La straordinaria intelligenza di Forrest Gump

18 aprile 2015 in Film 27 Condivisi

Mamma diceva sempre: “La vita è uguale a una scatola di cioccolatini. Non sai mai quello che ti capita”.

Con questa emblematica frase inizia uno dei film che ha maggiormente segnato gli anni Novanta, tanto da essere diventato oggi un lungometraggio cinematografico imperdibile per gli amanti del genere drammatico.

Nel caso in cui non l’aveste visto, ve lo riassumiamo brevemente. Il film narra la vita di Forrest Gump (interpretato da Tom Hanks), un bambino nato in Alabama e diverso da tutti gli altri, in quanto il suo coefficiente di intelligenza è 75, leggermente inferiore alla media. Per questo motivo è spesso oggetto di scherno da parte dei compagni di scuola, e questo gli impedisce di farsi degli amici in  modo normale. Il personaggio di questa storia indimenticabile è anche cresciuto senza padre, e sua madre è quindi l’unica che può educarlo e occuparsi di indicargli la strada da seguire.

La situazione però cambia quando Forrest conosce Jhenny, una bella ragazza dai grossi problemi familiari, che diventa sua amica per riuscire a dimenticare almeno in parte l’inferno familiare in cui vive. Grazie all’intesa tra loro, riusciranno a stringere un’amicizia che durerà per tutta la vita.

Durante il film, Forrest dovrà anche affrontare altri aspetti e problemi della vita, come l’università, la delusione del primo amore non corrisposto, l’arruolamento nell’esercito. In un modo o nell’altro, l’ingenuità e la personalità unica di Forrest lo portano a vedere sempre il lato positivo delle cose. Non vogliamo svelarvi troppi dettagli sul film, ma siamo sicuri che lo adorerete e ve lo consigliamo.

Essere diverso dagli altri non rende peggiore

Una riflessione molto chiara lungo tutto il film è quella sulla diversità. Anche se nasciamo “diversi” dagli altri (nel caso di Forrest, con un coefficiente di intelligenza più basso), questo non ci rende delle persone peggiori. Tutti abbiamo degli aspetti positivi e altri negativi, per questo dobbiamo riuscire a conoscerci in profondità, in modo da sapere quali sono le virtù che renderanno il nostro mondo migliore.

Se non ci credete, chiedetelo a Forrest: anche se il suo QI era al di sotto della media, la sua intelligenza emotiva riusciva a rallegrare la vita di chi gli stava accanto, contagiando ottimismo.

Sorridete alla vita

La vita di Forrest non è tutta rose e fiori. Durante il film lo vedrete affrontare diverse situazioni e problemi gravi. Tuttavia, riuscirà ad uscirne sempre a testa alta e con un ampio sorriso dipinto sul viso. Per questo è un protagonista degno di servirci da ispirazione per la nostra quotidianità. Non importa quanto cupa ci sembri la situazione che stiamo vivendo, con un po’ di impegno e forza di volontà, potremo sempre farcela.

Guardando questo film è impossibile non pensare che non vale la pena avvilirsi di fronte alle difficoltà. Prima o poi, la vita ci riserva dei momenti indimenticabili che lasceranno il segno per sempre.

Guarda anche