Le credenze: l'importanza di questi processi mentali, secondo la psicologia

Vi siete mai domandati come nasce una credenza? Sapete perché alcune di queste sono così limitanti e provocano malessere? La psicologia studia da tempo questi sotterfugi della mente. Scoprite tutto ciò che c'è da sapere continuando a leggere.
Le credenze: l'importanza di questi processi mentali, secondo la psicologia
Valeria Sabater

Scritto e verificato la psicologa Valeria Sabater.

Ultimo aggiornamento: 31 maggio, 2023

Le credenze in psicologia costituiscono la colonna portante del comportamento umano. Sono quelle convinzioni costruite sulla realtà e che fungono da scorciatoie mentali per quasi tutte le situazioni. Grazie a loro, il cervello trova un significato alle cose – vere o no – per muoversi in un ambiente sempre complesso e stimolante.

Ora, il problema è che una parte di quelle credenze che ci permettono di interpretare il mondo può essere dannosa. Inoltre, le credenze portano a conclusioni errate o agiscono contro il proprio vantaggio. Questo spiega perché parte della terapia psicologica consiste nell’affrontare tali tipi di costruzioni cognitive che i pazienti creano.

“Siamo ciò in cui crediamo”.

-Wayne Dyer-

Credenze nella psicologia: cosa sono, come funzionano e come si formano

Le credenze sono convinzioni costruite sul mondo e che servono a funzionare con il pilota automatico. Questi sono modelli inconsci che rendono più facile comprendere la realtà, attraversarla e persino sopravvivere. Allo stesso modo, gran parte di ciò che si crede costituisce, a sua volta, la base degli atteggiamenti e questi, a loro volta, guidano il comportamento quotidiano.

Come sottolinea lo psicologo e premio Nobel Daniel Kahneman, alcune credenze non hanno prove e, nonostante ciò, hanno una validità assoluta. Vale a dire, sebbene una parte di questi prodotti mentali ci sia utile e benefica, ce ne sono altri che agiscono contro di essi. Un esempio di ciò sono le convinzioni limitanti. Il problema è che non è facile disattivarli o cambiarne il significato. Scopritene di più.

Mente con labirinto all'interno che simboleggia le credenze della psicologia
La maggior parte delle credenze più basilari si formano durante l’infanzia.

Che funzione hanno?

Dalla psicologia le convinzioni vengono utilizzate per comprendere e navigare in tutti gli scenari sociali. Tuttavia, ci sono più pezzi che rimangono da capire. Inoltre, hanno le seguenti funzioni:

  • Ci guidano per ricordare chi siamo e cosa ci definisce.
  • Il cervello usa le convinzioni per classificare e valutare istantaneamente tutte le informazioni, trarre una conclusione e agire.
  • Queste scorciatoie mentali permettono di “riempire” l’ignoto. Ad esempio, quando si tratta di sapere se ci si può fidare o meno di una persona, si accede alle proprie convinzioni per capire come agire.
  • Aiutano ad adattare le nuove informazioni ricevute, partendo dal quadro delle idee interiorizzate. In altre parole, quando si tratta di elaborare ciò che arriva non si parte mai da zero: si parte dalle convinzioni.

Le credenze ti permettono di muoverti in un mondo in cui a volte nulla sembra avere un senso e l’imprevedibile domina l’orizzonte. Ciò in cui credi fornisce una base e un filtro per capire (o credere di capire) cosa sta succedendo.

Come si formano le credenze?

Credere in un dio, negli UFO, nelle teorie del complotto o nell’autoefficacia per raggiungere gli obiettivi. Le credenze determinano, guidano e sono alla base di atteggiamenti, comportamenti e persino emozioni. Ma come si formano nel cervello? Quale meccanismo progetta questi processi?

  • Le credenze si formano in due modi: da esperienze e deduzioni o dall’influenza dell’ambiente sociale.
  • Buona parte di queste scorciatoie mentali si costruiscono nell’infanzia, attraverso l’educazione e l’ambiente circostante (famiglia e scuola).
  • Lavori come quelli pubblicati sulla rivista Nature evidenziano che il cervello è come “un motore per la costruzione di credenze”. Quello che fa è dare un significato a tutte le informazioni che riceve, e poi razionalizzarle. Una volta completato il processo, si rifiuta di convalidare qualsiasi cosa o qualsiasi idea che metta in discussione tale convinzione.
  • La ricerca pubblicata dalla JSS Academy of Higher Education & Research indica che le convinzioni sono anche un prodotto del cervello emotivo. Il suo modo di interiorizzare parte anche da complessi processi biochimici e neurologici. Questo spiega la difficoltà nel cambiare le convinzioni.

Le convinzioni sono alla base dei nostri atteggiamenti e comportamenti, ma sono molto difficili da cambiare, anche se sono dannose, limitanti e causano infelicità.

Uomo che illumina la mente per rappresentare le credenze della psicologia
Rivedere le convinzioni può portare grandi benefici.

Tipi di credenze e loro significato per la psicologia

Le credenze della psicologia costituiscono una questione di grande interesse e significato. Contribuiscono alla comprensione di fenomeni come la discriminazione e il pregiudizio. Anche la causa di molti disagi, infelicità e disturbi mentali. La depressione e l’ansia hanno alla base credenze irrazionali.

D’altra parte, è importante sapere che le convinzioni possono essere di natura potenziante o limitante. Non tutti mediano le nostre potenzialità, da qui l’importanza di rivedere, di volta in volta, quel radicato sistema interno.

Credenze dannose o irrazionali

Le credenze sono interne o esterne, cioè possono provenire dall’ambiente sociale o essere costruite da noi stessi . In alcuni casi, l’ambiente familiare, sociale o culturale trasmette convinzioni dannose e dannose. La Wageningen University and Research, nei Paesi Bassi, sottolinea qualcosa di interessante al riguardo.

È la mente che più spesso stabilisce o convalida convinzioni dannose attraverso il feedback o il pensiero dicotomico o in bianco e nero ; trappole che annullano le prospettive mentali più razionali e sane.

Lo psicoterapeuta Albert Ellis ha fornito diversi esempi di quei modelli irrazionali che sono spesso interiorizzati:

  • Colpa
  • Convinzione di non avere il controllo su nulla.
  • Percezione che tutto ciò che verrà è avverso.
  • Credenze di accettazione: tutti devono accettarmi e convalidarmi.
  • Credenze indifese: io sono così e non posso farne a meno; Qualunque cosa tu faccia, tutto andrà storto.

Coltivare le convinzioni

Le credenze in psicologia possono anche essere positive, responsabilizzanti e salutari per l’essere umano. Sono quelli che permettono di dare valore e promuovere l’autoefficacia, in modo che i pensieri abbiano una forma e le emozioni siano più arricchenti. Ma perché ci sono persone dotate di un sistema di credenze più positivo?

  • L’educazione ricevuta interviene nell’integrazione di convinzioni adeguate e sane.
  • La capacità di lavorare, aggiornare e riformulare le convinzioni, quando necessario, media direttamente il benessere.

Perché le credenze sono rilevanti per la psicologia?

I sistemi di credenze influenzano, nel bene e nel male, quasi tutto ciò che pensiamo, sentiamo e facciamo. La psicologia focalizza l’attenzione su ciò che si crede per comprendere gran parte della sofferenza, dei comportamenti limitanti e dell’infelicità. Dopotutto, ciò a cui attribuiamo un significato modella il modo in cui comprendiamo il mondo.

  • Le credenze sarebbero il germe di molti attriti come esseri sociali.
  • Spesso ciò che viene trasmesso nell’infanzia costituisce buona parte di alcuni disturbi mentali. Le convinzioni di inferiorità, inutilità o indegnità dell’amore sono dannose a tutti i livelli.
  • La terapia psicologica lavora sul substrato delle convinzioni del paziente. Cambiare o, almeno, riflettere su ciò a cui diamo validità, potrebbe generare cambiamenti molto benefici.

Per concludere, a volte chiedere qualcosa di così basilare come “in cosa credo?” è molto ripugnante; Permette di rendersi conto di quali convinzioni non sono utili, di sostituirle con altre potenzianti. La psicologia sarà sempre lì per aiutare in questo viaggio di cambiamento e trasformazione.

Potrebbe interessarti ...
Crescita personale: convinzioni che la ostacolano
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Crescita personale: convinzioni che la ostacolano

Sono molte le convinzioni che ostacolano la crescita personale, tuttavia, non riusciamo ad accettarlo. Si insidiano nella nostra vita quasi in modo...


Tutte le fonti citate sono state esaminate a fondo dal nostro team per garantirne la qualità, l'affidabilità, l'attualità e la validità. La bibliografia di questo articolo è stata considerata affidabile e di precisione accademica o scientifica.



I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.