Tipi di madre e la loro influenza emotiva

Il legame che si instaura con la madre influisce sulla visione che una persona ha di sé e degli altri. In questo articolo scopriamo in che modo i diversi tipi di madre influenzano la personalità dei figli.
Tipi di madre e la loro influenza emotiva

Ultimo aggiornamento: 10 luglio, 2021

Quando commettete un minimo errore vi sentite un completo fallimento? Sentite una grande dipendenza emotiva nei confronti del partner? O, al contrario, evitate a tutti i costi di impegnarvi? Prendere una decisione è arduo? La maggior parte delle persone vive tutti i giorni queste situazioni. Esse sono il risultato delle esperienze vissute da bambini e dell’educazione ricevuta dai diversi tipi di madre esistenti.

È questa la conclusione a cui è giunto lo psicologo americano Stephan Poulter nel suo libro The mother factor: How your mother’s emotional legacy impacts your life. L’influenza del legame che stabiliamo con nostra madre è evidente anche nella vita adulta e si riflette nei nostri punti di forza e di debolezza, nella nostra autostima e nel modo in cui ci relazioniamo con gli altri.

I cinque tipi di madre descritti da Poulter presentano determinate caratteristiche e ognuna trasmette una diversa eredità ai propri figli. Scopriamo di più in questo articolo.

I cinque tipi di madre

Secondo Stephan Poulter, è possibile descrivere cinque profili in cui identificare la stragrande maggioranza delle madri. In genere in ogni profilo coesistono le caratteristiche di più tipi, ma di solito è una quella predominante.

Madre che rimprovera la figlia.

Perfezionista

Queste madri hanno la mania del controllo e sono ansiose; sono persone per le quali le apparenze estremamente importanti. Il loro obiettivo è che i propri figli e la propria famiglia appaiano perfetti agli occhi degli altri.

Questo atteggiamento porta i figli a essere ipercritici con se stessi, a sentirsi costantemente inadeguati e giudicati. Tendono ad avere una grande paura di essere criticati e temono il rifiuto degli altri, ma allo stesso tempo tendono a giudicare gli altri.

Possono essere persone molto esigenti che non perdonano a se stessi di commettere degli errori e non tollerano la frustrazione.

Imprevedibile

È una donna con uno stile genitoriale caotico, che dipende molto dallo stato emotivo in cui si trova ogni giorno. Non sa gestire le proprie emozioni e lascia che queste influenzino il modo in cui interagisce con i suoi figli.

I figli di una madre imprevedibile sviluppano un attaccamento ambivalente e crescono in uno stato di allerta costante che li costringe a imparare a decifrare gli stati emotivi materni per sapere cosa aspettarsi.

Questa ansia si riflette anche nel resto delle loro relazioni interpersonali. Sono persone timorose e incapaci di fidarsi e di credere che l’affetto altrui possa essere stabile e duraturo. Oltre a ciò, tendono ad avere reazioni emotive esagerate di fronte a questioni apparentemente banali.

La “migliore amica”

Queste madri non pongono limiti, trattano i figli con molta confidenza, scambiandosi con loro i vestiti e trattandoli in modo egualitario. Invece di assumere il ruolo di adulte responsabili, lasciano che i figli crescano privi di una figura autorevole, arrivando persino a caricarli della responsabilità di comportarsi loro da genitori.

I figli possono crescere sentendosi abbandonati o impotenti. Nelle loro relazioni adulte sperimenteranno una grande paura del rifiuto e avranno la tendenza a non sentirsi amati. Inoltre, è probabile che tendano a instaurare relazioni squilibrate in cui devono assumere nuovamente il ruolo di “genitori”.

Tipi di madre: “io al primo posto”

Madri egocentriche, egoiste, che tendono a mettere i propri figli al secondo posto. Questi ultimi cresceranno sentendo che hanno il compito di soddisfare i desideri e i bisogni della madre e che lei ha sempre ragione, quindi le loro opinioni non sono valide e non sono importanti. La mancanza di supporto emotivo li porterà a dubitare di se stessi e delle proprie capacità.

La madre completa

Tra i tipi di madre, questo può essere considerato il profilo ideale, ma solo il 10% circa dei bambini ha la fortuna di crescere con tale figura. Sono donne equilibrate, amorevoli, ma capaci di fare da guida e porre dei limiti.

Poiché la madre completa promuove lo sviluppo dell’autonomia e dell’individualità, i suoi figli crescono con un concetto di sé sano, sentendosi amati e sicuri di sé. Pertanto, sono in grado di assumersi dei rischi, adattarsi al cambiamento e instaurare relazioni sane.

Tutti i tipi di madre incoraggiano lo sviluppo dei punti di forza

La visione di cui sopra potrebbe apparire alquanto pessimistica perché ci dice che solo una piccola percentuale di persone è in grado di godere dei benefici di uno stile genitoriale adeguato e di un attaccamento sicuro. Tuttavia, tutte le madri e i diversi contesti educativi contribuiscono a sviluppare alcuni punti di forza nei loro figli.

Per esempio, i figli delle madri perfezioniste sono responsabili e perseveranti sul lavoro; i figli delle madri imprevedibili mostrano di avere una grande empatia; quelli cresciuti con una madre “migliore amica” sono adulti decisi e capaci di prendere l’iniziativa.

In sintesi, mentre è chiaro che non possiamo agire per modificare le condizioni della nostra infanzia, abbiamo la capacità di trarre preziose lezioni e ottenere validi strumenti da essi. Tutti abbiamo dei punti di forza e sta a noi scegliere di sfruttarli a nostro vantaggio o rimanere fermi a chiederci “Cosa sarebbe accaduto se…”.

Potrebbe interessarti ...
Madre assente: conseguenze
La Mente è MeravigliosaLeggi in La Mente è Meravigliosa
Madre assente: conseguenze

la prima paura che conosciamo è quella di perderla, che sia assente, che non ci aiuti quando ne abbiamo bisogno. Nulla al mondo può compensare una ...



  • Poulter, S. B. (2010). El legado de las madres: La influencia de su herencia emocional en nuestra vida (1.a ed.). Barcelona, España: URANO, EDICIONES.
  • Martínez, V. S., Castañeiras, C. E., & Posada, M. C. (2011). Estilos de apego y autoconcepto: bases para una adolescencia positiva. Psicodebate11, 27-42.
  • Sánchez Herrero, M. (2011). Apego en la infancia y apego adulto: influencia en las relaciones amorosas y sexuales. Recuperado mayo de 2021, de http://hdl.handle.net/10366/99355