Le persone brillanti a volte fingono di non esserlo?

Le persone davvero brillanti in genere hanno difficoltà ad adattarsi a svariati contesti. Nel lavoro, a volte, si preferiscono le persone inette e obbedienti. Tutto questo porta spesso le persone brillanti a nascondere le proprie abilità...
Le persone brillanti a volte fingono di non esserlo?
Valeria Sabater

Scritto e verificato da la psicologa Valeria Sabater.

Ultimo aggiornamento: 13 gennaio, 2023

Siete tra quelli a cui è successo di eliminare titoli di studio ed esperienze dal proprio curriculum per ottenere un lavoro? A volte vediamo le nostre capacità e il nostro valore più come un problema che come un vantaggio. Soprattutto quando siamo consapevoli che ci sono scenari nella nostra società in cui la mediocrità è preferita al talento. E le persone brillanti finiscono per fingere di non esserlo.

Lo vediamo spesso in certe figure che, nonostante la loro inettitudine, raggiungono posizioni dirigenziali. Dietro queste realtà ci sono, ad esempio, gli anti- leader, figure che preferiscono i lavoratori fedeli alle persone di grande valore. Perché ciò che molte organizzazioni vogliono è che nulla cambi, che l’autorità non venga sfidata e che non arrivino nuove idee.

In certi casi si preferisce la stupidità funzionale alla mente innovativa, a quella che con la sua flessibilità, risolutezza e prospettiva critica, riformula strutture e porta progresso. Gran parte di questa realtà può spiegare perché le persone più brillanti sono deluse e talvolta scelgono di mascherare il proprio potenziale.

Siamo esseri sociali e molte volte ciò di cui abbiamo più bisogno è adattarci, trovare un lavoro, non essere lo “strambo” che nessuno capisce e che a volte ci mette a disagio. Tuttavia, di fronte a questa strategia, non resta che porsi una domanda… Può essere felice chi è costretto a sminuire il proprio valore per integrarsi?

Le persone altamente intelligenti sono molto riflessive, critiche e alla ricerca della verità. Questo spesso li fa sentire disillusi da un ambiente che non sempre riconosce chi ha più valore.

Il team di lavoro che parla di persone intelligenti a volte finge di non esserlo
La persona più intelligente non è sempre la più adatta per determinati lavori. Questo è noto e sono molti quelli che abbassano le loro qualità.

Motivi per cui le persone brillanti fingono di non esserlo

Viviamo in un mondo in cui i più ignoranti sono percepiti come i più talentuosi (effetto Dunning-Kruger) e i più preparati sottovalutano il proprio valore (sindrome dell’impostore). Questo, che ci può sembrare molto ironico, cela, in realtà, una terribile tragedia. Le persone più brillanti e competenti sono sprecate in un sistema sostenuto ma non avanzato.

A questo contesto si aggiunge la realtà già menzionata: spesso, le persone brillanti, intelligenti fingono di non esserlo per pura sopravvivenza sociale. Quelli con un QI più alto tendono ad avere più problemi di adattamento e questo significa perdere molti benefici sociali. Un esempio di ciò è non avere una carriera professionale o addirittura non avere una buona rete di amici o addirittura un partner.

Scaviamo un po’ più a fondo in quei fattori che spiegano perché qualcuno brillante riduce le proprie capacità.

I bambini più brillanti vengono etichettati a scuola come “sapientoni” e “saccenti”. Molte volte possono persino subire il bullismo e sentirsi respinti per il loro talento. Questo può portarli, a un certo punto, a scegliere di sminuire le proprie capacità per adattarsi e non attirare l’attenzione.

La sovraqualificazione è un problema per ottenere un lavoro

Le persone più intelligenti a volte fingono di non esserlo perché si sentono come pesci grossi in piccoli stagni. Ci sono così poche offerte di lavoro per dipendenti altamente istruiti che non c’è altra scelta che abbassare le aspettative e “tagliare” il curriculum.

La sovraqualificazione è vista come una minaccia in molti contesti lavorativi. Ciò è dovuto, innanzitutto, al fatto che non vengono create posizioni sufficienti per questi profili. In secondo luogo, perché non sempre riescono/volevano restituire quanto meritano. C’è anche un altro fattore interessante.

L’Università dell’Australia occidentale ha condotto uno studio in cui ha evidenziato che molti manager presumono che quando una persona è troppo qualificata per una posizione, tende ad annoiarsi. A poco a poco, questa percezione che le proprie capacità siano al di sopra dei propri compiti fa sì che finiscano per disconnettersi dalle proprie responsabilità e lascia spazio all’ostracismo.

Ci sono molti pregiudizi intorno alle persone brillanti e di talento. Questo spiega perché spesso, pur di sopravvivere e ottenere un lavoro semplice, scelgono di abbassare gli occhi e tagliare il proprio curriculum.

Adattarsi socialmente è un’eterna ricerca

L’Università di Singapore ha dimostrato in uno studio che mentre la stragrande maggioranza si sente felice di condividere il tempo con gli amici, le persone più intelligenti amano di più la solitudine. Tuttavia, questo non significa che siano figure asociali e che non abbiano bisogno di una connessione con gli altri. Perché, come esseri umani, ne abbiamo tutti bisogno.

Per questo motivo, per costruire una rete di base di amicizie, sono spesso costretti a diluire se stessi, a creare un “carattere” meno profondo e brillante con cui entrare in contatto con gli altri attraverso conversazioni più banali.

Quando le persone fingono di essere qualcosa che non sono, lo fanno per mera sopravvivenza, perché hanno capito che questo rende più facile la loro vita quotidiana e anche il loro adattamento.

Le persone brillanti e la necessità di non attirare l’attenzione

Le persone intelligenti a volte fingono di non esserlo per evitare la sofferenza. Questo potrebbe sorprenderci ma è un fatto che vediamo spesso. Il bambino con elevate capacità intellettive subisce spesso situazioni di bullismo. Molti hanno passato parte della loro vita accademica trascinandosi dietro i soprannomi più svariati e qualche insulto.

Crescere come quello strano anatroccolo o gufo saccente che era sempre solo nel cortile della scuola lascia un segno. E anche più di un trauma. Qualcosa del genere a volte fa sì che, una volta raggiunta l’età adulta, scelgano di reprimere la loro personalità, il loro carisma, il loro talento e la loro conoscenza. Tutto questo come meccanismo di base per evitare il rifiuto e il dolore sofferto durante l’infanzia.

la ragazza che pensa alle persone intelligenti a volte finge di non esserlo
Ci sono molte donne intelligenti che tendono ad abbassare la propria intelligenza per non intimidire potenziali partner affettivi.

Che effetto fa nascondere ciò che siamo?

Se c’è una caratteristica che definisce le persone altamente intelligenti, è la loro capacità di risolvere i problemi. In questo modo, quando sono consapevoli che il talento e una mente brillante sono visti come minacce, è normale che questi uomini e queste donne vogliano risolvere con decisione quella sfida. E il risultato è tagliare le potenzialità, fingere conversazioni irrilevanti, lasciarsi trasportare dall’inerzia dei contesti.

Che effetto ha questa strategia? Il risultato non potrebbe essere più negativo. Se scegliamo di togliere studi e valori dal nostro curriculum per ottenere un lavoro, finiremo per essere demotivati e frustrati. Se decidiamo di fingere una certa ingenuità per non mettere a disagio qualcuno che ci piace, apparire arroganti o mostrarci più intelligenti di lui/lei, vivremo nella contraddizione e nell’infelicità.

Fingere ciò che non si è, nascondere ciò che si vale e creare un personaggio da adattare annacqua il nostro essere autentico. Vivere in un’eterna distorsione del nostro essere ci porta alla depressione, a confonderci in una società che ci vuole lo stesso. Quando essere diversi, unici ed eccezionali è un valore che bisogna saper accettare, sfruttare e valorizzare.

Ci saranno sempre persone che apprezzano e cercano il più brillante; non spegniamo la nostra luce interiore per vivere nell’oscurità con gli altri. Fidiamoci di noi stessi.

Potrebbe interessarti ...
Il lato oscuro dell’intelligenza emotiva
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Il lato oscuro dell’intelligenza emotiva

L'UNESCO la definisce come elemento chiave dell'apprendimento emotivo. Esiste però un lato oscuro dell'intelligenza emotiva di cui non tutti parlan...



  • Furnham, A., Dissou, G., Sloan, P., & Chamorro-Premuzic, T. (2007). Personality and intelligence in business people: A study of two personality and two intelligence measures. Journal of Business and Psychology22(1), 99-109.
  • Gonzalez-Mulé, E., Carter, K. M., & Mount, M. K. (2017). Are smarter people happier? Meta-analyses of the relationships between general mental ability and job and life satisfaction. Journal of Vocational Behavior99, 146-164.
  • Li NP, Kanazawa S. Country roads, take me home… to my friends: How intelligence, population density, and friendship affect modern happiness. Br J Psychol. 2016 Nov;107(4):675-697. doi: 10.1111/bjop.12181. Epub 2016 Feb 4. PMID: 26847844.
  • Liu, S., Luksyte, A., Zhou, L., Shi, J., & Wang, M. (2015). Overqualification and counterproductive work behaviors: Examining a moderated mediation model. Journal of Organizational Behavior36(2), 250-271.

I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.