undoing" è l'ultima miniserie che ha travolto il portale HBO. Il suo aspetto conservatore, il ritmo lento e i personaggi freddi riescono a suscitare interesse nello sviluppo della trama. Qualsiasi ambiente, per quanto perfetto e ricco, può essere scosso dal crimine.
The Undoing: la perfezione non esiste

Ultimo aggiornamento: 17 novembre, 2022

The Undoing, l’ultima miniserie dalla piattaforma di contenuti audiovisivi della HBO, ha avuto un impatto inaspettato sugli spettatori. Dietro questa proposta sobria e ingenua c’è il sordido approccio di mantenere le apparenze a tutti i costi.

Questo approccio è messo in scena da una Nicole Kidman più enigmatica che mai, che proietta magistralmente la suspense di cui il suo personaggio ha bisogno. The Undoing si impegna fin dall’inizio a smascherare una trama semplice che gradualmente acquista complessità.

Senza inquadrature d’azione, e senza rinunciare alla sobrietà, riesce a mantenere vivo l’interesse. Fino all’ultimo momento vogliamo scoprire cosa fanno i personaggi, anche se li abbiamo giudicati e condannati dal primo minuto.

The Undoing: la perfezione che travolge

Negli ultimi anni ci siamo abituati a serie dal forte contenuto contenzioso. Le minoranze che sono la maggioranza nella vita reale sono al centro dello schermo. La loro rappresentazione non è più aneddotica, decorativa e irrilevante. Le storie sono scritte e fatte per denunciare lo status quo.

In tale contesto, The Undoing appare come una serie conservatrice. I bianchi che sono miliardari e con carriere di un certo peso. La serie rifiuta di introdurre qualsiasi elemento redentore di quella realtà con cui possiamo identificarci.

Mette tutto da parte per concentrare lo spettatore sulla trama dal primo momento. Nicole Kidman e Hugh Grant sono incaricati di prendersi cura di quella suspense che ruota attorno al dilemma: “Di chi posso fidarmi?”. Ciò che è trasgressivo qui è mostrare la brutalità di un omicidio in un contesto in cui queste situazioni non dovrebbero verificarsi.

Uno psicologo dalla vita perfetta

In questo thriller, Nicole Kidman interpreta Grace Fraser, una psicologa specializzata in terapia di coppia di alto livello; suo marito, Jonathan (Hugh Grant), un oncologo pediatrico di successo. Hanno un figlio di nome Henry (Noah Jupe) e la loro vita sembra ideale.

Il lavoro non sembra influenzare troppo il loro matrimonio e l’educazione del loro unico figlio, Henry (Noah Jupe).

Grace fa tutto vestito con un invidiabile background di guardaroba. Cappotti lunghi in velluto, camicie e intimo di chiffon dai colori sobri dai toni gioiello.

Se qualche parte di questa vita sembra sbilanciata è il suo circolo sociale alquanto ridicolo e di clausura, incentrato su Reardon, la scuola privata d’élite frequentata da suo figlio Henry.

Grace è un membro del potente comitato dei genitori della scuola. Gli viene risparmiata l’umiliazione di dover combattere troppo duramente per questa posizione irrilevante, poiché il suo ricco padre (Donald Sutherland) è uno dei principali donatori di denaro di questa scuola.

Grace mostra una certa distanza in questo ambiente falso. Quando fai parte dell’élite sin dalla culla e possiedi carattere e intelligenza, i manierismi di classe, piuttosto che la stabilità, creano noia. È lei stessa ad esprimere il suo desiderio di trasferirsi dalla città, forse stanca di un contesto che per lei poco fa.

Un personaggio inaspettato e goffo

Questa vita idilliaca sarà interrotta da un’apparizione inaspettata. Una donna di nome Elena Alves (Matilda De Angelis) entra nella vita di Grace Fraser. È la “mamma della borsa di studio”, che inevitabilmente fa scoppiare la bolla della vita dei Fraser.

È più giovane delle altre donne del comitato d’asta e non ha vantaggi materiali o sociali. Infine, è irriverente e la sua presenza si distingue dalle altre. Alla raccolta fondi della scuola, allatta al seno il suo bambino, qualcosa che le altre madri vedono come un atto “ostile” e “passivo-aggressivo“.

Elena sembra stranamente interessata a Grace, il che la mette a disagio. Grace cerca di essere gentile e disponibile. Più tardi quel disagio diventa palpabile. Una Elena completamente nuda si avvicina a Grace nello spogliatoio della sua palestra, desiderando discutere di cos’altro può fare per dare una mano alla Reardon School.

The Undoing: apparenza come garanzia di sopravvivenza

Il momento chiave della serie è la raccolta fondi per la scuola. Un evento pieno di luoghi comuni legati alle classi con potere e denaro. Persone che parlano e ascoltano, quando in realtà non hanno alcun interesse per ciò che dicono o per ciò che arriva loro.

Il giorno successivo, Elena viene trovata brutalmente picchiata nel suo studio d’arte. Viene rivelato che la giovane madre era affascinata da Grace per ragioni che avranno un impatto sulla felicità domestica dei Fraser. Da questo inizio promettente, The Undoing diventa un giallo, mentre Grace cerca di determinare quanto della sua vita sia stata una bugia.

Suo marito Jonathan è incontattabile. Grace inizia a pensare che, forse, non potremo mai conoscere veramente chi ci è più vicino, anche quando siamo psicologi altamente formati nell’analisi del comportamento umano.

Donna che chiama al telefono

Di chi fidarsi?

Il mistero dipende da quanto leggiamo nel manierismo di Grant e in quel sorrisetto. Non vuoi credere, come Grace, che sia essenzialmente un ragazzo perbene? Non nutriamo, in fondo, la speranza che alcune apparenze siano vere?

The Undoing è finalmente su questo. Dal potere delle apparenze non solo nel modo in cui agiamo ogni giorno, ma nel desiderio che nulla di tutto ciò cambi. Intorno alle apparenze si conservano molte identità. Non solo una famiglia, ma un’intera comunità.

Alla fine la trasgressione è presente in The Undoing, con la visione di una donna brutalmente picchiata. Con i pensieri di Grace e le sue passeggiate in una New York pre-pandemia che oggi ci sembra irreale. La serie espone lo stile di vita fragile e irrilevante, che significa molto di più per ciò che appare che per ciò che effettivamente ha. È davvero questa la perfezione a cui vogliamo aspirare?

Potrebbe interessarti ...
La perfezione può essere una virtù o un problema
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
La perfezione può essere una virtù o un problema

Voler raggiungere la perfezione può essere un compito infinito. Quando gli ideali che ci poniamo sono alti, è più difficile raggiungerli.