Musica rilassante: 10 benefici

· 23 marzo 2018

Molti di noi hanno la propria lista di musica rilassante, quella a cui rivolgerci per rilassare la mente, quella capace di apportare un meraviglioso equilibrio interiore. Sono momenti in cui ci regaliamo un apporto di serotonina per alleviare lo stress, per calmare i disturbi fisici, le tensioni e le preoccupazioni, tutto ciò è possibile grazie a questo analgesico musicale così economico e sempre alla nostra portata.

Non è un caso. L’impatto che la musica ha sul cervello è grande, e quella che presenta una frequenza più armonica o rilassante genera in noi elevati stati di benessere. A tal proposito, esiste una teoria ben nota, seppur non ancora convalidata empiricamente, che parla dei benefici della musica rilassante, con la frequenza di 528 Hz, per il nostro organismo .

È la cosiddetta frequenza del Solfeggio, originariamente usata nei canti gregoriani. Suoni di guarigione o meno, quello che sappiamo è che sono capaci di generare nel nostro corpo e nella nostra mente un cambiamento, come se una forza invisibile ci riattivasse e ci sintonizzasse in modo più intenso con il nostro stesso essere. La musica rilassante è un invito diretto al benessere e vale la pena di saperne di più su quest’arte, su questa pratica ampiamente consigliata.
Uomo con degli auricolari

I benefici della musica rilassante

Ogni tre mesi, la APA (American Psychological Association) pubblica una rivista di musica con tutti gli aggiornamenti che riguardano questo tema. Oggigiorno disponiamo di molteplici esperimenti, ricerche e lavori teorici basati o relazionati con la ricerca sperimentale che ci dimostrano una cosa che in qualche modo intuivamo già: la musica, e soprattutto quella rilassante, offre grandi benefici cognitivi, emotivi e neurobiologici.

Vediamo alcune di queste caratteristiche così positive per il nostro benessere.

1. Riduce lo stress

Se scriviamo sul nostro motore di ricerca la parola “musica rilassante”, otterremo mille risultati. Tuttavia, questo stile musicale ha un impatto così chiaro sul nostro cervello da ridurre lo stress? La risposta è “sì”. Per di più, anni fa un gruppo di neuroscienziati del Mind Lab Institution giunse a un dato curioso: la canzone che rilassa di più il ritmo cardiaco, la respirazione e l’attività cerebrale è Weightlessdella banda britannica Marconi Union.

2. I suoni della natura migliorano la concentrazione

Il suono della pioggia che cade su una finestra, un fiume che scorre, il bisbiglio instancabile dell’oceano che sbatte contro uno scoglio, il cinguettio di alcuni uccelli, il canto di una balena…I suoni della natura hanno un potere catartico sul nostro organismo. È come un ritorno alle nostre origini, una via di uscita, un canale che ci fa concentrare e ci libera contemporaneamente.

Alcuni anni fa il progetto BirdLife Focus Natura realizzò un interessante lavoro con il quale dimostrò che la musica rilassante, che prevede suoni naturali e degli animali, migliora la concentrazione e il rendimento dei bambini con ADHD (Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività).

3. Riduce la sensazione di dolore

Ascoltare musica rilassante dopo un’operazione chirurgica migliora il recupero dei pazienti e rende questi momenti un po’ più piacevoli e meno stressanti. Questo dato può sembrarci un po’ particolare, ma proprio come ci spiegano in un articolo del Psychology Today, questo tipo di musica riduce la sensazione di dolore, attiva la produzione di endorfine e rafforza la nostra risposta immunitaria.

Una donna seduta

4. Migliora il  riposo notturno

Gran parte di noi lo fa spesso. Ci mettiamo a letto, spegniamo le luci e ci immergiamo in quella dimensione musicale perfetta, rilassante e di qualità dove risiede l’armonia e l’equilibrio. Ascoltare la musica rilassante con gli auricolari la sera favorisce il riposo, aiuta a staccare la spina dalle preoccupazioni e a ridurre il rumore di quei pensieri fastidiosi che di solito l’ansia alimenta.

5. Migliora la funzione cerebrale

Al nostro cervello piace molto la musica. Si sa, per esempio, che suonar sin da molto piccoli uno strumento musicale potenzia lo sviluppo cerebrale, e migliora il rendimento matematico. La musica rilassante è quasi come una vitamina per i nostri neuroni, ci immerge in uno stato mentale favorevole per migliorare il ragionamento e potenziare le abilità spazio-temporali.

Viene migliorata anche la connessione tra i due emisferi favorendo una comunicazione più rapida tra i neuroni. 

Cervello illuminato

6. Anche il cuore apprezza una sessione di musica rilassante

Abbiamo parlato dei benefici che si ottengono ascoltando musica rilassante durante la fase postoperatoria. Ciò si deve anche all’impatto così salutare che ha sul cuore: riduce la pressione arteriosa e la frequenza cardiaca, i battiti diventano più regolari e ritmici, si riducono le aritmie e il paziente si sente più tranquillo.

7. Più serotonina e endorfine

Le endorfine e la serotonina agiscono anche come neurotrasmettitori, e sono elementi biologici capaci di risvegliare il nostro benessere, la nostra allegria e il nostro impulso vitale. Cosicché, e anche se ciascuno di noi ha i propri gusti musicali e a volte preferiamo molto di più melodie più intense, energetiche e movimentate, non possiamo tralasciare i benefici che la musica rilassante offre al nostro cervello.

Quell’armonia melodica, quelle frequenze perfette, quei suoni ambientali e naturali di fondo favoriscono il rilascio di serotonina ed endorfina. Non esitiamo, pertanto, a cercare un momento della giornata durante il quale regalarci una piccola sessione di questo analgesico musicale.

8. Un’alimentazione più cosciente

Questo dato può sorprenderci. Un’abitudine semplice come ascoltare la musica rilassante mentre mangiamo ci può aiutare ad alimentarci in un modo più cosciente, equilibrato e sano. Dipende fortemente dalla piena attenzione e da mindfulness. È, per così dire, una forma di concentrazione su ciò che facciamo per ridurre il ritmo, per mangiare con più lentezza e sentirci sazi prima, per percepire l’intensità di ogni sapore, per deliziarci attraverso quel processo così pieno di sfumature e sensazioni: l’alimentazione.

Pertanto, non esitate a mangiare qualche volta con una buona canzone rilassante di sottofondo.

9. Favorisce la meditazione

Imparare a meditare non è facile, soprattutto se siamo soliti condurre un ritmo di vita intenso e veloce. Cosicché, ogni volta che cerchiamo di favorire quello stato di rilassamento con il quale iniziare la nostra sessione di meditazione, non sempre ci riusciamo, non sempre raggiungiamo quello stato di calma che aiuta a rilassare il corpo e la mente.

La musica rilassante può aiutarci. Basta cercare uno spazio adeguato, un vestito comodo, degli auricolari e lasciarci andare.

10. Musica rilassante per studiare

La musica rilassante ottimizza i nostri processi cognitivi: ci concentriamo di più, processiamo meglio l’informazione e captiamo i nuovi dati in modo più veloce ed efficace. Proprio come abbiamo già indicato, il nostro cervello adora questo stimolo musicale equilibrato e armonico, con frequenze capaci di ottimizzare i suoi processi più basilari, mantenendolo più concentrato.

Non esistiamo, dunque, a provarlo, ad approfittare della magia di questa musica quando dobbiamo preparare un esame o un concorso. Un altro dato interessante che ci segnalano gli esperti in psicologia musicale è che basta ascoltare ogni giorno 10 o 15 minuti di canzoni o melodie rilassanti per sperimentare certi benefici dopo un paio di settimane. Avvertiremo maggiore calma interiore, gestiremo meglio lo stress e ci concentreremo di più sul nostro quotidiano. Avete forse bisogno di altri motivi per iniziare ad ascoltare la musica rilassante?