5 segnali del fatto che state educando figli narcisisti

· 21 luglio 2016

L’autostima è un aspetto dell’educazione dei figli che noi genitori non possiamo trascurare, perché da essa dipende il sano sviluppo emotivo dei bambini. Tuttavia, negli ultimi anni si è data una tale importanza all’autostima infantile, che molti genitori tendono a spingersi oltre, a tal punto da trasformare i loro figli in narcisisti.

Uno studio recente sull’egolatria infantile ha rivelato che i genitori che pensano che i loro figli siano migliori di quelli degli altri non aiutano per nulla i bambini ad aumentare la loro autostima. Al contrario, li danneggiano, perché aumentano il rischio di farli diventare narcisisti. Lo studio ha rilevato che per potenziare davvero l’autostima, la cosa importante è che i bambini si sentano amati, non che si credano migliori degli altri.

Secondo i ricercatori, quando i bambini sanno che i loro genitori li ritengono “speciali” e credono che abbiano più diritti rispetto agli altri, possono interiorizzare quel punto di vista, arrivando a sentirsi superiori e a trasformarsi in persone narcisiste. Al contrario, quando i bambini vengono trattati dai genitori con affetto e apprezzamento, interiorizzano l’idea di essere persone importanti, una visione che è alla base della sana autostima.

Tuttavia, il fatto che i genitori sopravvalutino i propri figli non è l’unico elemento che alimenta il narcisismo nei bambini. I ricercatori ricordano che, proprio come accade per altri tratti della personalità, il narcisismo ha anche una componente genetica e, in parte, vede le sue radici già nelle prime manifestazioni del temperamento. A causa delle loro caratteristiche personali, inoltre, alcuni bambini potrebbero essere più propensi di altri a diventare persone narcisiste quando sono esposti a un’eccessiva attenzione da parte dei genitori.

Come sapere se state educando un figlio narcisista

I tratti che vi presentiamo a seguire sono chiari segni del fatto che lo stile educativo che state utilizzando per crescere vostro figlio può favorire la comparsa di un’attitudine narcisista nel bambino. Prestare attenzione a questi aspetti e regolarsi di conseguenza vi aiuterà a far sì che il vostro bambino abbia uno sviluppo emotivo e psicologico più sano e che non si trasformi in una persona narcisista.

Non dobbiamo dimenticare che, dal punto di vista psicologico, il narcisismo è un vero e proprio disturbo della personalità, che porta a molte conseguenze negative nelle persone che ne sono affette.

1. Far credere a vostro figlio che è infallibile

Alcuni bambini fanno fatica ad avere fiducia in se stessi. Anche quando sono perfettamente in grado di realizzare alcune attività perché ne hanno le capacità, restano paralizzati perché si sentono terrorizzati dalla possibilità di fallire. Per stimolare la loro autostima, è necessario dar loro fiducia, incitarli ed elogiarli, perché si rendano conto che possono farcela.

Tuttavia, una cosa è elogiare i bambini, riconoscere le loro vittorie, festeggiare i loro trionfi e renderli fiduciosi della loro capacità di risolvere i problemi e avere successo nella vita; un’altra cosa, ben diversa, è far credere loro che non sbaglieranno mai.

È necessario che i bambini imparino a convivere con l’errore, ed è proprio l’errore la migliore medicina per il bambino narcisista. Anzi, il bambino dovrebbe riuscire a concepire l’errore come parte del gioco e come elemento utile all’apprendimento. Deve imparare ad accettarlo, a cadere e a rialzarsi, proprio come quando impara a camminare. Chi sbaglia almeno ci ha provato, si è dato l’opportunità di riuscirci.

figlio unico2

2. Paragonare continuamente vostro figlio con gli altri per dimostrare la sua superiorità

A partire dai 7 o 8 anni, i bambini iniziano a paragonarsi agli altri. A volte l’interesse verso questi paragoni inizia proprio per colpa dei genitori, che si mostrano ansiosi di dimostrare quanto i loro figli siano bravi o quante virtù abbiano.

Questi paragoni, però, sottopongono i bambini sotto una forte pressione, perché fanno sentire loro che non possono essere da meno rispetto ai loro compagni. Quando un bambino spicca in qualcosa, è bene riconoscere le sue capacità, ma senza paragonarlo agli altri.

Essere bravo o persino essere il migliore in qualcosa non significa essere superiore, ma i bambini non vedono le cose in questo modo, perché hanno ancora una visione del mondo grossolana, che devono ancora raffinare. Dobbiamo essere noi, quindi, ad aiutarli a capire che ci sono sempre delle sfumature.

3. Offrire un modello educativo incapace di accettare le critiche

Ascoltare le critiche degli altri è piuttosto spiacevole per la maggior parte degli adulti, figuriamoci per un bambino narcisista. Ma bisogna saper accettare le critiche che ci vengono poste in modo costruttivo e offrire ai bambini un modello che li spinga a fare lo stesso. Questo non significa dover dire di sì a tutto e abbassare la testa, ma mostrarci critici con noi stessi, parlare dei nostri problemi e riprometterci di migliorare dove possiamo farlo.

Se i bambini vedono che i loro genitori non sono in grado di accettare le critiche, che si chiudono quando dovrebbero valutare dei cambiamenti benefici o che si comportano come se avessero sempre ragione, senza tenere conto dell’opinione degli altri, è molto probabile che agiscano allo stesso modo.

Alcuni genitori, inoltre, non sono nemmeno in grado di accettare le critiche che vengono rivolte ai loro figli e reagiscono in modo irrazionale pur di non dover far scendere il loro pargolo dal piedistallo della perfezione e superiorità su cui l’hanno messo, il che è ancora più pericoloso.

bambini impulsivi2

4. Vantarsi del bambino e giustificare i suoi errori

Siamo onesti. Una cosa è essere orgogliosi di nostro figlio e un’altra, molto diversa, è vantarci di lui e difenderlo di fronte qualsiasi critica, giustificando qualsiasi suo errore o difetto pur di dimostrare che è il migliore. Questo comportamento non lo renderà migliore, anzi. Alcuni bambini che hanno genitori che si vantano di loro reagiscono ribellandosi, mentre altri alimentano il loro narcisismo. Nessuna delle due opzioni rappresenta un percorso facile e sano per loro.

Non c’è niente di male se un bambino sbaglia ogni tanto. Non succede niente. Non dobbiamo vergognarci. Giudicare i suoi comportamenti invece di fargli capire che non si può essere sempre perfetti priva il bambino di un’opportunità di apprendimento.

5. Parlare male dei bambini diversi o “inferiori”

Un bambino diverso o un bambino con meno capacità del nostro non è un bambino inferiore. Eppure, se gli adulti lo criticano per una sua mancanza, che sia intellettiva o fisica oppure perché si veste in modo diverso, anche i loro figli penseranno di essere superiori, e che gli altri siano inferiori.

A volte questo modo di giudicare in modo negativo gli altri è una delle strategie che impieghiamo per mettere in luce gli aspetti in cui crediamo di essere migliori. Ma, per esempio, che una persona sia più brutta di noi non ci farà diventare più belli o intelligenti.

Non è necessario sottolineare i difetti degli altri per mettere in luce i nostri pregi. Ma se un genitore continua a parlare male degli altri bambini per far sentire il proprio più importante, riuscirà solo a far interiorizzare al figlio questa concezione errata su se stesso e sul suo valore.