La fede muove le montagne

· 30 giugno 2015

La fede è la ferma convinzione del fatto che qualcosa di bello avverrà, o che non succederà niente di brutto, oppure che esiste qualcosa di non puramente materiale che veglia sui nostri sogni, che ci sorprende con esperienze che ci fanno crescere, che si prende cura di noi, ci spinge a migliorare e ci rende fortunati.

A prescindere dal nome che diamo a questa fede, che può essere diverso per ognuno di noi, la verità è che è fondata: se ci crediamo profondamente, le cose alla fine succedono.

Quando abbiamo fede, concentriamo tutta la nostra energia, motivazione e speranza nella realizzazione di un progetto, siamo portati a sviluppare nuove idee e prendere le giuste decisioni. E tutto ciò, naturalmente, aiuta a far sì che si realizzi ciò che desideriamo.

Ma la fede muove le montagne soltanto quando è sincera, quando ne siamo pienamente convinti. Perché, in qualche modo, grazie al nostro atteggiamento positivo, al fatto che ci crediamo profondamente e che concentriamo tutte le nostre emozioni e convinzioni su quel progetto, riusciamo a far sì che diventi realtà. La nostra vita intera si dirige verso quel punto. E avere fede significa anche credere di potercela fare.

Ciò che desideriamo può cambiare nel tempo e modificarsi, perché la vita è sempre una sorpresa. Ma la fede ci aiuta a comprendere che i cambiamenti si incastrano perfettamente nel piano che l’universo ha per noi. Dobbiamo quindi andare avanti, senza dubbi e senza timori, perché se continuiamo ad avere fede in ciò che ci accade, scopriremo che c’è una ragione dietro ogni avvenimento.

La fede è, in realtà, un’importante strumento mentale di suggestione, che ci predispone verso una meta, un obiettivo, con la convinzione che avremo risultati positivi o che, a prescindere dal risultato, quell’esperienza ci insegnerà qualcosa.

Avere dei credi nella vita è importante, perché in questo modo riusciamo a camminare senza dubbi, senza paure e senza pregiudizi.

Tuttavia, è imprescindibile non annullarsi nella fede, ma mantenere attiva la nostra capacità di giudizio critico e i nostri valori. Dobbiamo sempre riflettere e imparare dalle esperienze passate, visto che la fede consiste nel dirigersi verso un obiettivo sperando che la vita ci aiuti, ma senza dimenticare che ci saranno rischi e conseguenze per ogni nostra azione.

Quando riusciremo a comprenderlo, anche nei casi in cui non avremo tutto sotto controllo, non smetteremo di credere in noi stessi, nella vita, nell’Universo. Continueremo ad avere fiducia nel fatto che le cose si sistemeranno e che noi abbiamo fatto il possibile, concentrando in quell’obiettivo tutti i nostri sforzi e capacità. Ora, però, non dobbiamo farci invadere dalla paura, ma dalla fede: dobbiamo continuare a credere nelle nostre possibilità, nella nostra esperienza, nelle nostre capacità… E a credere nella vita, che ci darà i mezzi per raggiungere i nostri sogni.

Come dice il detto popolare, quando abbiamo fede “se la montagna non va da Maometto, Maometto va alla montagna“. L’obiettivo, quindi, sarà raggiunto in ogni caso, se siamo in grado di credere nella magia della vita, nelle nostre capacità e nel fatto che i sogni possono diventare realtà.

Se abbiamo fede, possiamo continuare a sognare.